Maggio 2011

7 Maggio Velletri

SAGRA DEL CARCIOFO ALLA MATTICELLA DI VELLETRI 2011

ORARI: sabato 7 maggio dalle ore 17,00; domenica 8 maggio dalle ore 12,00

LOCATION: Piazza Cesare Ottaviano Augusto (Piazza del Comune)

Tra le colture predominanti nel territorio di Velletri spicca senza dubbio quella del carciofo romanesco, protagonista della frequentatissima Sagra del Carciofo alla Matticella, che si svolgerà quest’anno sabato 7 e domenica 8 maggio, con cottura e degustazione dei carciofi e di piatti tipici locali a base di carciofo, tornei di burraco, musica popolare e vino a volontà.

La sagra celebra un altro modo, meno conosciuto dei cugini alla romana o alla giudìa, di gustare gli splendidi sapori del carciofo.

Questo piatto prelibato viene preparato seguendo un particolare procedimento, usato ormai da secoli e sembra anche dagli antichi Etruschi. Si cucinano le “mammole romanesche” su un letto di brace di Matticelle, cioè dei sarmenti della vite, che arrivano al loro massimo grado di asciugatura proprio in concomitanza con la completa maturazione del carciofo.

Le Matticelle producono una particolare e singolare brace molto duratura e profumata che rende questo piatto assolutamente unico, talmente unico da meritare il riconoscimento del Marchio Europeo di Specialità Tradizionale Garantita, per cui è stato presentato un Progetto che verrà esposto nel corso di un Convegno sabato 7 maggio, presso la bella Sala Consiliare del Comune di Velletri.

I cultori di questa specialità riferiscono che il modo tradizionale di preparare il piatto è di allestire il fuoco direttamente a terra, magari con il vento di ponente che tiene viva la brace, che in seguito viene distesa in uno strato alto almeno 10 centimetri.

Il carciofo, come vuole l'antica tradizione, viene pulito e sbattuto di testa su un piano, così da farlo leggermente aprire e riempito con sale, trito di mentuccia fresca, foglie d'aglio e olio di oliva extravergine.

Quindi i carciofi vengono piantati manualmente all'interno del letto di brace con il gambo rivolto all'ingiù. La cottura procede per circa un ora e, a quel punto, è pronto da gustare, magari sopra una buona bruschetta con olio che esalta il sapore prelibato dell'aroma della vite misto al condimento del carciofo e alla sua essenza stessa.

Polygala


14-15 Maggio Urbino

FucsiaComune di Urbino

Assessorato Attività Produttive in collaborazione con Consorzio per la tutela della Casciotta di Urbinoe il patrocinio di Regione Marche e Provincia di Pesaro e Urbino

inviata aFESTIVAL DELLA CASCIOTTA D' URBINO

I EDIZIONE 14-15 maggio 2011

Urbino (PU) - Centro storico

Prenderà avvio il 14 e 15 maggio 2011 la prima edizione del Festival della Casciotta di Urbino, iniziativa per valorizzare il prodotto D.O.P. del Montefeltro e riscoprire sapori e tradizioni della città dei Duca. Mostre-mercati, incontri con esperti, concorsi culinari, laboratori enogastronomici, speciali percorsi degustativi, visite guidate ai caseifici della zona, premiazioni e concerti compongono il ricco programma dell'iniziativa che animerà le vie e le piazze del centro storico della città ideale. L' Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Urbino con questa prima rassegna mira a promuovere il patrimonio gastronomico locale rendendo omaggio alla Casciotta, eccellenza della provincia.

Come ci racconta la storia, le origini della Casciotta urbinate sono molto lontane. Tra gli estimatori troviamo le casate dei Montefeltro e dei Della Rovere e, testimonianza sono le missive scambiate con l'amica Cornelia da Casteldurante a metà del '500, anche l'artista Michelangelo Buonarroti apprezzò il sapore del formaggio. Oggi come allora, il cacio, composto in parte da latte vaccino ed in parte ovino, è fortemente legato alle tradizioni e condizioni ambientali della territorio feltresco, “ingredienti speciali” che lo rendono unico tra le differenti tipologie. Proprio per questo motivo, nel 1996 la Casciotta fu insignita dalla Comunità Europea del marchio di Denominazione di Origine Protetta, sancendo l' appartenenza del formaggio alla città ducale. Ecco allora il primo Festival dedicato alla Casciotta d'Urbino che vuole far conoscere le virtù di un formaggio di origine semplice che si presenta nelle tavole sia come piatto di portata sia come delicato accompagnamento di molteplici pietanze.

In occasione della manifestazione, per tutto il mese di maggio, osterie e ristoranti urbinati proporranno menu speciali in cui protagonista indiscusso sarà il formaggio che, grazie al suo sapore dolce e facilmente accostabile, sarà gustato assieme ad altre specialità della tradizione locale. Il Festival sarà ufficialmente inaugurato sabato 14 maggio. Una degustazione presenterà il gemellaggio tra il formaggio ducale ed il Bianchello del Metauro e prenderà avvio il concorso per premiare il Miglior Formaggio Casciotta d'Urbino. Inoltre i caseifici della zona apriranno le loro porte ai visitatori. Grandi e piccini potranno scoprire attrezzature e tecniche necessarie per la preparazione del cacio urbinate. Alle ore 18.00, una street band concluderà la prima serata del Festival con un concerto intinerante che diffonderà melodie in un percorso tra Piazza della Repubblica e Piazza San Francesco. Domenica 15 maggio un nuovo gemellaggio enogastronomico vedrà la Casciotta accostata al Bianchello del Metauro e seguirà la premiazione del Miglior Formaggio prodotto. Una guiria di esperti e conoscitori della Casciotta assegnerà al prodotto D.O.P. che meglio ne esalta le caratteristiche il Bollino Città di Urbino 2011. La manifestazione si concluderà alle ore 18.00 con il concerto al Collegio Raffaello: il Coro Polifonico Malatestiano di Fano intonerà melodie e strofe evocheranti il cibo.

  • TecnoGiardino è il salone che tratta la presentazione di sistemi, progetti e attrezzature dedicate alla lavorazione e alla realizzazione del giardino.Nell’ambito di TecnoGiardino, si sviluppano idee...
  • Florbusiness IV open day dell’Agricoltura in PugliaLa manifestazione è a carattere professionale, l'invito è rivolto solo ad operatori del settore (Garden Center e Grossisti) previo registrazione p...
  • BIOLOGICO E SOLIDALELe parole chiave della IX edizione della Fiera di San BenedettoArte, Spettacoli e Sapori in Villa Badia a LenoIngresso libero Per gustare sapori naturali e conoscere i vant...
  • Buganville “IL SISTEMA ALBERO – XI edizioneUn nuovo approccio alla biologia e alla cura degli alberi ornamentali”È il titolo del seminario-workshop che la FitoConsult di Varese ha organizzato dal 7 al 10 giu...


14-15 Maggio Bologna

Il 14 ed il 15 maggio si terrà a Bologna “Orchibo 2011”, una delle tre mostre d’orchidee di livello internazionale in programma in Italia.

Organizzata da AERADO (Associazione Emiliano-Romagnola Amici Delle Orchidee), la manifestazione avrà luogo nella sala Diana Franceschi e sotto il colonnato della Villa Aldrovandi Mazzacorati, dislocata in via Toscana 19.

In origine biennale e ora annuale, la 21a edizione Orchibo” è entrata a far parte della tradizione primaverile bolognese e, pur essendo rivolta ai professionisti del settore, registra un forte afflusso di visitatori mossi solo da curiosità verso il colorato mondo delle orchidee e della natura in generale.

Dalle 10 alle 19 del sabato e della domenica appassionati d’orchidee e non potranno infatti ammirare questi meravigliosi fiori in arrivo da cinque regioni italiane (Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Toscana, Veneto), dalla Francia, dalla Germania, dall’Austria, dall’Ecuador e dal Brasile

Patrocinata dalla Regione Emilia-Romagna, dal Comune e dalla Provincia di Bologna, la manifestazione sarà ad ingresso libero .

Consuetudini e tradizioni muoveranno le due giornate della mostra poiché anche quest’anno

la ditta LaminarFlow (www.laminarflow.it) effettuerà nel proprio stand un paio di dimostrazioni quotidiane (alle ore 11 ed alle 16) su come riprodurre e propagare le orchidee da seme e da meristema;

sarà possibile effettuare rinvasi delle piante dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00 con ‘aiuto dei soci AERADO presso la serra dislocata all’interno del parco della Villa;


20-22 Maggio Perugia

IV MOSTRA MERCATO

PRODUTTORI E COLLEZIONISTI di PIANTE RARE ED INCONSUETE

www.perugiaflowershow.com

Ritorna con successo l'appuntamento verde dedicato al florovivaismo.

Dal 20 al 22 maggio rifiorisce con la quarta edizione il “Perugia Flower Show” , mostra mercato di piante rare ed

inconsuete.

Produttori specializzati e accreditati collezionisti portano in scena durante i tre giorni le migliori produzioni

florovivaistiche.

Le particolarità botaniche animano e abbelliscono i Giardini del Frontone, cuore verde della città di Perugia,

protagonisti indiscussi come sempre sono perciò i fiori e le piante dalle varietà più insolite, dai colori e dalle

forme più particolari.

Patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Perugia, dalla Regione Umbria, la manifestazione si inserisce tra le

più prestigiose presenti in Italia nel campo del florovivaismo.

Anche quest'anno verrà dato spazio alle “curiosità”: Oltre 65 espositori nazionali presenteranno ciò che di

particolare offre il mondo florovivaistico con produzioni e collezioni rare, antiche e moderne di rose, iris,

agrumi, hibiscus, piante mediterranee e tropicali che faranno da cornice agli spazi dedicati all'editoria

specializzata, arredo da giardino, arte topiaria, antichi tessuti naturali e tanto altro per coccolare anche il

pubblico meno esperto.

Numerose attività collaterali coinvolgeranno un pubblico variegato durante i tre giorni verdi: confermati i corsi

dedicati alla cura del verde e all'arte floreale organizzati dalle maestre del Garden Club di Perugia; corsi a tema

sorprenderanno grandi e piccini, ai quali fin da subito il Perugia flower Show insegna i primi passi di

avvicinamento al verde e per i più golosi workshop di cucina “aromatica”.

La mostra mercato aprirà venerdì 20 maggio dalle ore 11.30 alle 20,

sabato 21 e domenica 23 dalle ore 10 alle ore 20.


13-15 Maggio Roma

NATURA È CULTURA:

II EDIZIONE MOSTRA MERCATO

DI FLOROVIVAISMOAMATORIALE.

CASALI DEL PINO

VIA ANDREASSI, 30

ROMA (LA STORTA)

INFO 345 9356761

DALLE 10.00 AL TRAMONTO

WWW.FLORACULT.COM

Promossa e organizzata da Ilaria Venturini Fendi e curata da Antonella Fornai, nota esperta di giardini, FLORACULT

è una manifestazione nata per contribuire a riportare la natura al centro della cultura, in un processo di integrazione

di cui oggi è impensabile fare a meno. Nel contesto del degrado urbano e dell’emergenza ambientale la cultura verde

è un linguaggio universale che può cominciare anche dallo spazio ristretto di un terrazzo. Attraverso la partecipazione

di esperti vivaisti FLORACULT si propone come laboratorio di idee e stimolo per la diffusione e lo sviluppo della conoscenza

e dell’uso di piante adatte ad essere coltivate nei nostri giardini e balconi.


22 Maggio Darfo Boario terme (BS)

Considerato il successo della prima edizione della manifestazione itinerante “Darfo Boario Terme in fiore” svoltasi lo scorso anno nel centro storico della frazione di Darfo, l’Assessorato al Verde Pubblico organizza per il 22 maggio prossimo la seconda edizione dell’iniziativa incentrata sui temi dei fiori e della natura attraverso le varie forme di espressione artistica. Quest’anno la manifestazione si svolgerà all’interno del prestigioso Parco delle Terme di Boario, parzialmente acquistato dall’Amministrazione Comunale, e sarà arricchita da eventi musicali, gastonomici, artistici, artigianali e laboratori dedicati al meraviglioso mondo del verde pubblico e privato.

Gli espositori sono invitati a valorizzare l’aspetto estetico delle loro proposte al fine di offrire qualità e professionalità in coerenza con l’ambizioso obiettivo della manifestazione.

Ingresso: libero e gratuito.

Orario continuato di apertura al pubblico: 10-22

Per informazioni: Comune di Darfo Boario Terme – Settore Tecnico – Servizio Verde Pubblico – tel. 0364/541330-0364/541390 – lavori.pubblici@darfoboarioterme.net


Maggio 2011: 13-15 Maggio Franciacorta (BS)

13 – 15 MAGGIO 2011

TORNA MAGGIO E…FRANCIACORTA IN FIORE

Nel mese della fioritura delle rose, che accompagnano i filari dei vigneti di Franciacorta, sull’onda del successo nazionale – e ormai anche internazionale – che la contraddistingue, questa mostra botanica primaverile, che dalla scorsa edizione ha l’onore di fregiarsi della Medaglia d’Oro del Presidente della Repubblica, si prepara ad accogliere i visitatori con numerose novità e partner d’eccellenza, per un programma ricco di eventi collaterali, che faranno da sfondo alle splendide rose e alle coloratissime erbacee perenni, protagoniste indiscusse delle tre giornate in cui si svolgerà la rassegna.

Dopo la Fattoria di Villa Maggi e, prima ancora, Villa Monte Rossa, che le hanno fatto da cornice per due interi lustri, nel bel mezzo di maggio, come da tradizione, torna Franciacorta in fiore, per la 13^ edizione a Palazzo Guarneri e a Palazzo Bettoni-Cazzago, due importanti dimore storiche del territorio franciacortino.

La manifestazione è organizzata dal Comune di Cazzago San Martino (provincia di Brescia) e dalla Pro Loco Comunale e gode del patrocinio di numerosi enti pubblici, fra i quali importanti ministeri, la Regione Lombardia, la Provincia di Brescia, la Camera di Commercio di Brescia, l’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (UNPLI) e la Presidenza della Repubblica.

Anche quest’anno la Delegazione FAI di Franciacorta – Sebino – Valle Camonica sarà partner attivo nell’organizzazione di Franciacorta in fiore, a garanzia della difesa, della conservazione e della promozione del patrimonio storico, architettonico e paesaggistico di questo territorio.

CAZZAGO SAN MARTINO – BRESCIA – ITALIA

PALAZZO BETTONI-CAZZAGO e PALAZZO GUARNERI

13, 14 e 15 MAGGIO 2011

“BRIXIA TEAM”

tre giovanissimi pionieri dell’arte culinaria

Brixia Team nasce dall’idea di Filippo Ventura, un giovane studente dell’I.P.S.S.A.R “A. Mantegna” di Brescia che, avendo iniziato a partecipare a concorsi nazionali, pensa di costruire una squadra con la quale concorrere nelle più importanti manifestazioni nazionali ed estere.

Da ottobre 2010 inizia la collaborazione con Mattia Tonelli, ed in poco tempo i due raggiungono un alto livello di preparazione nella cucina concorsuale. La passione e gli sforzi vengono subito ripagati già ad ottobre, quando Filippo vince una medaglia di Bronzo in cucina fredda alla rassegna culinaria del centro Italia. Successivamente, nel gennaio 2011 i due partecipano alla rassegna del nord Italia svoltasi a San Donà di Piave, nella quale Mattia vince la medaglia di bronzo in cucina fredda e Filippo vince la medaglia d’argento della stessa categoria e la medaglia di bronzo in pasticceria.

Dopo questo concorso si aggiunge al Team un altro ragazzo della scuola alberghiera, Davide Ferraresi e, il Team tocca il sua apice il 4 aprile a Città di Castello, dove si è svolta la Rassegna nazionale di Cucina e nella quale Filippo vince la medaglia d’Oro in cucina calda con terzo posto assoluto tra gli ori, e la medaglia di bronzo in cucina fredda, mentre Mattia vince la medaglia d’Oro in cucina fredda e la medaglia d’argento in pasticceria.

“Il progetto che abbiamo in mente è ambizioso, puntiamo a formare un team di 10 persone con un alto grado di preparazione professionale e posizionare almeno uno dei membri nei primi tre posti di ogni concorso a cui parteciperemo. Il progetto che abbiamo sviluppato è arduo, il lavoro da fare è tanto ed il percorso è ancora lungo. Essendo giovani puntiamo all’avanguardia della cucina, utilizzando prodotti anche snobbati dai cuochi delle vecchie generazioni, ma non ci dimentichiamo delle nostre radici culturali e gastronomiche, quindi valorizziamo anche prodotti del territorio. Da qui cerchiamo di creare un connubio tra tradizione ed innovazione, tra prodotti del territorio e prodotti moderni come le texturas, che ci permettono di creare nuove forme, come la sferificazione, o nuove consistenze, come le salse gassate alla coca-cola o all’aranciata utilizzando la xantana, o ancora, creme calde spumose, grazie all’aiuto di anidride carbonica, o gelati istantanei con l’aiuto dell’azoto liquido.

I concorsi a cui partecipiamo richiedono la preparazione di piatti pensati caldi o freddi e presentati gelatinati e quindi sono piatti da esposizione. Ci stiamo specializzando nell’uso della tecnica della sferificazione, dove un liquido viene miscelato con una polvere estratta dalle alghe marine chiamata alginato che poi viene immessa goccia a goccia con una siringa in una bagna di acqua e cloruro di calcio;In seguito le goccioline creeranno una patina esterna e diventeranno piccole sfere che andranno poi scolate e lavate sotto l’acqua per eliminare il cloruro di calcio,prima di gustarle.

Il tutto non dimenticando mai il rispetto delle materie prime, i giusti metodi di cottura e la stagionalità dei prodotti che utilizziamo.

Abbiamo creato la base, siamo giovani e ambiziosi, ma non ci dimentichiamo mai che la passione e l’umiltà sono la prima strada verso il successo”.

Info: Mattia Tonelli cell +39 339 440 50 56

CAZZAGO SAN MARTINO – BRESCIA – ITALIA

PALAZZO BETTONI-CAZZAGO e PALAZZO GUARNERI

13, 14 e 15 MAGGIO 2011

Laura Guazzelli: mani di fata!

L’edizione 2011 di Franciacorta in fiore offre una gradita novità ai suoi visitatori: i particolarissimi laboratori di scultura vegetale e la presentazione del libro “Il bello e il buono” proposti da Laura Guazzelli.

Nata il 21 agosto 1990 a Castelnuovo di Garfagnana, vive a Pieve Fosciana. Dall’età di tre anni soffre di sordità bilaterale grave, recuperabile con protesi. Ha frequentato con profitto l’Istituto Professionale Alberghiero “Fratelli Pieroni” a Barga, diplomandosi nel luglio 2009.

Nel febbraio 2007 ha partecipato ad un corso di sculture vegetali, della durata di 10 ore, offerto dalla Provincia di Lucca e dal Comune di Barga agli studenti diversamente abili dell’Istituto Alberghiero.

L’insegnante è stato Claudio Menconi chef decoratore e Campione del mondo 2006.

In occasione della presentazione del libro, scritto da Claudio Menconi, “Sculptor food” avvenuta a Pieve Fosciana, Laura è stata invitata per la sua prima esibizione in pubblico, e da qui è cominciata la sua avventura.

Info: www.lauraguazzelli.it cell + 39 338 88 63 55



COMMENTI SULL' ARTICOLO