Il terrazzo a prova di cane

Piante tossiche per il cane e conseguenze

Chi possiede un cane sa che, soprattutto in fase di giovane età, i nostri amici a quattro zampe hanno un forte istinto nel masticare qualsiasi cosa trovino, in particolar modo nel periodo della dentizione. Non sono esclusi comunque i cani adulti che sempre più frequentemente per noia o per “purificare” le vie intestinali, sentono la necessità di ingerire tutto ciò che appare interessante, profumato e di facile portata.

Spesso questo rappresenta un rischio, talvolta anche mortale, che può provocare gravi disfunzioni e conseguenze per la salute dei nostri animali. E’ bene provvedere ad adottare alcune accortezze nell’acquisto di nuove piante da mettere a dimora sul terrazzo, senza per questo creare allarmismi eccessivi. Infatti, per fortuna, ad eccezione di alcune specie estremamente tossiche ( Oleandro, Ricino e Tasso), è poco comune il rischio di determinare situazioni così gravi da non essere risolvibili con una terapia sintomatica. In generale è bene evitare piante con lattice o linfa verde. Ma se volete evitare qualsiasi imprevisto appuntatevi i nomi di alcune delle piante più diffuse nei Garden Center e vivai.

L’Oleandro, come detto, è una specie molto pericolosa anche se assunta in minima quantità, sia da animali che dall’uomo. La sua fioritura abbondante e la facilità nella manutenzione, la rendono sempre più, appetibile per terrazzi e giardini. Ma purtroppo tutte le sue parti, specialmente le foglie, sono velenose; se ingerite, infatti, provocano la morte quasi immediata per arresto cardiaco dolori addominali e disturbi gastrointestinali.

Il Ricino, invece, possiede un forte veleno all’interno dei suoi semi che se ingeriti accidentalmente dopo circa 24 ore possono provocare convulsioni, morte, e problemi renali. L’olio di ricino non determina la stessa sintomatologia, in quanto privo della componente velenosa. Nel caso del Tasso, quasi l’intera pianta (foglie, semi e corteccia) può provocare tachicardia, tremori e difficoltà respiratorie.

Piante tossiche per il cane

Test per terreno, Ollivan Smart Pianta Monitor, temperatura del suolo, umidità, Illuminazione tester with APP Application per Giardino, agricole, Prato, interni ed esterni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,99€


Piante tossiche più diffuse

azalea Tra le piante più diffuse con parti mediamente tossiche per il cane, troviamo:

- Agapanto

- Azalea

- Aloe

- Begonia

- Biancospino

- Bosso

- Bucaneve

- Calla

- Ciclamino

- Gelsomino giallo

- Glicine

- Edera

- Iris

- Lantana

- Rododendro

- Tulipano

Ovviamente si tratta di un elenco parziale, perché purtroppo le piante con elementi tossici sono davvero numerose. E’ consigliabile, quindi, informarsi nello specifico, documentandosi e analizzando le specie più diffuse.


  • Bucaneve  La Galanthus è una piccola pianta bulbosa di tipo perenne, originaria dell'Europa che forma ampi ciuffi di fiori e foglie. E' una delle prime piante che fioriscono a fine inverno, da qui il nome stess...
  • erythronium revolutum Il genere Erythronium comprende numerose specie di piante perenni bulbose, originarie dell'America settentrionale, dell'Asia e dell'Europa centrale. I bulbi sono ricoperti da squame, e producono 1-2 g...
  • Bucaneve  I galanthus nivalis sono bulbose erbacee di piccole dimensioni, diffuse in tutta Europa nel sottobosco umido e fresco; in tutta l'europa e l'Asia sono diffuse circa 15-20 specie di galanthus, molte di...
  • Eritronio L'Erythronium dens canis, o eritronio è una bulbosa molto elegante della famiglia delle Liliacee; il dente di cane appartiene ad un genere diffuso prevalentemente in europa ed in Asia; poche specie so...

[Nuova Edizione]Tubo Giardino Magico, con Ugello Spruzzo & Connettore Plastico, Con Sette Tipi Differenti di Getti d’acqua Tubo Acqua Irrigazione Estensibile il tubo da giardino JOYEUX è stata una vera rivelazione per tu e la tua famiglia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


Piante non tossiche per i cani

cani e piante Per chi invece non vuole avere il pensiero di controllare ogni movimento del proprio cane sul terrazzo, si può affidare a una gran varietà di piante molto affascinanti e assolutamente innocue. Ovviamente la selezione e la scelta dovrà essere un po’ più mirata e indirizzata.

Ecco allora un elenco parziale di specie tra cui scegliere:

- Aeonium, pianta succulenta

- Bougainvillea Glabra, pianta rampicante

- Camelia, pianta cespugliosa

- Capelvenere, felce

- Clerodendro, arbusto cespuglioso

- Cresta da Gallo, pianta estiva annuale

- Dracena, pianta arbustiva sempreverde

- Erica, pianta cespugliosa

- Gelsomino del Madagascar, pianta rampicante

- Ibisco, pianta erbacea

- Lampranthus, pianta grassa

- Palma delle Canarie, palma

- Valeriana

- Veronica

- Violetta africana

E’ consigliabile sia per animali domestici adulti che cuccioli, di evitare magari piante con eccessiva presenza di spine che potrebbero essere ingerite o provocare ferite. A questo proposito, per esempio, si possono preferire qualità di Rose rampicanti come la Rosa Banksiae. E’ una varietà molto rigogliosa, ricchissima di fiori e di grande effetto scenico se addossata a un pergolato, sul parapetto del terrazzo o a ornare un muro vuoto. E’ facile e poco esigente e in poco tempo raggiunge altezze davvero notevoli.


Il terrazzo a prova di cane: Abbinamenti

cani e gelsomino Nel creare nuove composizioni in terrazzo, i principi di progettazione sono assolutamente invariati. L’unica accortezza è, ovviamente, optare e scegliere con più attenzione i vegetali non velenosi da mettere a dimora nel proprio spazio, basandosi sulle considerazioni fatte in precedenza.

Si possono utilizzare, per esempio, diverse varietà di Felci, per creare dei piacevoli contrasti di colore con le piante fiorite; sono di uso comune e facilmente reperibili nei Garden center. La Pellea e la Nefrolepide, per esempio, con il loro portamento piuttosto compatto, possono essere accostate alla bellissima Brunfelsia, pianta arbustiva sempreverde con delicati fiori che cambiano colorazione a seconda dello stadio di sviluppo.

Assolutamente innocue sono le specie appartenenti al genere Mentha, che possono creare accostamenti di grande effetto con altre erbe aromatiche, arricchendo e valorizzando un angolo dedicato.

Anche per chi volesse optare per piante rampicanti, può indirizzarsi su una buon numero di specie non tossiche, tenendo sempre in considerazione la possibilità di ospitarle e di avere supporti necessari per la loro crescita. Si possono citare: Cissus, Hoya, Kalanchoe, Lonicera, Passiflora, Trachelospermum, Vitis.



COMMENTI SULL' ARTICOLO