Kerria del Giappone - Kerria japonica

Generalità

Al genere Kerria appartiene solo la specie japonica, originaria dell'Asia; si tratta di un arbusto di medie dimensioni, che raggiunge i 200-250 cm di altezza, con forma arrotondata.

I fusti della kerria japonica sono sottili, arcuati, scarsamente ramificati, ogni pianta produce numerosi germogli basali, che tendono a svilupparsi abbastanza rapidamente.

Il fogliame è caduco, di piccole dimensioni, di colore verde scuro; le foglie presentano un margine seghettato o dentellato.

In primavera, da marzo fino a maggio, produce innumerevoli piccoli fiori di colore giallo dorato, a cinque petali, simili a piccole rose gialle.

In commercio si possono trovare numerose cultivar, la più diffusa è K. j. pleniflora, con fiori doppi, simili a piccoli pompon; esistono anche cultivar a fiore bianco, o con fogliame delicatamente variegato.

In genere la fioritura primaverile è molto abbondante, è seguita a fine estate da una seconda fioritura, con produzione di pochi boccioli sparsi. Pianta molto diffusa nei giardini del passato, soprattutto nel caso della varietà Pleniflora, ora sembra stia godendo di una seconda giovinezza, anche se negli ultimi anni si stanno diffondendo particolarmente le varietà a fiore semplice.

Kerria


Esposizione

Kerria Le kerrie del giappone tollerano qualsiasi esposizione, dall'ombra completa fino al pieno sole. In genere le piante poste in ombra totale tendono a produrre pochi fiori, mentre i boccioli degli esemplari in pieno sole sono di breve durata e tendono a sbiancare con l'esposizione ai raggi solari.

La kerria japonica è un arbusto decisamente adatto alla mezz'ombra, dove la sua fioritura è abbondante e di lunga durata e lo sviluppo della pianta abbastanza vigoroso.

Queste piante fioriscono sui rami dell'anno precedente, si consiglia quindi di effettuare le potature dopo la fioritura primaverile.

  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Cornus alba Questi arbusto presenta foglie caduche originario dell'Asia centro-meridionale, che raggiunge i 150-200 cm di altezza. I fusti sottili hanno portamento eretto, ramificano abbondantemente con il pass...


Annaffiature

kerria japonica In genere le kerrie del giappone non sono molto esigenti per quanto riguarda le richieste idriche; se il clima è propizio tendono ad accontentarsi delle piogge; evitiamo che il terreno rimanga asciutto per periodi molto prolungai in primavera ed in autunno.

In febbraio è consigliabile aggiungere al terreno ai piedi dell'arbusto del concime organico ben maturo.


Terreno

kerria japonica pleniflora Questa varietà japonica predilige i terreni di medio impasto, abbastanza profondi e ricchi, molto ben drenati. Evitare di porre a dimora questa pianta in luogo con ristagno idrico o con terreno molto pesante e povero.


Moltiplicazione

In autunno, o alla fine dell'inverno, di separano i nuovi fusti che si formano alla base della pianta madre. Si possono anche fare talee, lunghe 10-15 cm, prelevandole in estate dai rami laterali e piantandole in cassone freddo senza bisogno di protezione. Sempre in estate è anche possibile realizzare le margotte che, senza molte difficoltà, radicheranno in breve tempo.


Kerria del Giappone - Kerria japonica: Parassiti e malattie

kerria japonica Particolarmente pericolosi per le kerrie del Giappone sono i funghi del genere Cylindrosporium, che attaccano i germogli e portano al disseccamento delle foglie. La cosa migliore è tagliare sia gli apici che le foglie malate.

Tra gli insetti, i bruchi possono attaccare le radici e causare gravi danni.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a ottobre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO