Il giardino a settembre

vedi anche: giardino

Settembre in giardino

La permanenza in giardino a settembre torna ad essere piacevole: le temperature cominciano a calare, in particolar modo durante la notte e la mattina. Le piogge, poi, si fanno più frequenti, riducendo la frequenza delle irrigazioni. Le condizioni climatiche stimolano la ripresa vegetativa e, nelle piante predisposte, una nuova fioritura. Molti giardinieri dicono che settembre è “una seconda primavera”, forse ancora più piacevole. Le infiorescenze, meno abbondanti, sono però più durature e le cromie più delicate. Nell’ultima decade, inoltre, il colore delle foglie comincia a virare verso toni caldi, rendendo unica l’atmosfera.
giardino settembre

Battle - Semi Ecologici Fave Acquadolce (30G Semi - Bio)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Semine e divisioni

Le temperature ancora abbastanza elevate, ma non roventi, sono ideali per procedere alla divisione, alla semina e all’impianto soprattutto delle erbacee.

Per avere successo nelle divisioni consigliamo di lavorare velocemente la sera: estraiamo il cespo dal terreno e dividiamo con forchette o forconi. Reinseriamo nuovamente, irrigando poi in abbondanza. Le piante lavorate in questa maniera hanno tutta la notte per riprendersi e tutto l’inverno per radicare. In primavera saranno pronte per dare nuovamente il meglio di sé.

Le semine riescono altrettanto bene. È il momento ideale specialmente per perenni e biennali: il tempo umido favorisce la germinazione; le temperature sono sufficientemente alte, ma non così tanto da indebolire i giovani soggetti. In primavera saranno, in molti casi, già pronte per una forte crescita vegetativa e anche per la fioritura.


  • cipolla gialla Settembre è uno dei mesi d'oro per orto, giardino e frutteto; impegnandoci durante queste settimane possiamo porre solide basi per uno sviluppo ottimale delle nostre piante durante la primavera del pr...
  • prato settembre La manutenzione ordinaria va fatta sia su prati sani sia su prati che abbiano subito qualche danno. Dovremo in primo luogo ripulire la superficie dai residui lasciati dal periodo torrido. A questo sco...

3kg | Gioca e fai da te! per un prato da sogno di 200 m2 | miscela Allsound di alta qualità | ora prezzo speciale invernale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€
(Risparmi 10€)


Operazioni di manutenzione

dalie settembre Con il calo delle temperature e l’aumento delle piogge riprende la crescita delle infestanti. È bene dedicarsi regolarmente alla loro eliminazione: rubano risorse e luce alle ornamentali, oltre ad essere veicolo di patologie e parassiti (da controllare con appositi fitofarmaci).

È in corso la fioritura di orticole con steli molto lunghi (aster e dalie…) che le forti piogge possono piegare: ricordiamoci di tutorarli adeguatamente.

Potiamo le siepi e ripuliamo gli arbusti che hanno finito definitivamente la fioritura.

Continua anche il lavoro di pulizia dalle infiorescenze appassite: rimuoverle regolarmente può stimolare, nei casi di predisposizione, una nuova produzione. È anche il momento ideale di essiccarne alcune (lavanda, echinops, eryngium, elicriso, statice, gypsophila) e raccogliere i semi per gli anni futuri.

Soprattutto ad inizio mese può essere ancora necessario ricorrere a irrigazioni manuali.


Nuovi impianti e talee

A settembre, in Italia, è di solito ancora troppo caldo per procedere all’impianto di arbusti a radice nuda, specialmente nelle prime due decadi: non è però rischioso per quelli con pane di terra, a patto di essere abbondanti con le irrigazioni.

Da metà mese, specialmente nelle regioni settentrionali, si può cominciare a mettere a dimora i bulbi a fioritura invernale e di inizio primavera: bucaneve, crochi, ciclamini, fritillarie, narcisi).

Settembre è ideale per fare talee legnose e semilegnose di arbusti e rampicanti: usiamo una composta molto leggera e umida, coprendo con cappuccio di plastica. Una posizione ombreggiata, ma luminosa, favorirà la radicazione. In primavera partirà già lo sviluppo vegetativo.


Il giardino a settembre: Per il prato

prato a settembre In questo periodo il prato richiede molto impegno: dovrà infatti riprendere la crescita dopo lo stallo dovuto alle alte temperature di agosto. Per avere di nuovo un manto omogeneo e di un bel verde brillante consigliamo di ripulire del feltro (anche solo con un rastrello a maglie fitte) e fare un passaggio con le scarpe chiodate (favorirà la penetrazione dell’acqua). Infine distribuiamo un buon concime completo e irrighiamo abbondantemente, possibilmente la mattina presto.

Verso la fine del mese le foglie di alberi e arbusti cominceranno a cadere: impegniamoci a rimuoverle celermente in maniera che non favoriscano l’insediamento di crittogame.

Tagliamo il prato regolarmente (almeno due volte a settimana), abbassando un po’ l’altezza rispetto ai mesi estivi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO