nepenthes

Domanda: come trattare le giovani piante di nepenthes?

Grazie alle cure da te indicate sul sito la mia nepenthes (torba acida di sfagno, bark e perlite con acqua demineralizzata) è bellissima. Ho scoperto che è appena spuntata un'altra piantina ad 1cm circa dal tronco. La stacco e la faccio crescere autonomamente in un altro vaso? Cosa mi consigli? Grazie Diego
nepenthes

Vivai Le Georgiche Nepenthes Alata (Carnivora)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Risposta: nepenthes accestite

Gentile Diego,

è abbastanza comune vedere delle nepenthes accestite, ovvero, come accade per alcune succulente, delle nepenthes che piuttosto che una sola pianta, sono costituite da più piante che si sviluppano vicine; nel tuo caso, puoi provare a staccare la giovane pianta, e rinvasarla da sola, in modo da evitare che il suo sviluppo vada a discapito della pianta “madre.

Prima di staccarla, attendi che sia di dimensioni tali da poter essere maneggiata senza grandi problemi, per evitare di rovinarne il fogliame.

La nuova pianta avrà le stesse identiche esigenze della pianta madre. Posizionala in un vaso di dimensioni contenute, visto che queste piante non producono un apparato radicale tale da necessitare di grandi contenitori, e inoltre sembra che vasi troppo grandi non siano apprezzati da tutti gli esemplari di nepenthes.

Queste piante sono originarie delle zone tropicali dell4asia e dell’Australia, e devo farti i complimenti perché non sono di coltivazione molto semplice; in casa infatti il clima è sempre eccessivamente asciutto, e all’aperto il clima è eccessivamente freddo.

Quindi si coltivano in casa nei mesi freddi e all’aperto nei mesi caldi, in posizione molto luminosa.

Per avere successo nella coltivazione delle piante carnivore le regole fondamentali sono tre:

1 Niente concime: le piante carnivore si procurano l’azoto di cui necessitano direttamente dalle prede che catturano, digerendole nel corso di giorni. Nonostante il nome, e nonostante la pessima fama che si sono fatte, in effetti le piante carnivore non si nutrono di grandi quantità di insetti; in genere un moscerino a settimana dona azoto sufficiente per circa una settimana di vita di una piccola pianta.

Se concimate, queste piante deperiscono rapidamente, perché l’eccesso di Sali nel terreno è dannosissimo.

2 terriccio acido; si utilizza la torba di sfagno. Evitiamo i terriccio universali o i terricci precostituiti, perché molto spesso sono concimati, e quindi rovinano la pianta, e possono portarla anche alla morte.

3 alta umidità; tutte le piante carnivore vivono in zone molto umide; quelle esotiche provengono dal sottobosco delle foreste pluviali, come buona parte delle orchidee; le carnivore di origine europea invece sono originarie di stagni, acquitrini, pozze umide. Quindi il terriccio va mantenuto sempre abbastanza umido e fresco, e le specie che svernano in casa necessitano di frequenti vaporizzazioni, per mantenere alta l’umidità dell’aria.

Molti appassionati coltivano queste piante in appositi terrari chiusi, in modo che sia facile controllare umidità ambientale, quantità di luce, presenza di insetti, come spesso si fa anche per le orchidee.

  • pianta carnivora Il genere Nepenthes comprende moltissimie specie diverse, diffuse per la maggior parte in un area che va dal Madagascar, alla Cina sino all'Indonesia, Malaysia e Borneo.Sono piante tropicali, abitua...
  • sarracenia psittacina Stò da poco cimentandomi con la coltivazione delle meravigliose carnivore , ho 3 Sarracenie , 2 Drosere , 1 Nephentes , 2 Pinguicule.Ho un grosso problema : dispongo di un solo balcone disposto a no...
  • Le piante del genere nepenthes sono tutte piante carnivore, originarie della fascia tropicale, che dall’Asia si estende verso le Filippine, fino quasi in Australia, e alcune specie presenti anche in M...
  • pianta carnivora Le piante appartenenti al genere Drosera sono piante carnivore molto evolute, dotate di sitemi di cattura molto particolari. Le foglie di queste piante sono dotate di minuscoli tentacoli, muniti all'e...




COMMENTI SULL' ARTICOLO