Piante Finte

Le piante, a qualunque genere appartengano, hanno sempre un grande impatto visivo. Spesso, però, a causa di condizioni ambientali avverse, quelle “vere” tendono a seccarsi o a scolorire. Come salvare, dunque, la resa estetica delle piante senza perdere troppo tempo nella loro cura? Semplice: usando quelle finte. Le piante finte sono del tutto simili a quelle naturali, sia nella forma che nei colori, solo che invece del tessuto vegetale sono composte da materiali sintetici ( spesso tessuti) o artificiali. Le piante finte possono rappresentare ed imitare qualsiasi specie vegetale esistente in natura, sia di piccole che di grandi dimensioni. Scelgono le piante finte coloro che per motivi di lavoro o per mancanza di tempo non possono permettersi di curare e innaffiare regolarmente le piante vere, ma anche coloro che vivono in spazi piccoli, senza esterni e in ambienti che non sono adatti alla crescita di specie naturali. Le piante finte possono avere un ottimo effetto decorativo anche in ambienti interni come negozi, ... continua

Altre notizie inerenti: Piante Finte


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , uffici, supermercati e scale di condomini; spazi dove spesso è davvero impossibile esporre e coltivare piante vere. Esistono dei periodi dell’anno dove le piante finte sono maggiormente preferite rispetto a quelle vere. Si tratta del periodo natalizio, ad esempio, dove spopolano stelle di Natale ed abeti rigorosamente “finti”. Le piante finte si possono comprare presso punti vendita al dettaglio o e-commerce. Questi ultimi sono davvero molto attivi nella vendita online di qualsiasi tipo di pianta finta: dal rampicante, al cactus, alle specie fiorite. Nell’acquisto delle piante finte bisogna prestare attenzione alla tipologia dei materiali in cui sono realizzate. Per una maggiore sicurezza ambientale sono da preferire quelle in tessuto, mentre le specie create con materiali plastici vanno attentamente controllate per accertarsi che si tratti di plastica atossica. Le piante finte in tessuto( anche in questo caso bisogna verificare che non siano stati utilizzati coloranti tossici) tendono a impolverarsi più facilmente rispetto a quelle in plastica. La pulizia delle piante finte è molto semplice da effettuare: per quelle in tessuto basta accendere il phon, mentre quelle in plastica possono essere spolverate con un panno, come si fa con qualsiasi soprammobile. Per il resto, le piante finte non hanno nulla da invidiare a quelle vere: non marciscono, non sporcano, non ingialliscono, non hanno bisogno di cure e non emettono cattivi odori. Sono, se non è un problema, semplicemente finte, ma per chi le ama possono davvero rappresentare il massimo del design e dell’estetica.
Guarda il Video