Fiori e frutti

Fiori e frutti

La primavera si apre con un tripudio di fiori e colori; le piante in riposo invernale ricominciano a vegetare e le fioriture più appariscenti tornano a deliziarci in giardino. Nelle settimane tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, tra le piante più vistose e belle, in piena fioritura, ci sono sicuramente le piante da frutto, rese particolarmente vistose anche dal fatto che in genere i fiori cominciano a sbocciare sulle piante completamente spoglie, sul legno scuro privo di foglie.

Non tutti i fruttiferi cominciano a fiorire ora, però la gran parte delle piante più diffuse, quali mandorli, ciliegi, pruni, peri, meli, albicocchi, peschi, cominciano a gonfiare i loro boccioli verso la fine dell'inverno, in modo da farsi impollinare rapidamente, e cominciare a maturare i frutti già nelle prossime settimane.

I vantaggi delle piante da frutto sono molteplici, oltre all'innegabile bellezza della loro fioritura; si tratta in genere di piante di facile coltivazione, che nella maggior parte dei casi non raggiungono dimensioni enormi, e che nel frutteto familiare non necessitano neppure di eccessive cure o precauzioni, ben resistenti al freddo ed alla siccità.

fiori di pesco

Flo 99240 - Cesoie da potatore per piante da frutto e fiori, 190 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,35€


Come si coltivano

prunus campanulataCome dicevamo prima le piante da frutto non sono di difficile coltivazione; è sufficiente porle a dimora in un angolo ben soleggiato del giardino, in un buon terreno ricco e ben drenato, lavorato a fondo prima dell'impianto. La piantagione può avvenire di norma in autunno o a fine inverno-inizio primavera, ma sempre più spesso in vivaio troviamo piante in vaso, che possono venire poste a dimora praticamente in qualsiasi periodo dell'anno. Chiaro che la pianta posta a dimora in autunno probabilmente porterà qualche frutto l'anno successivo, mentre quelle poste a dimora in altri periodi dell'anno probabilmente non ci regaleranno alcun frutto. In ogni caso le piante da frutto in vendita nei vivai in genere non sono di grandi dimensioni, vista la difficoltà di spostare grandi apparati radicali, e quindi la fruttificazione nei primi anni di vita della pianta è di solito modesta. A seconda della specie e varietà di pianta da frutto che vogliamo porre a dimora ci vorranno più o meno 2-3 anni prima che la pianta produca un numero di frutti sufficiente per un raccolto accettabile; alcune piante divengono produttive molto più rapidamente di altre.

Le piante a dimora da tempo sono ben resistenti al freddo ed alla siccità estiva; le giovani piante da poco a dimora invece necessiteranno di qualche cura in più, soprattutto per quanto riguarda le annaffiature: se il terreno rimane asciutto per lunghi periodi di tempo, soprattutto nel periodo della fioritura e della fruttificazione, spesso ci troveremo completamente senza frutti; vigiliamo quindi e in caso di precipitazioni scarse annaffiamo le piante nel frutteto.

A fine inverno forniamo anche del concime granulare a lenta cessione, o dello stallatico, da interrare ai piedi del fusto.

Le giovani piante poi necessitano sicuramente di una buona potatura nei primi anni, per impostare il futuro albero; la potatura di formazione dei fruttiferi si attua seguendo due scopi principali: la formazione di una pianta ove tutte le ramificazioni siano di facile raggiungimento, per poter un domani raccogliere agevolmente i frutti; la formazione di una chioma non eccessivamente densa, in modo che tutti i rami vengano raggiunti dalla luce solare e quindi producano fiori e frutti dolci e succosi.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Conoscere il significato ed il linguaggio dei fiori è di fondamentale importanza per non fare brutte figure e per non sbagliare mai tipo di fiori in ogni occasione. Scopri quale fiore regalare a secon...
  • Decorano terrazze, balconi e angoli del giardino. Stiamo parlando delle fioriere, contenitori per piante e fiori che trovano sempre più spazio nel mondo del giardinaggio. Molto più ampie dei vasi, le...
  • Dieffenbachia genere appartenente alla famiglia delle araceae, che comprende 30 specie di piante perenni sempreverdi con un fusto robusto e foglie molto grandi, e oblunghe.Anche se è originaria dell'America cent...

Twinzen Potty Sgabello fisiologico per WC – Adotta una migliore postura sul WC per combattere efficacemente i problemi di costipazione e i diversi disturbi del transito intestinale – raccomandato dai Medici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€
(Risparmi 15,1€)


Che frutti scegliere

fiori di peroLa gran parte delle piante da frutto che fioriscono a inizio primavera, ovvero mandorli, peri, meli, ciliegi, albicocchi, peschi, appartengono tutte alla stessa famiglia, le rosacee; per questo motivo si tratta di alberi che presentano più o meno le stesse esigenze, anche se la coltivazione da parte dell'uomo nell'arco dei millenni ha prodotto decine e decine di specie e varietà, tanto che risulta molto complicato decidere quali siano le migliori piante da frutto da porre a dimora nel nostro giardino.

Inoltre spesso per chi è poco esperto risulta ben difficile distinguere una varietà da un'altra, anche quando la pianta produce già frutti; se può risultare abbastanza semplice distinguere tra due varietà di pere, che spesso hanno forma, colore, consistenza molto diversi, assai più difficile è distinguere due varietà di pesche o di albicocche, che alla vista possono sembrare identiche.

Esistono infatti centinaia di varietà di prunus, malus e pyrus, ognuna delle quali presenta interessanti caratteristiche, che riguardano il colore dei frutti, il profumo e la consistenza della frutta, l'epoca di maturazione, la resistenza a particolari malattie.

Al momento della scelta quindi diventa difficile decidere quale piante porre a dimora; sicuramente la prima cosa che dovremo scegliere è la dimensione finale della pianta: un ciliegio può diventare un albero di media grandezza, con una ampia chioma; un pero o un pruno spesso rimangono di dimensioni molto contenute, potendo trovare posto anche in un piccolo giardino.

Quando poi andremo a scegliere la varietà di pianta da frutto da porre a dimora cerchiamo di ricordare che è bene coltivare piante che sono già adatte a vivere nella zona in cui abitiamo; in genere il vivaista attento tende a tenere soltanto le varietà adatte alla zona in cui si trova il vivaio. Oltre a questo in molti vivaio si stanno ricominciando a coltivare varietà antiche di fruttiferi, quelle che avevano in giardino in nostri nonni o bisnonni; queste varietà di piante da frutto spesso garantiscono una maggiore resistenza alle malattie ed agli insetti, dove invece le varietà moderne tendono a necessitare di un maggior numero di trattamenti antiparassitari.


Trattamenti particolari

fiori di prunus mumeNell'arco degli anni resterà comunque necessario ricordarci di potare a fine inverno le piante da frutto, in modo da aprire la chioma alla luce solare, ed asportando i rami rovinati dalle intemperie, dalla neve, dal vento; soltanto i ciliegi tendono a soffrire molto delle potature, e quindi vengono difficilmente potati.

In ogni caso, se anche dovessimo non potare mai il nostro piccolo pruno in giardino, non dovremo preoccuparci più di tanto, continuerà a produrre prugne, anche se una buona potatura garantisce spesso una migliore fruttificazione.

Verso la fine dell'inverno, prima che le gemme gonfino, spesso è anche utile praticare un trattamento antiparassitario sulle nostre piante da frutto, utilizzando tipicamente poltiglia bordolese o con composti a base di rame; questo tipo di antiparassitari presenta un ampio spettro d'azione, e vanno utilizzati solo quando le piante sono in dormienza. Ogni tipo di trattamento va sospeso nel periodo della fioritura, per non disturbare api ed altri insetti utili. Un altro trattamento viene fatto generalmente quando i frutti sono già ben visibili e la pianta ha da tempo smesso di fiorire.

Le piante da frutto senza trattamenti di alcun tipo continuano a fruttificare, solo che spesso i frutti vengono attaccati da parassiti animali o fungini, che causano produzione di frutti rovinati, con la buccia intaccata, con presenza di insetti vicino al nocciolo; questo tipo di inconveniente può preoccupare chi deve vendere frutta e verdura, ma può non allarmare in alcun modo coloro che semplicemente desiderano mangiare qualche albicocca dell'albero in giardino.


Prunus da fiore

Tra tutte le varietà di prunus prodotte per avere frutti dolci e succosi, negli anni sono state prodotte anche decine di varietà che producono fiori appariscenti e delicati, si tratta dei prunus da fiore; la facilità di coltivazione e la resistenza al freddo ed alla siccità li ha resi ottimi alberi da utilizzare nei giardini, nei parchi ed anche nelle aiole cittadine, dove le cure sono praticamente nulle.

La fioritura dei prunus da fiore è vistosissima e particolare, nelle tonalità del rosa e del bianco, purtroppo tale fioritura è in genere abbastanza breve.

Spesso i prunus da fiore producono anche piccoli frutti commestibili, anche se talvolta il loro sapore non è dei migliori, soprattutto se confrontato con quello dei cugini prunus da frutto.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO