Balconi e terrazzi a ottobre

Cura del balcone nel mese di ottobre

Con ottobre ci si avvia verso l’autunno e la stagione fredda. Le differenze climatiche nella nostra penisola sono però determinanti: mentre al Nord e nelle aree montane si è alla fine di molte fioriture e ci si deve preparare a ritirare gli esemplari più delicati, al Sud e sulle coste si può aspettare il mese successivo.

Si tratta di un periodo impegnativo: dobbiamo cercare di sfruttare al massimo il nostro spazio all’aperto e contemporaneamente cominciare ad organizzare le fioriture invernali, da tenere in casa, e quelle primaverili.

balcone ottobre

Kiwi - Actinidia deliciosa Jenny - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Pianta adulta) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Manutenzione

fiori autunno Molte piante annuali o biennali sono arrivate alla fine del loro ciclo: eliminiamole e prepariamo i vasi per l’immagazzinamento invernale. Per poterli riutilizzare in sicurezza è bene eliminare tutta la terra, lavare l’interno con una spazzola metallica (se in terracotta) e disinfettarli (ideale è la candeggina).

Ci sono ancora molte piante nel pieno dello splendore, alcune per le fioriture, altre per il fogliame. Tra le prime segnaliamo dalie, crisantemi, aster, anemoni giapponesi, crocus e colchici autunnali. Notevoli per il fogliame dalle sfumature calde sono molti aceri, alcune peonie arbustive e le hydrangee (specialmente le quercifolia). Importante è ricordarsi di irrigarle, specialmente dopo le giornate calde. Una esposizione ben soleggiata, inoltre, prolunga il periodo vegetativo oltre a rendere più intensi i colori.


    Blumfeldt Joshua Tree Fontana da Giardino Con Pompa Zampillo (7 Watt, 17 vasche, Fontanella con Gioco d'acqua, Struttura in metallo effetto Ottone, Contenitore acqua da 15 litri, Cavo 10 m)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,99€
    (Risparmi 74€)


    Preparazione all’inverno

    Nelle regioni settentrioni è il momento di preparare i ripari invernali per le piante. Si ottengono buoni risultati con le apposite serrette se possiamo accostarle ad un muro a Sud e non viviamo in aree particolarmente rigide. La collocazione deve in ogni caso garantire una temperatura minima intorno ai 5 °C (per esemplari semirustici) e una discreta illuminazione. Per le suffruticose (gerani, petunie…) è bene potare drasticamente per evitare l’insorgere di marciumi. All’arrivo del freddo riduciamo le irrigazioni e sospendiamo le concimazioni.

    Le essenze di origine tropicale (come molte piante d’appartamento) vanno trasferite in un locale con minime che non scendano mai sotto i 10°C.

    Per le rustiche (erbacee o arbusti) consigliamo di ridurre gradatamente l’apporto idrico, ripulirle dal secco e dalle infiorescenze appassite. Fanno eccezione quelle ornamentali anche in inverno (arbusti da bacca, hydrangee, graminacee).


    Manutenzione dei mobili e delle superfici

    manutenzione mobili La stagione fredda è quella più difficile per gli arredi e le pavimentazioni: l’umidità persistente e la neve possono metterle a dura prova. I mobili in legno si mantengono meglio se diamo una mano di impregnante o di olio di lino, prima di ripararli per l’inverno. Quelli in metallo vanno invece preservati dall’ossidazione: controlliamo che siano sani. Nel caso vi siano piccoli difetti interveniamo con un convertitore di ruggine e uno smalto apposito: eviteremo che il problema si aggravi. Interveniamo alla stessa maniera anche su ringhiere e altri elementi strutturali.

    Per le pavimentazioni, specialmente se vecchie e usurate, si può intervenire con appositi prodotti impermeabilizzanti da stendere a pennello: facilitano il deflusso delle acque, evitando che penetrino nelle microcrepe.


    Balconi e terrazzi a ottobre: Preparazione per il nuovo anno

    ranuncoli Ottobre, anche grazie al clima ancora gradevole, è ideale per impostare la nuova annata. Innanzitutto, al Sud o se disponiamo di una piccola serra, possiamo dedicarci alle semine delle perenni e delle biennali: in primavera saranno già pronte a fiorire. Con i rami che ricaviamo dalla pulizia degli arbusti tentiamo di fare delle talee legnose: avranno tutto l’inverno per radicare.

    Anche le erbacee perenni possono essere divise: si ottengono buoni risultati specialmente dove gli inverni non sono umidi.

    È anche il momento di preparare i vasetti con i bulbi da forzare, per avere belle fioriture natalizie, in casa: si prestano bucaneve, crocus, giacinti e narcisi. È anche il momento di mettere a dimora le geofite che sbocceranno da febbraio ad aprile.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO