Speciale sulle painte grasse

Cenni botanici e habitat

Queste piante, pur appartenendo a differenti Famiglie Botaniche, hanno in comune l'adattamento ad ambienti climatici aridi. Per poter sopravvivere in luoghi tanto avversi quasi tutte hanno subito particolari modificazioni morfologiche, trasformando le foglie in spine e trasferendo la funzione clorofilliana sul fusto, che in questo caso si denomina Cladodo.

Fra le altre peculiarità di adattamento queste piante, hanno ridotto al massimo i processi respiratori e traspiratori, pertanto, nei periodi particolarmente piovosi, sono in grado di accumulare nei loro tessuti notevoli quantità d'acqua, che serve per riserva durante i lunghi periodi di siccità.

Fra le numerose piante grasse, alcune delle più comunemente coltivate in appartamento sono : Cactaceae, Euphorbiaceae, Liliaceae, Crassulaceae, Apocinaceae, Agavaceae, Aizoaceae, Portulacaceae e numerose altre.

La dimensione di queste piante è generalmente ridotta, ed altrettanto l'accrescimento, cosa questa che ne facilita la coltivazione in vaso. Sono presenti comunque numerose eccezioni, date da esemplari giganti, nelle famiglie delle cactaceae o delle agavaceae, con taglie che possono superare i 12 metri di altezza nelle condizioni ideali .

L'origine di queste piante è varia: le cactacee provengono generalmente dalle zone centro americane sub desertiche, le aizoacee e le altre succulente prive di spine sono invece originarie del continente Euro-Asiatico o dell' Africa.

E' opinione comune che queste piante non siano in grado di fiorire, nulla di più errato, se ben mantenute sono in grado di fiorire ripetutamente con fiori di grandi dimensioni e di colori sgargianti, anche se il fiore ha scarsa durata e la fioritura avviene per alcune solo alla notte, proprio per ridurre la traspirazione d'acqua.

astrophytum

PIANTE GRASSE RARE VERE Crassula Falcata VASO TERRACOTTA BIANCO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,5€


La coltivazione delle piante grasse

dudleyaIl loro estremo adattamento all'ambiente arido, fa sì che questo tipo di piante sia considerato robusto o tollerante alle disattenzioni sulle annaffiature o per l'esposizione alle alte temperature.

Per opposte considerazioni, presentano invece molte difficoltà in situazioni di scarsa illuminazione e alle basse temperature (il minimo vitale è generalmente di 5° C ).

Fra le prime condizioni di riuscita della coltivazione delle piante in grasse in genere avremo per una ottimale ambientazione:

Luce : ottimale in tutte le stagioni ma non eccessiva, vi sono solo rare le eccezioni per alcune che comunque richiedono luce da buona a diffusa.

  • piante grasse gruppo che comprende decine di piante succulente sempreverdi originarie dell'Europa, dell'America e dell'Asia. Si presentano come dense rosette di foglie carnose, per lo più arrotondate, talvolta allu...
  • piante grasse Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento co...
  • Genere di circa tre specie di cactus, provenienti dal Messico, a fusto eretto, che può raggiungere, in natura, anche i quattro metri di altezza. Il fusto è verde-blu, ricoperto di pruina e cresce abba...
  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...

Neudorff - di scudo Promanal AG protezione insetti e Wolllausfrei con erogatore spray 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,96€


Temperatura

mesembriantemumdeve essere non troppo alta nei mesi estivi e non troppo bassa nei mesi invernali. Sarebbe erroneo mantenerle costantemente a temperature fisse medio alte, proprio perchè nei mesi invernali si ha l'induzione alla crescita e alla fioritura e la temperatura ottimale deve restare fra i 5 e i 10° gradi.

Fare sempre attenzione al gelo. Fatte rarissime eccezioni queste piante non sopportano minime al disotto di 0° C.


Annaffiature

gymnocalycallo stato selvatico sono abituate a lunghi periodi di siccità per poi essere sommerse da alluvioni. Nelle coltivazioni amatoriali, è bene sempre moderare le annaffiature, mantenendo umido il suolo nel periodo invernale con 1- 2 bagnature al mese, per poi progressivamente arrivare al massimo di 4-5 bagnature nei mesi più caldi.


Terreno

i substrati devono essere caratterizzati da una struttura permeabile e porosa, al fine di evitare pericolosi ristagni idrici: quasi tutte le piante grasse prediligono terreno acido e sono consigliate miscele con materiale drenante come sabbia o lapillo.


La concimazione delle piante grasse

La concimazione di questo tipo di piante è una pratica indispensabile e va fatta con concimi ricchi in fosforo e potassio. L'azoto è richiesto in quantità limitata, perché stimola la pianta a crescere, inflaccidendo i tessuti ed aumentandone la traspirazione. Per rispettare il ritmo di accrescimento e vitale, le concimazioni devono essere ottimali senza eccedere, da fine inverno al periodo primaverile per stimolare la crescita e la fioritura.

Sono poi preferibili i concimi liquidi perché queste piante non tollerano persistenza di sali in suolo, e dimostrano elevate necessità in microelementi, talvolta dilavati dal suolo molto permeabile.

Un concime studiato per queste piante deve contenere una buona quantità di fosforo e potassio, una bassa quantità di azoto ed abbinare un equilibrato apporto di micronutrienti, fra cui tutti gli indispensabili come Ferro, Boro, Zinco, Rame, Manganese e Molibdeno.


Le rinvasature delle piante grasse

Sono piante che non necessitano di frequenti rinvasi per via della loro lenta crescita; tuttavia l'operazione può essere fatta ogni 2 anni con sicuro benessere per la pianta dovuto all'eliminazione di eventuali parassiti ed il ripristino delle condizioni ottimali del suolo.

Il terriccio consigliato è composto da terriccio universale miscelato al 30 % circa con argilla espansa o lapillo e sabbia.

La dimensione dei vasi, a differenza delle piante a foglia, può essere notevolmente ridotto

La stagione migliore per i rinvasi delle piante grasse va da fine inverno a inizio primavera, prima che abbiano sviluppato le nuove radici.

Nell'operazione di rinvaso bisogna porre attenzione a non comprimere eccessivamente il suolo poiché hanno radici molto delicate.


La propagazione delle piante grasse

Alcune succulente si possono propagare da seme, ma la tecnica maggiormente praticata è quella della talea, perché molte Cactacee possiedono una spiccata attività rizogena e, seguendo semplici accorgimenti, le loro talee attecchiscono di norma facilmente.

Questa operazione è consigliata per recuperare piante malformate o filanti per scarsità di luce, ma altrettanto utile è nei casi di rigenerazione di piante danneggiate da patologie o insetti.

Le talee vanno prelevate nel periodo di sviluppo vegetativo (primavera), utilizzando parti di piante non danneggiate da malattie e che non presentino boccioli fiorali.

A differenza di altre piante, le talee delle Cactacee non devono mai essere poste direttamente in suolo, ma devono essere poste ad asciugare in luogo asciutto e ombreggiato per vari giorni (a seconda della sezione del taglio) sino a completa cicatrizzazione del taglio.

In seguito le talee saranno poste a radicare in un substrato di torba e sabbia, mantenendo il suolo lievemente umido con fertirrigazioni (acqua e fertilizzante) a basse concentrazioni.

La temperatura ottimale per la radicazione è di circa 20 ° C e per favorire la radicazione è consigliato l'uso di stimolatori ormonali.

Non tutte le piante grasse si propaganoper talea, molte si propagano per germogliazioni laterali come gli Echinocactus o le Mamillaria. Altre come Crassula o Echeveria si propagano facilmente per talea di foglia, ponendo direttamente le foglie in suolo senza alcuna asciugatura.

Nelle propagazione dell'Aloe dell'Agave o dei Sempervivum è consigliabile il distacco di germogli basali con una porzione di radici.


Avversità e cure

Nella prima parte, si è descritta la coltivazione delle cactacee, con vari riferimenti alle principali difficoltà di coltivazione, dovuti principalmente alla problematica dell'ambientazione nei nostri climi per tutto questo gruppo di piante.

In questa seconda parte, descriveremo i sintomi e le avversità di natura ambientale, quelle patologiche di natura fungina e da parassiti animali che possono colpire queste piante, con lo scopo di fornire utili elementi per l'appassionato della coltivazione e quindi porre rimedio, o meglio prevenire, i problemi derivanti da queste avversità.

La coltivazione delle piante grasse è sempre stata considerata erroneamente una coltivazione facile, ribadiamo subito, in linea con quanto già affermato nella prima parte, che l'ambientazione e la nutrizione non sono assolutamente facili per queste piante, poichè l' habitat naturale si discosta notevolmente dal nostro e da quello delle altre piante ornamentali.

Inoltre, l'interpretazione degli stati carenziali di nutrizione, non è agevole su queste piante, perché la mancanza delle foglie o per meglio dire la trasformazione delle foglie in spine, maschera completamente la diagnostica visiva dello stato vegeto - nutrizionale.

Avversità e cure

Come per le altre piante, anche per le succulente, distinguiamo le varie avversità in base alla causa che le ha originate; avremo pertanto patologie ambientali, parassitarie dovute a funghi e parassitarie causate da insetti o animali.


1) patologie non parassitarie : nutrizionali o ambientali.

Molte sono le cause di questo tipo, tutte connaturate al fatto che queste piante richiedono illuminazione ottimale in estate e soprattutto in inverno, moderata disponibilità d'acqua, terreno sciolto drenante, e fertilizzanti specifici .

La maggior parte degli errori è proprio derivante dalla eccessiva quantità d'acqua, è buona norma, pertanto, indicare subito al non esperto che è preferibile la carenza d'acqua all'eccesso, perché in condizioni di ristagno idrico, le piante si ammalano per problemi fungini, se invece la pianta soffre il secco è sufficiente ripristinare la quota d'acqua ideale per farla tornare alle condizioni ottimali di sviluppo.

Fra i principali sintomi e cause debilitanti a livello di ambientazione segnaliamo:

sintomo sulla

pianta

Gruppo

patologico di funghi

Aree nerastre che

si allargano con formazione di marciume molle al centro

dei fusti

Gloeosporium cactorum
 Aree nerastre puntinate con formazione di

marciume molle  che

penetra al centro dei fusti.

Cancrena midollare
Macchie giallognole

di seccumi sui fusti

Maculature dei cladodi
Muffe grigiastre ad

anelli che si diffondono su tutta la pianta

Botrite
Marciume basale con

imbrunimenti e ripiegamento

Marciume della base

o Phytophtora  cactorum

a soluzione ai vari problemi nutrizionali si ottiene con prodotti specifici per piate grasse e succulente che apportano in forma bilanciata i principali macroelementi utili, favorendo una crescita equilibrata e soprattutto, ad alto contenuto di potassio, che migliora la robustezza e la consistenza del fusto.

Bilanciato deve essere anche il contenuto in microelementi che, oltre a completare le esigenze nutrizionali, stimola una buona fioritura ed incrementa la resistenza delle piante alle varie condizioni avverse.

Per quanto riguarda la clorosi o gli ingiallimenti dovuti a carenza di Ferro, consigliamo l'impiego di prodotti a base di chelato di Ferro, da impiegare con le annaffiature.

Per evitare problemi di scottature, si consiglia di esporre progressivamente alla luce solare tutte le piante che in inverno sono rimaste in ambienti scarsamente illuminati, o meglio ancora posizionare le piante in luoghi con luce intensa ma diffusa.

Per i restanti aspetti di terreno, annaffiature e temperature si rimanda alla prima parte.


2) Avversità parassitarie dovute a funghi

Le succulente sono piante molto sensibili ai ristagni idrici e manifestano subito la loro intolleranza con marcescenze e ammuffimenti vari.

La debilitazione risulta poi aggravata dal fatto che il fusto ha una scarsa consistenza in quanto normalmente è molto ricco di acqua e quindi facilmente curvabile sotto il peso della stessa pianta, con irrimediabile danno per la traslocazione degli elaborati da radice a parte aerea .

Talvolta poi molte malattie sono involontariamente diffuse dalle operazioni di recisione varia dei fusti per la produzione di talee o per la semplice eliminazione di getti soprannumerari alla base delle piante.

Si raccomanda per questo l'utilizzo di forbici disinfettate o meglio ancora sterilizzate alla fiamma.

sintomo sulla

pianta

Gruppo

patologico di funghi

Aree nerastre che

si allargano con formazione di marciume molle al centro

dei fusti

Gloeosporium cactorum
 Aree nerastre puntinate con formazione di

marciume molle  che

penetra al centro dei fusti.

Cancrena midollare
Macchie giallognole

di seccumi sui fusti

Maculature dei cladodi
Muffe grigiastre ad

anelli che si diffondono su tutta la pianta

Botrite
Marciume basale con

imbrunimenti e ripiegamento

Marciume della base

o Phytophtora  cactorum


Speciale sulle painte grasse: 3) Insetti o parassiti animali

Gli insetti fortunatamente non sono molto numerosi su queste piante. I più temibili sono comunque i succhiatori come gli afidi e le cocciniglie. Queste ultime possono colpire ogni parte della pianta, compresa la radice.

Nella tabella che segue sono riassunti i sintomi ed i principali agenti del danno :

sintomo sulla

pianta  e sui grappoli

Tipo

di insetto

Insetti che con le

loro punture  su

giovani fusti e steli floreali producono avvizzimenti

e deformazioni.

AFIDI
Masse biancastre lanuginose

o insetti ricoperti di scudetti di vario colore bianco

o rossastro

COCCINIGLIE
Sono minuscoli ragni

che provocano con le loro punture sui fusti   ingiallimenti puntinati  a

cui segue un seccume suberoso . Sono molto mobili

e quando attaccano massicciamente la pianta producono

anche piccole ragnatele.

ACARI o RAGNETTI ROSSI

E GIALLI

Tutte queste avversità si possono prevenire e/o curare per insetti o funghi con gli specifici prodotti per piante ornamentali, seguendo attentamente le avvertenze e le modalità d'uso.



COMMENTI SULL' ARTICOLO