Piante grasse

vedi anche: Piante Grasse

Come irrigare le piante grasse

Le piante grasse immagazzinano acqua nelle loro foglie, negli steli e nelle radici. Pur essendo resistenti a condizioni aride, hanno bisogno di essere innaffiate regolarmente. Esse vanno irrigate in maniera abbondante, avendo cura di svuotare sempre l'acqua che si accumula nel sottovaso. Prima di ripetere l’operazione, il terreno deve asciugare completamente. Si raccomanda il controllo una volta a settimana. Una buona qualità di terriccio, mescolato ad un materiale come la perlite, contribuisce a garantire un ottimo drenaggio. Anche i vasi fanno la loro parte: i fori salvaguardano le radici dall’eccessiva umidità. Le piante grasse richiedono più acqua all'inizio della primavera quando la pianta è in fase di crescita. La quantità viene poi ridotta in estate e ancor di più durante l'inverno. Durante i mesi freddi, quando la luce è più debole e la maggior parte delle succulente è in un periodo di dormienza, l’esigenza di acqua diminuisce. In questi casi, l’innaffiatura avviene solo quando il terreno è completamente asciutto. Questo potrebbe accadere generalmente una volta al mese. La frequenza di irrigazione dipende anche dalla grandezza del vaso e dall’umidità che esso può contenere.
Varietà di piante grasse

PIANTE GRASSE VERE ASSORTITE DA 20 PZ DIAMETRO 5.5 MONDONATURA SRL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26€


Come prendersi cura delle piante grasse

Piante grasse in casa La coltivazione ideale delle succulente è quella in vaso. Ma esse possono nascere e fiorire ovunque con il minimo sforzo. La loro facilità di crescita e il loro adattamento le rende una delle bellezze più versatili della natura. Caratterizzate da colori, forme e dimensioni diverse, le piante grasse sono preferite per impreziosire giardini, balconi e ambienti interni della casa. La coltivazione in giardino può essere praticata durante la stagione autunnale e quella primaverile. Meglio evitare l’inverno in quanto di solito è troppo freddo e umido. E’ necessario utilizzare un terreno che consenta un facile drenaggio, e garantire una frequente esposizione al sole. Se non si dispone di un giardino, le piante grasse sono coltivate in vaso e possono trovare la loro collocazione su un balcone, una terrazza, in una veranda o anche su un davanzale. Le succulente in vaso richiedono maggiore protezione dal forte calore e dall’estremo freddo. Esse hanno bisogno di un mix di terreno e ghiaia per evitare che le radici marciscano, e soprattutto di tanta luce solare.

  • piante grasse gruppo che comprende decine di piante succulente sempreverdi originarie dell'Europa, dell'America e dell'Asia. Si presentano come dense rosette di foglie carnose, per lo più arrotondate, talvolta allu...
  • piante grasse Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento co...
  • Genere di circa tre specie di cactus, provenienti dal Messico, a fusto eretto, che può raggiungere, in natura, anche i quattro metri di altezza. Il fusto è verde-blu, ricoperto di pruina e cresce abba...
  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...

REAL TOUCH - Mini piante grasse in bolla di vetro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,04€


Concimare piante grasse

Pianta grassa in vaso Le succulente devono beneficiare di un fertilizzante a rilascio controllato durante la primavera e l'estate, quando sono in attiva crescita. Queste piante sono come una spugna vivente, prendono ciò di cui hanno bisogno dalla pioggia, ma un terreno bagnato perennemente segnerà rapidamente la loro morte. Come tutte le piante, anche le succulente hanno bisogno di nutrienti per crescere sane e belle. Possono ottenere alcune importanti sostanze di cui hanno bisogno dal suolo, ma un fertilizzante le aiuterà a renderle più corpose e con colori più accesi. Fertilizzanti troppo forti potrebbero bruciare le radici, ma piccole quantità di prodotto, usate poche volte l'anno, possono contribuire a far prosperare le piante grasse. Il tè può rappresentare un’alternativa naturale di fertilizzazione. Si tratta di un elemento assolutamente non nocivo, che permette alle succulente di crescere con foglie spesse e carnose, e con steli ben sviluppati. Le piante cresciute all'aperto di solito non richiedono fertilizzazione perché possono accedere ai nutrienti nel suolo. Nel caso in cui ne avessero bisogno basta applicare, in primavera, la metà della quantità raccomandata di un concime a rilascio lento.


Piante grasse: Malattie delle piante grasse

Pianta grassa malattie La maggior parte delle specie di succulente sviluppa problemi legati a parassiti e malattie. Se ben curata, la pianta dovrebbe crescere bene e rimanere in buona salute, ma ciò potrebbe non verificarsi quando la coltivazione avviene in un clima che è diverso da quello del suo habitat naturale. Parassiti e malattie colpiscono senza distinzioni in serre, in giardini e in spazi interni. La maggior parte dei parassiti possono essere sconfitti con opportuni trattamenti. Tuttavia, alcune precauzioni possono ridurre la frequenza con cui si verifica il problema. Molti coltivatori, durante il rinvaso, esaminano la condizione generale delle radici e verificano la presenza di parassiti come le cocciniglie. Un controllo regolare può essere fatto anche durante l’irrigazione. In questo modo sarà facile individuare e trattare le malattie precocemente, prima che venga fatto un grave danno. In ogni caso potrebbe rivelarsi utile una frequente pulizia, effettuata rimuovendo le foglie morte e fiori nel più breve tempo possibile. In genere le malattie più comuni sono controllate mediante l'uso di insetticidi, efficaci in quanto sono assorbiti dalla pianta, rendendo la sua linfa velenosa ai parassiti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO