potatura di azalee e rododendri

vedi anche: Azalea

potatura di azalee e rododendri:

potature azalee

Azalee e rododendri sono arbusti appartenenti alla stessa famiglia, diffusi in tutta Europa. Si tratta di piante a sviluppo abbastanza lento che non necessitano di potature drastiche troppo regolari. La fioritura avviene all’inizio della primavera e in genere le potature si praticano appena dopo la fioritura, rimuovendo i fiori appassiti ed accorciando i rami che portavano i fiori, in modo che possano germogliare rapidamente ed infoltire l’arbusto. Periodicamente è però bene praticare potature più significative, in modo da mantenere la pianta sana e folta. Ogni 2-3 anni è possibile accorciare di circa un terzo i rami degli arbusti più giovani, dopo la fioritura; questo tipo di potatura si pratica anche sulle azalee da appartamento, più delicate e tenere. Accorciando tutta la chioma si favorisce l’infoltimento dell’arbusto e si evita che, con l’andare del tempo, la parte bassa della pianta tenda a spogliarsi; in questo modo la pianta mantiene un aspetto compatto e tondeggiante Per quanto riguarda invece le piante più vecchie, a dimora da molti anni, è possibile praticare una drastica potatura a fine inverno, accorciando l’intero arbusto fino a 25-35 cm dal terreno; in questo modo si favorirà lo sviluppo di nuova vegetazione, promuovendo lo svecchiamento dell’intero arbusto. Dopo una tale fioritura in genere la fioritura non avviene per almeno un paio di anni, poiché tutte le energie della pianta saranno impiegate a formare nuove vegetazione sana e robusta. Per tutte le azalee poi si praticano potature di pulitura durante tutto l’arco della stagione vegetativa, da marzo a settembre, rimuovendo i rami spezzati, le foglie malate ed i fiori appassiti.


Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO