Rebutia

Rebutia

Il genere Rebutia conta circa sessanta specie di cactacee, originarie dell’America meridionale; in questo genere, negli ultimi decenni, sono stati fatti confluire altri generi, come Sulcorebutia, Mediolobivia, Weingartia, Aylostera, spegazzinia, Mediorebutia e altri. Si tratta in genere di piante di dimensioni contenute, diffuse in gran parte Dell’Argentina e della Bolivia, in genere in luoghi montuosi, o comunque collinari. Sviluppano un corpo globoso, che in gran parte delle specie tende ad accestire, producendo numerosi polloni basali, dando origine nel tempo a piccole macchie di piante. Il fusto è ricoperto da tubercoli, ricoperti di spine, spesso disposti a spirale, che talvolta formano una sorta di depressione sull’apice delle piante. Le spine di rebutia sono sottili, e danno alle piante l’aspetto di piccoli gomitoli spinosi; esistono ovviamente alcune eccezioni; ad esempio, Rebutia canigueralii è caratterizzata da spine molto piccole, in genere disposte a pettine, e orientate verso il basso.

I fiori di rebutia sbocciano in estate, e in genere, se le piante vengono coltivate in modo congruo, la fioritura è abbastanza abbondante, con fiori decisamente grandi, di colore vario (raramente bianco), che sbocciano dall’apice dei tubercoli posti nella parte bassa del fusto.

Rebutia


Coltivare la Rebutia

RebutiaQueste piante un tempo venivano suddivise in differenti generi, questo perché si sviluppano in varie zone del sud America, manifestando quindi diverse necessita colturali; a seconda dell’altitudine a cui vivono in natura, o dell’umidità della zona in cui vivono, le rebutie hanno necessità diverse. In linea generale le rebutie sono piante che necessitano di un terreno molto ben drenato, in quanto le loro radici sono molto delicate e tendono a venire colpite con grande facilità da ogni tipo di marciume radicale. Le annaffiature si forniscono soltanto nel periodo primaverile ed estivo, attendendo sempre che il terreno asciughi perfettamente tra due annaffiature, quindi anche in estate, si annaffia solo ogni 3-4 giorni. Prediligono posizioni molto luminose, ma non amano un numero eccessivo di ore di luce solare diretta; si posizionano quindi a mezz’ombra, soprattutto nel periodo più caldo dell’anno. In inverno invece possono essere lasciate esposte alla luce solare per qualche ora di più; durante i mesi freddi, la gran parte delle rebutie possono essere lasciate all’aperto, in luoghi con temperature che possono scendere fino ai -10°C, ma all’asciutto. In genere coloro che coltivano le rebutie le conservano, nella stagione fredda, al riparo in una serra fredda, o al di sotto di una tettoia, in modo che siano esposte alle temperature invernali, ma non alle precipitazioni. Alcune specie, soprattutto quelle che un tempo appartenevano al genere sulcorebutia, prediligono temperature superiori ai -5°C, si conservano quindi in posizioni riparate dal gelo intenso. Se coltivate al caldo anche in inverno, ad esempio in appartamento, tendono con il tempo a smettere di fiorire.


  • piante grasse Genere che comprende alcune cactacee originarie dell'America meridionale. Hanno solitamente aspetto globoso e tendono a produrre numerosi polloni; il fusto è verde brillante, con numerose costolature;...
  • Stenocactus Salve mi chiamo Vincenzo avrei alcuni problemi da esporvi,purtroppo durante l'ultima nevicata a Roma alcune piante grasse si sono rovinate(sono marcite in alcuni punti)vorrei sapere se posso tagliare ...
  • Aeonium Salve, la ringrazio in anticipo per aver letto il mio aiuto... Circa 2 mesi fa dalle mie parti ha nevicato per circa 2 settimane con temperature molto basse, allora ho portato il mio esemplare di aeon...
  • echinocactus Salve, io vorrei piantare nelle fioriere, delle piante grasse che mi durano tutto l'anno...quali piante mi consigliate? Tenete presente che al mattino ho il sole diretto, ma verso mezzogiorno sono già...


Terreno e rinvaso

RebutiaLe rebutie necessitano di un terreno molto ben drenato, costituito prevalentemente da ghiaia, o sabbia, o pietra pomice, mescolata a poco terriccio leggermente acido; la pare più delicata della pianta è l’apparato radicale, assieme con la parte basale del fusto; per evitare che il terreno umido favorisca l’insorgenza di muffe o funghi, in genere dopo aver posizionato le piantine in vaso, si ricopre la superficie con un sottile strato di ghiaia grossolana. La maggior parte delle specie di rebutia ha crescita molto lenta, e quindi di solito le piante non necessitano di rinvasi frequenti; si interviene ogni 4-5 anni, sostituendo il vaso con un contenitore leggermente più grande, e facendo attenzione a non rovinare il pane di radici durante l’operazione di trapianto. In vivaio troviamo spesso delle rebutie innestate sopra fusti di altre cactacee, che danno alle piante maggiore vigoria, sviluppo più rapido, e maggiore resistenza all’umidità del terreno. Purtroppo tali innesti vengono fatti in modo molto preciso, e quindi capita di accorgersi di questo “imbroglio” solo al momento del rinvaso. Se troviamo in vivaio delle rebutie delle specie più minute, a prezzi decisamente molto bassi, chiediamo direttamente al commerciante se si tratta di un innesto, in quanto per ottenere una pianta da seme occorrono anni, e la divisione dei cespi di piante porta spesso alla morte di alcuni degli esemplari.


Il riconoscimento delle cactacee

RebutiaLe cactacee sono un genere che conta innumerevoli generi e specie, fu Linneo a dare il nome alle prime cactacee conosciute, anche se poté avere contatti soltanto con alcune specie, probabilmente delle mammillarie. Quindi fino ad alcuni secoli fa, tutte le piante globose, munite di spine, venivano chiamate cactus, dal greco, Kaktos, che si riferiva a piante spinose. Nell’arco dei decenni si scoprirono e catalogarono decine di specie di cactacee, che vennero divise in vari generi. Le cactacee sono piante succulente, originarie del continente americano, e si sviluppano in luoghi caratterizzati da stagioni asciutte, o da un clima perennemente arido. Contrariamente a quanto si crede, le cactacee non sono abituate a vivere sempre all’asciutto, ognuna di esse in natura gode di almeno una stagione umida, di durata diversa a secondo del luogo di provenienza. Alcune piante sono diffuse in zone montuose, anche ad altitudini elevate, altre invece sono originarie di aree decisamente desertiche o semidesertiche.

Una sola specie di cactacea è diffusa in natura anche in africa, si tratta di rhipsalis baccifera; molte specie invece si sono ormai naturalizzate in gran parte del globo, come avviene per l’opunzia, che da molti è considerata una pianta mediterranea.

Lo studio della sistematica ha fatto negli ultimi decenni un salto di qualità notevole; fino ad alcuni decenni fa alla sistematica dei fiori si basava sulla metodologia di Linneo (più o meno), ovvero gli studiosi raggruppavano in generi le piante che mostravano caratteri morfologici omogenei. Al giorno d’oggi, la tecnologia ha modificato di molto questo tipo di approccio; oggi la sistematica si basa sulla filogenesi, ovvero due piante, per appartenere allo stesso genere, non devono semplicemente avere fiori dalla forma simile, o uno sviluppo simile di foglie o fusto, ma devono avere un DNA simile, seguendo la filogenesi, ovvero una parentela evolutiva. Chiaramente l’organizzazione sistematica di tutte le piante non è ancora stata fatta seguendo lo studio del DNA, ma molti passi sono stati fatti, e per questo ci capita di vedere piante che “cambiano di nome”, venendo spostate da un genere ad un altro, con cui hanno maggiore affinità filogenetica.


Sulcorebutia di Bruno Bonvecchio (bonvi)

Le Sulcorebutia, ora comprese nel genere Rebutia, sono piante di montagna, crescono sulle Ande

boliviane a notevoli altitudini, tra i 2100 ai 3900 metri.

Il suolo su cui crescono è formato da rocce basaltiche e humus. La temperatura in natura è molto fresca, attorno ai 20°C, e in inverno in certe località può scendere di qualche grado sotto lo 0.

Da questo si può dedurre che le Sulcorebutia non amano le torride temperature come i cacti del deserto.

La maggior difficoltà in coltura sono appunto le alte temperature, quindi in piena estate se troppo caldo e afoso meglio riservare a loro un posto molto arieggiato magari al sole del mattino, o con sole filtrato tramite copertura in materiale plastico opaco; in natura pur amando il sole pieno i raggi solari sono spesso filtrati dalle numerosi nubi.

Per quanto riguarda le annaffiature, già nel mese di marzo-aprile se le temperature lo consentono si può provvedere con qualche leggera nebulizzazione o annaffiatura, altrimenti aspettare i primi segni di risveglio vegetativo che si manifesta con la comparsa dei boccioli (piccoli puntini rossi) per poi aumentare fino a portare le piante ad un progressivo rigonfiamento.

In estate vanno annaffiate circa ogni 10 giorni lasciando che la composta asciughi bene tra un

annaffiatura e l’altra. A fine agosto quando le temperature scendono e le piogge rinfrescano l’aria, si nota la crescita maggiore, le piante crescono sviluppando polloni e nuove spine.

Il mese di fioritura per le piante coltivate all’aperto è di solito verso fine maggio inizio giugno, anche prima se collocate in serra.

Il terriccio deve essere molto drenato, un buon terriccio è composto da una parte di lapillo, una di

pomice, una di zeolite e una di torba di sfagno o torba bionda. Si può usare la sabbia o il quarzo per coprire l’ultimo strato attorno al colletto della pianta. Il ph dovrebbe essere di 6 -7.

Per quanto riguarda l’acidità e le concimazioni non bisogna esagerare in quanto producono piante

molto innaturali, molto gonfie con corpi allungati e spine esili inoltre sono più facilmente attaccabili da patogeni fungini.

I vasi per le specie con radice napiforme devono essere abbastanza profondi da contenere la grossa radice e di grandezza adeguata alla pianta.

I parassiti più comuni sono la cocciniglia e il ragnetto rosso; per quanto riguarda le patologie fungine meglio prevenire nebulizzando con un prodotto a base di rame.

La propagazione si effettua tramite semina, nello stesso anno, in quanto i semi perdono presto la

germinabilità, ad una temperatura compresa tra i 20 e 24° C. Per ottenere semi bisogna avere due cloni differenti in quanto le Sulcorebutia sono auto sterili.

Un'altra tecnica di propagazione è per pollone. Quest’ultimo è il modo più sicuro per ottenere individui uguali al genitore in quanto la semina dà spesso variabilità. Il periodo migliore per la propagazione da pollone è subito dopo la fioritura, staccare il pollone lasciare asciugare per alcuni giorni e appoggiarlo su sabbia umida in ombra finché non spuntano le radichette.

In autunno ridurre le annaffiature fino a sospenderle del tutto nel mese di ottobre; le piante vanno in riposo invernale quindi vanno preparate per trascorrere i mesi invernali totalmente asciutte. Riporre le piante in serra fredda o leggermente riscaldata, vanno bene anche i locali freschi e luminosi con temperature di pochi gradi sopra lo 0. In serra fredda sopportano anche lievi gelate se con poca umidità ambientale e terriccio asciutto. Lasciatevi tentare dall’acquisto di una Sulcorebutia, queste piante nane vi sorprenderanno regalandovi splendide fioriture dai vivaci colori magenta, gialli, rossi, viola, bicolori e stupitevi ancora di più se saranno bianchi… Avrete una autentica rarità!

CLASSIFICAZIONE Le Sulcorebutia, essendo un genere abbastanza recente, sono in continuo studio; molte non sono ancora state descritte, si troveranno quindi molte piante senza nome della specie con il solo numero di campo (field-number); ogni anno nuove specie e varietà vengono descritte.

Le foto pubblicate in questo articolo sono gentilmente concesse dal Signor Bruno Bonvecchio, e ritraggono le piante della sua splendida collezione




COMMENTI SULL' ARTICOLO