Vasi da esterno, i trend del momento

Vasi da esterno, i trend del momento

Fioriere e vasi rappresentano l’unica possibilità di coltivare per chi ha a disposizione soltanto un balcone o un terrazzo; sono però un elemento interessante e versatile anche in giardino. Prima di tutto ci danno la possibilità di crescere piante sensibili che non si adatterebbero alla vita all’aperto nei mesi più freddi dell’anno. Sono inoltre una scelta azzeccata se vogliamo che i nostri spazi risultino attraenti anche a dicembre e ad agosto, col gelo o il caldo estremo. Per i punti focali l’ideale è acquistare tre o quattro vasi diversi da riempire con piante a fioritura scalare. Non dovremo fare altro che avvicendarli nel corso dell’anno.

Per ottenere un buon risultato d’insieme è però fondamentale che lo stile dei nostri spazi, dei contenitori e delle piante sia armonico. In commercio ormai se ne trovano di ogni foggia, misura e materiale. Sta a noi decidere quali tendenze seguire.

Vasi da esterno

G2PLUS, 100 vasi di plastica per piante, fiori e per la semina, di 10 cm di diametro, perfetti per il giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Giardino moderno

vasi wengè Gli spazi esterni devono essere in stretto rapporto con gli edifici che li circondano. Specialmente in città giardini e balconi hanno tendenze “minimal”: le piante vengono potate in maniera formale e sono preferite quelle dall’aspetto più essenziale (come le graminacee ornamentali). Per dare fascino e aggiungere punti di interesse a questi ambienti basta affidarsi ai designer di tendenza: la plastica, l’acciaio, la resina, il cemento rappresentano in questo momento il trend in ascesa.

Il più delle volte sono in colori neutri come il bianco, il beige, il wengè, le molte sfumature di grigio. Non mancano però le realizzazioni in colori accesi, da usare in armonia o in contrasto con il paesaggio circostante e le piante coltivate. Le forme sono lineari ed essenziali. Non è poi raro che i vasi diventino elementi fini a se stessi o addirittura utilizzati come fonte di luce.

    BAMA - Fioriera Brick componibile - colore panna

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,9€
    (Risparmi 10€)


    Giardino rustico

    vasi in legno Nel nostro paese sono molte le abitazioni in zone rustiche: per valorizzarle al massimo consigliamo di utilizzare i materiali della tradizione. In genere quelli che si abbinano meglio sono la terracotta, il cemento e il legno. Nel primo caso possiamo puntare su vasi di foggia semplice alternandoli, magari in posizioni focali, ad altri più pregiati dove sia evidente l’artigianalità. Il quadro di insieme si completa dando un’aria vissuta a questi oggetti: sconsigliamo in particolare di rimuovere gli accumuli di calcare.

    Lo stesso concetto vale per i contenitori di cemento (preferendo quelli di forma arrotondata): possiamo favorire il veloce “invecchiamento” spennellandoli con yogurt cui avremo mescolato pezzetti di muschio.

    Le fioriere in legno sono ideali per molte coltivazioni, ma si sposano magnificamente con gli agrumi. Danno il loro meglio quando sono dipinte di verde o di bianco, ma sono belle anche semplicemente impregnate.


    Giardino nostalgico o shabby

    giardino shabby Questo stile può essere facilmente messo in pratica in campagna come in città e si possono creare buone ambientazioni anche su balconi e terrazzi. Si tratta di ricostruire uno stile vintage, provenzale o tendente all’Art Nouveau. In primo luogo si consiglia un arredamento in metallo o legno dipinto di bianco. Come contenitori è imperativo l’impiego di oggetti di recupero: ottime fonti di approvvigionamento sono le cantine, le soffitte, i mercatini dell’antiquariato o i brocante. Ambitissimi sono gli antichi catini zincati, le botti da dividere a metà, le damigiane, vecchie biciclette con cestino. Anche il legno trova una sua collocazione: ideale è sbiancato o nei colori pastello. Non possono mancare i cestini appesi: in vimini o in metallo, danno un tocco romantico che non può mancare.


    Vasi su balconi e terrazzi

    vasi in telo I balconi e i terrazzi hanno esigenze particolari, soprattutto di spazio. Diventa fondamentale sfruttare in maniera ottimale le superfici, orizzontali e verticali. Proprio a questo scopo sono diventati di grande tendenza i “giardini verticali”. Sono disponibili in diverse modularità e materiali: plastica, legno, tessuto. Possiamo usarli per le piante ornamentali, ma sono ottimi anche per allestire un angolo aromatico o addirittura un piccolo orto.

    Di tendenza anche le balconette: sono per lo più in plastica, ma declinate in un tantissimi colori vivaci in maniera da diventare, in primis, un punto di attrazione. Sono anche molto pratiche grazie ai nuovi e sicuri metodi di ancoraggio e alla possibilità di avere ampie riserve di acqua per le nostre piante.


    Vasi con materiali di riciclo

    vasi di pellet Il riutilizzo di materiali è un trend in grande ascesa ed è in accordo con le aspirazioni di chi si dedica all’agricoltura. Ormai i pallet sono diventati molto ambiti: con piccole modifiche si possono creare bei giardini verticali. Smontandoli e riutilizzando le tavole si ottengono fioriere, anche molto durevoli.

    I contenitori di plastica possono essere dipinti o rivestiti con pietre, piccoli rami o con pezzetti di ceramica colorata. Le cassette di legno, dipinte in vario modo, sono eccellenti portavasi. Funzionano ottimamente anche i sacchi di iuta.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO