Rodiola proprietà

Rodiola: cos'è e quali sono le sue proprietà

La Rodiola Rosea è una pianta grassa che cresce nei climi freddi della Siberia (per tale motivo viene detta anche radice artica). Poiché possiede notevole potere adattogeno, nonostante il freddo intenso riesce a mantenere intatti i suoi fiori gialli e profumati di rosa. Negli anni si è capito che le radici della Rodiola esercitano diverse benefiche proprietà sull'organismo umano. Tra queste: il potenziamento del sistema immunitario, la capacità di sopportare meglio forti stress psicofisici, il dimezzamento dei tempi di recupero dopo un'intensa attività fisica o intellettuale. Altra importantissima proprietà di questa pianta è quella di esercitare una blanda azione antidepressiva, conferendo al soggetto che la assume tranquillità e controllo sulla fame nervosa. Può essere dunque utilizzata con successo nelle diete ipocaloriche.
Infiorescenze di Rodiola Rosea

Fitoterapia cinese Achyranthes bidentata Semi 400pcs, semi ginocchio erbe curative Ox, Semi Famiglia Amaranthaceae Huai Niu Xi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,95€


Cosa contiene e come agisce

La rodiola serve anche contro la fame nervosa Le proprietà della Rodiola vengono studiate ormai da più di quarant'anni, quando prima l'allora Unione Sovietica e poi la Svezia, alla luce delle tradizioni vichinghe che già annoveravano l'uso di questa pianta, decisero di dedicarle molta attenzione. Si scoprì così che solo la varietà Rosea, tra le diverse varietà di Rodiola, esercitava effetti benefici, mentre le altre dovevano rassegnarsi ad essere considerate piante puramente ornamentali. I suoi poteri stimolanti del sistema immunitario e rasserenanti sull'equilibrio psicofisico sono dovuti alla promozione di produzione di serotonina nel cervello ed all'accelerazione della sintesi del cortisolo, ormone che consente di sopportare meglio la fatica. La Rodiola Rosea, inoltre, contiene steroli, tannini ed acidi organici, come il salidroside, che permettono il recupero immediato dopo periodi di forte esaurimento fisico e mentale ed il mantenimento di uno stato di serenità quando occorre affrontare regimi alimentari restrittivi.

    Greenstar 32939 - 11120 pj hutchinson cinghia trapezoidale elastico-5 chiodi di garofano, il nero,

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,82€


    Come si utilizza ed in che dosi

    E' importante attenersi ad un'adeguata posologia La Rodiola Rosea è disponibile sul mercato come integratore sotto forma di capsule, tisane, polvere, gocce di tintura madre. Se si sceglie di assumere Rodiola Rosea sarebbe opportuno cominciare l'integrazione una o due settimane prima del periodo che si ritiene stressante da affrontare, per poi continuare per gli altri due-quattro mesi successivi. La dose normale, in questi casi, è quella di due cucchiaini di polvere al giorno da sciogliere in acqua, 35-40 gocce tre volte al giorno, oppure due tazze di tisana o tante capsule secondo la concentrazione dell'estratto. Se invece si decide di concentrare nel tempo l'assunzione di Rodiola (ad esempio prima di un esame o di una gara sportiva) le dosi andrebbero triplicate. E' importante, però, anche se si tratta di un integratore fitoterapico, chiedere sempre prima il parere del proprio medico curante.


    Rodiola proprietà: Controindicazioni ed effetti collaterali

    Tra gli effetti collaterali della rodiola c'è l'insonnia Come per tutti i rimedi naturali a base di erbe o piante, anche per la Rodiola esistono delle controindicazioni e degli effetti collaterali. Dal momento che le sue proprietà agiscono sul sistema pressorio del sangue, rinvigorendolo, il suo utilizzo è assolutamente sconsigliato alle persone ipertese. Dovrebbero stare lontani dalla Rodiola anche coloro che soffrono di ipertiroidismo (visto il suo potere stimolante sul metabolismo) o di malattie dell'apparato cardiocircolatorio, così come chi sta seguendo una cura a base di ansiolitici, diuretici, barbiturici o altri psicofarmaci. Tra gli effetti collaterali legati ad una normale assunzione, invece, può esserci una leggera insonnia o nervosismo, mentre, quantunque non esistano ancora studi al riguardo, è preferibile evitarne l'utilizzo in gravidanza o durante l'allattamento.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO