Piante gelate

vedi anche: Trova piante

Domanda : Piante gelate

Salve!a causa del troppo freddo mi si sono gelate le piante grasse, ci sono dei rimedi? oppure sono morte del tutto? grazie

echinocactus

1 PIANTA DI GIUGGIOLO zizyphus vulgaris

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,5€


Risposta : Piante gelate

Gentile Grazia,

molte succulente sopportano senza problemi il gelo, anche se intenso, anche se le temperature sono inferiori ai -10°C, altre lo sopportano per brevi periodi, altre ancora sono originarie di zone con clima perennemente mite, e quindi anche temperature inferiori ai 5-6°C le rovinano vistosamente; la problematica fondamentale, anche se tutte le tue piante fossero di generi e varietà molto resistenti al gelo, sta nell’umidità: moltissime succulente resistenti al freddo, possono venire lasciate tranquillamente all’aperto, solo se il terreno è decisamente ben secco e asciutto, senza acqua. Infatti è l’acqua presente sulle piante e nel terreno, a contatto con le radici, che rovina le piante resistenti al gelo; quelle scarsamente resistenti al freddo, vengono invece rovinate anche semplicemente da alcune folate di vento molto freddo.

Detto questo, quando una pianta riceve delle temperature eccessivamente basse, addirittura il gelo, le cellule all’interno del fusto non legnoso e delle foglie muoiono; è come se il gelo le facesse esplodere.

In seguito tutte le parti esposte tendono a divenire dapprima mollicce e flosce, e in seguito possono degenerare in tessuti necrotici, scuri e marcescenti.

L’entità del danno causato alle tue piante dipende molto dal tempo che hanno passato al gelo, e da quanto erano bagnate; se anche il terreno è stato coinvolto nel freddo intenso, allora è probabile che anche l’apparato radicale abbia subito dei danni, nel qual caso è altamente improbabile che le tue piante si riprendano.

Se invece soltanto i fusti hanno subito il gelo, o fortunosamente soltanto gli apici delle piante sono rimasti congelati, allora hai ancora qualche chance di salvare le tue piante.

Infatti se le piante si presentano completamente mollicce e flosce, allora ti conviene gettarle subito, le sostituirai in primavera con piante nuove; se invece le tue piante presentano zone gelate, con maculature e parti morbide, ma buona parte del fusto è ancora sano e turgido, allora puoi sperare di salvare un poco di quello che rimane.

Si procede asportando tuta la parte rovinata dal freddo, utilizzando un coltello affilato e pulito, possibilmente sterilizzato, visto che il freddo e le parti marcescenti possono aver aperto la strada a malattie batteriche o fungine; quindi pulisci e sterilizza il coltello ad ogni taglio, per evitare la trasmissione di eventuali malattie da pianta a pianta.

Una volta asportata la parte rovinata dal freddo, gettala, e coltiva le tue piante “potate” come sempre, annaffiandole solo sul terreno e solo se il substrato è ben asciutto. Evita di esporre al sole pieno per molte ore le piante da poco potate, per evitare che ricevano scottature.

Sicuramente il risultato non sarà necessariamente esteticamente bello, soprattutto se le tue piante sono cactacee a fusto singolo; ma le cactacee potranno con il tempo germogliare attorno alla ferita che hai causato con la potatura, tornando belle e sane.

Per quanto riguarda altri tipi di succulente una potatura alla base permette spesso di ottenere piante più sane e anche esteticamente più belle e rigogliose.

  • piante grasse gruppo che comprende decine di piante succulente sempreverdi originarie dell'Europa, dell'America e dell'Asia. Si presentano come dense rosette di foglie carnose, per lo più arrotondate, talvolta allu...
  • piante grasse Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento co...
  • Genere di circa tre specie di cactus, provenienti dal Messico, a fusto eretto, che può raggiungere, in natura, anche i quattro metri di altezza. Il fusto è verde-blu, ricoperto di pruina e cresce abba...
  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...

Verdemax 6560 30 g/mq 1,6 x 20 m tessuto non tessuto protettivo Rotolo di rete, colore: bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,1€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO