Decotti

I decotti sono dei rimedi erboristici in cui l’estrazione dei principi attivi vegetali avviene facendo bollire contestualmente l’acqua e le parti di pianta utilizzate. I decotti classici si preparano versando, in una pentola, acqua e parti di pianta da far bollire per alcuni minuti. I decotti si usano per estrarre le sostanze attive di piante estremamente dure o coriacee, come cortecce, radici, semi o foglie molto spesse. Con queste parti vegetali, il processo di ebollizione permette di sfruttare al massimo i principi attivi della pianta, principi che altrimenti non potrebbero essere estratti. La cottura prolungata è anche in grado di provocare la dispersione e l’evaporazione delle sostanze volatili e delle vitamine, inficiando gli effetti benefici della soluzione acquosa. Ecco perché i decotti non vengono preparati con piante poco resistenti alla cottura o troppo sottili e delicate. I decotti non sono adatti alle piante aromatiche, ... continua

Altre notizie inerenti: Decotti


  • decotto ortica

    decotto ortica Il decotto di ortica è uno dei preparati erboristici che gode di più fama. I suoi utilizzi spaziano dai rimedi per i reumatismi alla cura contro l’emicrania o disturbi dell’apparato digerente. Se amat
  • decotto malva

    malva Per preparare un decotto di malva in grado di offrire tutte le proprietà benefiche che questa pianta è in grado di regalare, leggi questo articolo e segui i nostri consigli attentamente
  • decotto rosmarino

    decotto rosmarino Leggi i nostri approfondimenti e scopri come preparare un ottimo decotto di rosmarino; seguendo i nostri consigli potrai curarti con le erbe e trarre moltissimi benefici dal rosmarino
  • decotto di alloro

    alloro Tra le erbe aromatiche più conosciute e più utilizzate in cucina c’è senza dubbio l’alloro, il cui n
  • Decotto carciofo

    decotto carciofo Tutti i consigli per preparare un decotto di carciofo in casa e godersi tutte le proprietà benefiche di questa verdura
  • decotto di menta

    Sono all'incirca 600 le varietà di menta, tra cui la più diffusa risulta essere la menta piperita.
  • Decotto di aglio

    Aglio il decotto di aglio è un utile rimedio naturale per sconfiggere malattie da raffreddamento oppure batteriche, essendo un potente antibiotico e antinfiammatorio. Preparare il decotto all'aglio è molto
  • decotto di betulla

    betulla La betulla è una pianta tipicamente nordica il cui nome rimanda al celtico “betu”, letteralmente “al
  • decotto di camomilla

    decotto camomilla La camomilla è un’erba molto conosciuta, usata e apprezzata in tutto il mondo. Il suo nome scientifi
  • Decotto di carote

    mazzo di carote per decotto Se vi annoiate durante le tristi serate invernali ed avete voglia di qualcosa di caldo o se siete alla ricerca di un nuovo decotto o tisana, dovete cercare di capire ciò che fa per voi. Se sceglierete
  • Decotto di cipolla

    Cipolla segreta In alcune pietanze la cipolla è il segreto di ogni cuoco che si rispetti. Nascosta come l'ingrediente segreto, dona sapore senza spaventare ignari commensali sempre poco convinti della sua utilità. Tu
  • Decotto di equiseto

    pianta dell'Equisetum Arvense L'equiseto comune, noto anche come campo equiseto (nome scientifico Equisetum arvense), è una pianta speciale. L'equiseto esisteva già 300 milioni di anni fa ed è l'unico genere della famiglia delle E
prosegui ... , perché la cottura fa evaporare proprio i principi attivi con effetti benefici. Da evitare sono anche i decotti a base di piante termolabili, cioè a base di specie che resistono poco alla cottura. Le piante più resistenti, invece, con il processo di cottura rilasciano lentamente tutti i loro principi attivi ed anche sostanze inutili che vanno eventualmente filtrate dopo la decozione. In genere, il decotto si prepara facendo macerare in acqua fredda le parti di droga da utilizzare. Dopo la macerazione, si procede a portare la miscela in ebollizione per cinque o trenta minuti ( il tempo di ebollizione varia in base alla pianta utilizzata). Il preparato si lascia raffreddare, si filtra e poi si beve seguendo una specifica posologia. Per una reale efficacia, le parti di pianta da far bollire devono essere proporzionate alla quantità di acqua utilizzata. Lo standard è di una parte di pianta ogni venti parti di acqua. La concentrazione di principi attivi del decotto è superiore a quella dell’infuso, perché parte delle sostanze benefiche si perde proprio durante la cottura. Per questa peculiarità, i decotti non vengono frequentemente utilizzati nella moderna erboristeria. Quelli ancora in uso riguardano piante con effetti sedativi, digestivi, antinfiammatori ed espettoranti. Tra i decotti sedativi ricordiamo quello a base di luppolo, utile per combattere l’insonnia. Tra quelli digeritivi occorre citare il decotto di zenzero, mentre tra quelli espettoranti e antinfiammatori spiccano, rispettivamente, il decotto di farfaraccio e parietaria. I decotti per combattere fastidi come la tosse e la cistite sono, in realtà, composti da miscele di piante. Il decotto di farfaraccio contiene, infatti, anche parti di enula e liquirizia, mentre il decotto di parietaria contiene anche equiseto, granturco e gramigna.