riconoscimento succulente

Domanda: come si riconoscono le succulente?

le invio le foto delle piantine vorrei sapere come vanno tenute per singola piantina e come vanno annaffiate io la ringrazio tanto
aloe ferox

Opuntia diademata 25 cm, cactus, pianta grassa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


riconoscimento succulente: Risposta: le specie di piante grasse

Gentile Guido,

la prima piantina delle tue foto è una aloe ferox, si tratta di una specie abbastanza delicata, che viene in genere coltivata in giardino soltanto nel periodo estivo, in una zona ben luminosa, con alcune ore di sole diretto ogni giorno; da marzo a settembre annaffiala ogni volta che il terreno è ben asciutto, ricordando che teme i ristagni idrici e gli eccessi di acqua, e ben sopporta la siccità. Si tratta di un’aloe che non ama molto il freddo, quindi in inverno si tiene in un vano scale, o comunque in una zona dove possa avere un clima con temperature minime superiori ai 5°C.

La seconda piantina, quella costituita da delle sepcie di pseudobulbi, da ognuno dei quali si eleva una coppia o più foglie verdi, con puntini, è una scilla violacea; in effetti si tratta di una bulbosa, con foglie carnose, un sinonimo molto utilizzato per questa pianta è ledebouria socialis; in primavera da ogni bulbo viene prodotto un sottile stelo che porta una pannocchia di piccoli fiori campanulati. In effetti più che di una succulenta si tratta di una bulbosa, i cui bulbi si sviluppano non del tutto interrati, e sono ben visibili; si coltiva come una perenne che teme il gelo, quindi in giardino per tutta la bella stagione fino all’autunno, in serra fredda o in luogo riparato all’arrivo dei freddi. Si pone in luogo soleggiato o semi-ombreggiato, e da marzo a settembre si annaffia con regolarità, attendendo che il terreno asciughi tra due annaffiature.

Le altre due foto sembrano di un dinteranthus, o di altra aizoacea; si tratta di piccole succulente, affini ai lithops, i sassi viventi, a fioritura autunnale; si coltivano in mezz’ombra, in luogo dove le temperature non scendano mais otto i 5°C. Si annaffiano solo quando il terreno è ben asciutto, e quando si sviluppano le nuove foglie, a scapito delle vecchie che disseccano, si interrompono le annaffiature, fino a che le vecchie foglie non siano disseccate completamente.

L’ultima foto, nonostante sembri una cactacea, si tratta invece di una euphorbia, e precisamente di una euphorbia obesa. Anche questa succulenta non ama temperature inferiori ai 5°C, e necessita di annaffiature soltanto nella bella stagione, evitando ristagni ed evitando di annaffiare quando il terreno è ancora umido.

Tutte le tue piante amano vasi abbastanza piccoli, si rinvasano a fine inverno, utilizzando una composta per piante succulente, ovvero molto ben permeabile, con sassolini o sabbia per alleggerirla.

Le concimazioni si praticano da aprile a settembre, utilizzando un concime specifico per succulente, ricco in potassio e povero in azoto, ogni 15-20 giorni.

    200 bulbi di CROCO DA ZAFFERANO (Crocus sativus) di circonferenza 10/+ cm - BUONO D'ACQUISTO spedizione in AGOSTO 2017

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 75€


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO