Ibisco

L'Ibisco

Il genere hibiscus appartiene alla famiglia delle Malvacee, e conta centinaia di specie, originarie di gran parte delle aree temperate e tropicali del mondo, dall'Europa al nord America, dall'Asia all'Australia. Con il termine ibisco si indicano piante annuali e perenni, arbusti sempreverdi o a foglia caduca, ed anche piccoli alberi. In Italia le specie di ibisco più coltivate sono l'Hibiscus syriacus, un arbusto di medie dimensioni, rustico ed a foglia caduca; e l'Hibiscus rosa-sinensis, un piccolo arbusto sempreverde con fiori di grandi dimensioni.
ibisco david boulin

DD Dotzler Design - Set di 12 fiori di ibisco - rosso rosa viola - Adesivo da parete

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Le specie più note

ibisco syriacusMolto utilizzato nei giardini, l'ibisco siriaco è un arbusto di dimensioni anche grandi, che può raggiungere i 2-3 metri di altezza, talvolta coltivato anche ad alberello; spesso viene utilizzato nell'arredo urbano, anche nelle zone di mare. Si tratta di un arbusto molto rustico, a foglia caduca, con fogliame di colore verde chiaro, di forma ovale; i fiori sono di colore bianco, rosa o blu, semplici o doppi, sbocciano dalla primavera inoltrata fino all'autunno. I frutti sono capsule legnose, contenenti numerosi semi, rimangono spesso sulla pianta anche durante i mesi invernali; queste piante sono di coltivazione molto facile, non necessitano di cure assidue, e sopportano senza problemi il freddo e la siccità. Si pongono a dimora in luogo soleggiato, poiché una scarsa esposizione alla luce solare potrebbe causare una scarsa fioritura. Per ottenere un arbusto ben sviluppato e vigoroso è consigliabile porre a dimora in terreno soffice e molto ben drenato, anche sabbioso o sassoso; ogni primavera interrare alla base del fusto del concime organico, o del concime granulare a lenta cessione. Durante inverni particolarmente rigidi, nelle zone delle penisola più fredde, può capitare che il gelo causi il disseccamento delle giovani piante, che in genere germogliano senza problemi all'arrivo della primavera.

Durante l'inverno le piante si spogliano completamente del fogliame; le giovani foglie cominciano a spuntare abbastanza tardi, in primavera inoltrata, prima che germoglino, o anche in autunno, ricordiamoci di accorciare i fusti di almeno un terzo della loro lunghezza, in modo da mantenere l'arbusto più denso e compatto.

  • Ibisco Arbusto a foglie caduche, originario dell’Asia, molto diffuso in coltivazione come pianta ornamentale, nei giardini e come arredo urbano. Ha portamento eretto, ben ramificato, e raggiunge i 2-3 metri ...
  • Ibisco L' ibisco è un arbusto di medie dimensioni, o più spesso erbacea perenne; l'hibiscus coccineus è una pianta originaria dell'America settentrionale; produce sottili fusti eretti, che spesso divengono l...
  • Ibisco Al genere hibiscus appartengono svariate decine di specie, tra cui arbusti, piante annuali, erbacee perenni ed anche piccoli alberi; la gran parte delle specie di ibisco sono originarie dell’Asia, ma ...
  • Ibisco di palude pianta erbacea perenne a foglie caduche, originaria dell'Asia e del continente americano; questi arbusti sviluppano fusti legnosi eretti, alti 80-150 cm, ricoperti da una sottile peluria, che portano ...

Blinky 7971707 Cassapanca Legno Ibisco con Coperchio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 41,6€
(Risparmi 2,6€)


L'ibisco cinese

ibisco dragon breathL'ibisco rosa-sinensis, è un'altra specie molto coltivata in Italia, ed anche nel resto dell'area mediterranea. Si tratta di un piccolo arbusto tondeggiante, sempreverde, dal bel fogliame di colore verde scuro brillante, lucido, di forma ovale con margine fogliare dentellato. Nelle giuste condizioni climatiche produce fiori per tutto l'arco dell'anno; in Italia in effetti fiorisce soltanto durante i mesi estivi. Questa pianta teme il gelo, quindi si coltiva all'aperto solo nelle zone del centro-sud, mentre al nord viene tenuta all'aperto solo durante i mesi estivi, e riportata in casa durante l'inverno. In effetti può essere utilizzato anche come pianta da appartamento, a patto di posizionarlo in luogo molto luminoso e lontano dai colpi d'aria improvvisi. In giardino si pone in luogo soleggiato, o parzialmente ombreggiato. La fioritura è spettacolare, i fiori sono di grandi dimensioni e di colore molto intenso; stempra esistano centinaia di varietà ibride, con fiori di colore giallo, rosso, viola, fucsia, anche doppi, striati e con macchie in colore contrastante. La coltivazione è abbastanza semplice, si tratta di una pianta che va posizionata in luogo luminoso, in terreno fertile e molto ben drenato; si annaffia quando il terreno è asciutto, evitando di lasciare la pianta asciutta per periodi di tempo prolungati; ogni 2-3 settimane si fornisce del concime per piante da fiore.


Ibisco: Altre specie

ibisco coccineusAlcune altre specie vengono comunemente coltivate in Italia; nel giardino acquatico possiamo porre a dimora l'ibisco moscheutos, pianta che necessita di frequenti annaffiature, con fogliame di colore verde brillante, caduco, e che spesso si arrossa se coltivata in posizione soleggiata; i fiori sono grandi, rossi o rosa acceso. Molto appariscente la fioritura dell'ibisco coccineo, arbusto a foglie caduche, palmate, di colore verde bronzato; in estate produce enormi fiori a cinque petali, di colore rosso vivo; durante i mesi invernali spesso i fusti disseccano, per spuntare nuovamente durante la primavera inoltrata.

Nel resto del mondo sono molte le specie coltivate, anche per scopi commerciali, da alcune varietà di ibisco si ottendono frutti polposi commestibili, materia prima per l'industria tessile e della carta. Una curiosità, il karkadè, tipica bevanda nordafricana, è prodotto utilizzando le foglie ed i fiori dell'ibisco sabdariffa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO