Capelvenere - Adiantum venustum

Generalità

Il genere conta duecento specie di felci, alcune rustiche possono essere coltivate in giardino, altre in serra e in appartamento. Sono usate come piante ornamentali per il fogliame leggero e decorativo.

La Adiantum venustum, chiamata anche Capelvenere, è una specie da giardino che cambia colore nel corso dell'anno: le fronde, quando invecchiano, diventano da glauche a brune e le fronde nuove sono di colore rosa. E' alta circa cm 15 e ha un diametro di circa 20 cm; le fronde sono triangolari e sottili, con la pagina superiore convessa, composte da numerose pinnule, e sono portate da piccioli nerastri.

Capelvenere

FreshGadgetz Interno / esterno pianta in vaso da parete in plastica rara moderna

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,22€


Esposizione

pianta Capelvenere La Adiantum venustum non deve essere esposta alla luce diretta del sole e predilige le zone ombreggiate, essendo una pianta che in natura si sviluppa nel sottobosco. Teme il freddo invernale, quindi va ricoverata in casa, anche se non ama particolarmente il caldo secco del riscaldamento, è quindi opportuno porla in una stanza della casa non troppo riscaldata, ricordandosi di aumentare il tasso di umidità atmosferica vaporizzando, almeno una volta alla settimana, con acqua distillata. La temperatura ideale per la coltivazione della Capelvenere è attorno ai 18 °C.


  • Platycerium bifurcatum felce epifita originaria dell'Australia meridionale; del genere platycerium fanno parte alcune felci, tutte epifite, diffuse in Australia e nell'Africa meridionale; in natura si sviluppano sul tronco ...
  • Selaginella E' un genere che comprende moltissime specie di piante erbacee appartenenti alla famiglia delle felci, originarie dell'Asia, dell'Africa, dell'Australia e del continente americano. Hanno sottili fusti...
  • Asplenium Originaria dell' Asia tropicale e delle isole del Pacifico.Altezza 0,6-l,2 m, diametro 30-60 cm. ASPLENIUM NIDUS è in natura una specie epifita che cresce sugli alberi: da ciò è derivato il suo nome...
  • Blechnum Genere che comprende decine di varietà di felce, diffuse in gran parte delle zone temperate del mondo; Blechnum spicant è diffuso anche in Italia; le specie più coltivate sono originarie dell'Asia, ed...

Semi rari Heirloom UFO Patty Pan di zucchine Bianco Verde banda estate squash, confezione originale, 8 semi / Pack, Zucche ornamentali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Annaffiature

foglie adiantum Le annaffiature per la Adiantum venustum devono essere abbondanti e regolari in estate e, durante tutto il periodo vegetativo, il terreno va mantenuto sempre umido ma non inzuppato, in quanto i ristagni idrici risultano dannosi.

Con l'arrivo dei primi freddi è meglio diradare le annaffiature, e fornire acqua una volta ogni 10-15 giorni, attendendo che il terreno asciughi un poco prima di annaffiare ancora, se però la pianta è tenuta in luogo riscaldato è opportuno annaffiarla più spesso. Nelle giornate calde, poi, è bene provvedere a nebulizzare sulle foglie dell'acqua a temperatura ambiente per permettere alla pianta di Adiantum venustum di godere del giusto tasso di umidità.

Durante il periodo che va da marzo a ottobre è consigliabile aggiungere del fertilizzante per piante verdi all'acqua delle annaffiature, ogni due settimane circa.


Terreno

adiantum Le piante di Adiantum venustum gradiscono un terreno molto fertile, ben drenato e soffice; per questo è consigliabile utilizzare terriccio universale con aggiunta di torba e sabbia.

Sono piante con crescita piuttosto rapida, per questo è bene prevedere di rinvasarle nella stagione primaverile.


Moltiplicazione

La pianta di Capelvenere si può riprodurre tramite spore ma non sempre questo sistema dà risultati. Il sistema più semplice è per divisione dei rizomi in primavera. I rizomi si piantano in vasi con una miscela formata da terriccio, torba e sabbia in parti uguali. Si tengono i vasi in luogo protetto all'ombra e in atmosfera umida.


Capelvenere - Adiantum venustum: Parassiti e malattie

capelvenere pianta I porcellini di terra si nutrono delle radici. Le cocciniglie delle radici attaccano l'apparato radicale; i minatori delle foglie causano grandi macchie nere al tessuto delle fronde.

Queste piante possono anche soffrire per colpa di malattie fungine derivanti da un'eccessiva umidità del terreno e possono essere attaccate dalle cocciniglie; se la loro presenza è limitata, è possibile intervenire manualmente, eliminandole con l'aiuto di un panno o un batuffolo di cotone con alcool. Altrimenti è bene utilizzare un prodotto specifico.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Si annaffia soltanto durante periodi di prolungata siccità o quando il terriccio è ben asciutto; in questo periodo dell'anno in genere può essere sufficiente intervenire una volta ogni 20-25 giorni.


Tenere Umido
concimazione
Durante i mesi invernali in genere le concimazioni vengono sospese, o comunque ridotte, per evitare di stimolare lo sviluppo di nuovi germogli, che potrebbero venire danneggiati dal freddo.


Esigenze della piante a dicembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO