Aglaonema pictum

Generalità

Il genere aglaonema conta circa sessanta specie di piante sempreverdi, erbacee, originarie dell'Asia sud orientale; raggiungono i 100-150 cm di altezza, ma esistono numerose varietà nane o compatte, che si mantengono al di sotto del metro, o anche al di sotto dei 50 cm. Hanno un corto fusto carnoso, da cui si dipartono lunghe foglie lanceolate, leggermente carnose, che possono raggiungere i 30-40 cm di lunghezza; le foglie degli aglaonema sono di colore vario, in genere verdi, con striature e variegature gialle, verde chiaro o bianche; le piante si presentano come cespugli densi, tondeggianti. In primavera talvolta producono alcuni fiori a forma di spata, simili a piccole calle bianche o verdastre. Queste piante sono molto coltivate come piante da appartamento, perchè la coltivazione è molto facile, e l'aspetto è molto decorativo.
Aglaonema pictum pianta


Esposizione

aglaonema pictum Pur prediligendo le posizioni abbastanza luminose, che esaltano la colorazione delle foglie, gli aglaonema pictum sopportano senza problemi condizioni che sarebbero sfavorevoli per altre piante, dall'ombra completa alla luce brillante; temono i raggi diretti del sole, che causano bruciature sulle foglie. Come molte altre piante da appartamento, temono il freddo, e si coltivano ad una temperatura minima superiore ai 12-15°C, evitando gli sbalzi di temperatura.

Le varietà con foglie screziate hanno bisogno di maggiore luminosità per evitare di perdere il loro colore, fattore molto comune in caso di esposizione ombreggiata.

Nei periodi più caldi, dato che la pianta preferisce un clima umido, è bene prevedere delle nebulizzazioni di acqua a temperatura ambiente sulle foglie.


  • Cordyline australis Al genere Cordyline australis o Cordilinea appartengono circa venti specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, diffusi in Asia, in Australia ed in Sud America, oltre a numerose cultivar. Queste p...
  • piante Areca L'Areca è una palma originaria delle Filippine e della Malesia, coltivata in gran parte delle zone caldo-umide dell'Asia e dell'Africa, che in vaso raggiunge raramente i due metri. Ha tronco rigato e ...
  • Datura fiore E' un genere che comprende circa una decina di specie di piante erbacee, perenni, originarie dell'America centro settentrionale e probabilmente dell'Asia; un tempo il genere contava molte più specie, ...
  • Dizygotheca elegantissima La Dizygotheca elegantissima, spesso chiamata anche schefflera elegantissima o aralia elegantissima, è in natura un grosso arbusto, o piccolo albero, sempreverde, originario dell'Australia e delle iso...


Annaffiature

foglie aglaonema Durante i mesi caldi annaffiare con regolarità, attendendo sempre che il terreno sia asciutto tra un'annaffiatura e l'altra; in autunno ed in inverno annaffiare meno, vaporizzando le foglie con acqua demineralizzata, ogni 3-4 giorni. In genere queste piante possono sopportare brevi periodi di siccità, ma temono i ristagni idrici e gli eccessi di annaffiature. Per evitare la formazione di ristagni idrici, il vaso può essere sistemato in un sottovaso in cui si siano posti dei ciottoli o dell'argilla espansa, per fare in modo che le radici della pianta non rimangano a contatto con l'acqua del sottovaso.

Ogni 25-30 giorni aggiungere del concime per piante verdi all'acqua delle annaffiature.


Terreno

aglaonema pictum foglie Si coltivano nel comune terriccio universale, mescolato eventualmente a poca corteccia sminuzzata e sabbia di fiume lavata. Le piante di Aglaonema pictum crescono piuttosto lentamente, quindi l'operazione di rinvaso può avvenire ogni 2 o 3 anni, utilizzando un vaso leggermente più grande di quello precedente.


Moltiplicazione

In autunno o in primavera inoltrata è possibile dividere i cespi, mantenendo alcune radici ben sviluppate per ogni porzione praticata. La Aglaonema pictum può essere moltiplicata anche per seme nel periodo primaverile, seminando in appositi contenitori facendoli scendere al di sotto della superficie con delicatezza. I contenitori vanno mantenuti in luogo ombreggiato con una temperatura costante, attorno ai 20 °C. Altra tecnica per moltiplicare queste piante, è quella di ricorrere alle talee, prelevando i rami con nuovi germogli e sistemandoli in un terriccio ricco e fertile, sistemando i vasi in ambienti con temperatura attorno ai 20 °C.


Aglaonema pictum: Malattie

pianta aglaonema pictum In genere non soffrono particolarmente l'attacco di parassiti fungini o di insetti; può capitare che le foglie ingialliscano, a causa della presenza di acari sulla pagina inferiore, o a causa di repentini sbalzi di temperatura. Gli acari che provocano questo fenomeno sono i ragnetti rossi e per la loro eliminazione, oltre a ricorrere ad appositi prodotti, è anche possibile aumentare il grado di umidità con nebulizzazioni di acqua sulle foglie, visto che questi parassiti non sopportano questo elemento.





Esposizione
Pianta che predilige le posizioni ombreggiate, evitare l'esposizione ai raggi diretti del sole.

 
Posizione ombreggiata
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO