Grasse in acquario

Domanda: grasse nell'acquario

Buongiorno

ho creato un piccolo giardino di piante grasse in un acquario che però non riceve tanta luce solare. Ho piazzato su una mensola subito sopra l'acquario due piccole lampade che scendono direttamente sull'acquario. Volevo sapere se possono sostituire la luce solare o se esistono apposite lampadine solari e se fosse, quanto tempo devono tenerle accese. Grazie

Echinopsis

Grüntek ByPass Lopper T-REX Troncarami Professionale 765 mm, 67 millimetri lama con doppio-GEAR-drive di sistema di taglio. Prezzo di lancio !! …

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,89€
(Risparmi 7,06€)


Grasse in acquario: Risposta: grasse nell'acquario

Gentile Sandra,

riuscire a coltivare piante non adatte all’appartamento non è operazione semplice, e in genere si tratta di un lavoro da esperti coltivatori. Introdurre delle piante grasse in un acquario potrebbe essere un metodo interessante, come si fa con alcuni animali esotici nei terrari, perché in un piccolo contenitore è più facile regolare gli elementi che variano il clima, come luce, umidità e temperatura. Sicuramente due piccole lampade che scendono sull’acquario non sono il metodo migliore per illuminare le tue piante; esistono in commercio lampade apposite per coltivare piante, che prima di tutto danno la corretta illuminazione, e secondariamente non scaldano (non molto o anche per nulla), perché una lampada accesa per molte ore porta ad un forte disseccamento dell’aria se il bulbo si scalda molto. Quindi le comuni lampadine non sono sufficienti. Oltre a questo, ti servirebbe forse anche un timer, perché la gran parte delle piante regola il suo sviluppo seguendo le stagioni, e oltre alla temperatura o all’umidità, questo trascorrere delle stagioni viene chiaramente segnalato dalle diverse ore di luce e di buio presenti in un giorno. Quindi se le tue piante sono in una zona della casa molto buia, necessariamente le lampade che forniscono luce dovranno essere accese per tutte le ore di sole di ogni singolo giorno. Se ricevono poca luce le piante tendono ad eziolare, ovvero aumentano lo spazio tra due internodi: nelle piante grasse si notano aree di sviluppo dei fusti decisamente assottigliate, e molto più lunghe rispetto alla crescita precedente oltre a questo l’epidermide della pianta tende a schiarire vistosamente. A lungo andare la scarsa luce porta alla morte della pianta. Oltre alla luce però ti consiglio di informarti sulla quantità di umidità ambientale e sulle temperature che le tue piante prediligono.


  • piante grasse gruppo che comprende decine di piante succulente sempreverdi originarie dell'Europa, dell'America e dell'Asia. Si presentano come dense rosette di foglie carnose, per lo più arrotondate, talvolta allu...
  • piante grasse Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento co...
  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...
  • piante grasse Si tratta di un genere comprendente 15-16 sepcie di cactacee primitive, le uniche che abbiano ancora vere foglie, originarie del Messico e del Brasile, rampicanti; in natura raggiungono altezze superi...

Purovi® Kit di strumenti per la cura dell'ACQUARIO e AQUASCAPING | Cura delle piante acquatiche | Pinzette Forbici Spatola

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,95€



COMMENTI SULL' ARTICOLO