Aloni da vasi

Domanda : Aloni da vasi

Buongiorno,

ho il costante problema che i sottovasi delle mie piante lascino degli aloni marroni sul mio pavimento del terrazzo che solo a fatica riesco a rimuovere almeno parzialmente. Non fa alcuna differenza se il sottovaso è in plastica o in terracotta. E' utile mettere dei piedini sotto tutti i vasi o come posso evitare? Grazie,

Piante in vaso

Bottiglia con infusore per acqua aromatizzata alla frutta con esclusiva sacca isolante antitraspirante – Vari colori disponibili – 950ml – Senza BPA – Perfetta per depurare l’organismo, per gli sport e per le attività all’aperto - Giallo Dorato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,97€
(Risparmi 10€)


Risposta : Aloni da vasi

Gentile Anne,

gli aloni al di sotto dei sottovasi sono causati da una serie di fattori; prima di tutto, il sottovaso non aderisce perfettamente alla pavimentazione, e quindi al di sotto di esso penetra la polvere presente nell’aria, e il terriccio che eventualmente fuoriesce dai vasi; se i sottovasi vengono lasciati in posizione per lungo tempo, le quantità di deposito che si creano possono essere anche cospicue, e creare una sorta di sostanza coesa, che causa la presenza di aloni spessi e duri, difficili da rimuovere. Questo tipo di depositi vengono poi peggiorati da eventuali annaffiature eccesive dei vasi: l’acqua fuoriesce dal sottovaso, portando con sé un poco di terriccio, ma anche calcare ed eventuali residui di fertilizzante. Chiaramente una miscela di terra, polvere, calcare, una volta asciutta, da origine ad un deposito molto duro e resistente, molto compatto. Per evitare tali depositi si può provare a posizionare qualche feltrino al di sotto del sottovaso, in modo che lo stesso rimanga leggermente sollevato; questo tipo di accorgimento più che evitare completamente il problema, lo limita, in quanto lo spazio libero e leggermente aerato al di sotto del sottovaso impedisce alla gran parte dei residui di depositarsi. Un altro accorgimento consiste nel ripulire sotto i vasi almeno una volta a settimana, rimuovendo così i residui, che quindi non si depositano; ovvio che se i vasi sono molti, o sono molto grandi e pesanti, non è pensabile di spostarli tanto spesso. Sicuramente annaffiature più contenute, che non portano a far strabordare l’acqua dal sottovaso tendono ad evitare almeno che alla miscela che si deposita si aggiunga il calcare; anche in questo caso, non sempre si riesce ad evitare il danno; se i vasi sono esposti alle intemperie ricevono anche l’acqua delle piogge, che se anche non contiene calcare, tende spesso a trascinare con sé un po’ di terra del vaso, o altro materiale. Quindi, spesso succede che tali aloni si continuino a formare, nel corso dei mesi; spesso risulta molto utile cercare di rimuoverli con dell’anticalcare, che tende a staccare almeno la parte di calcare del deposito, rendendolo più facilmente rimuovibile. Se i depositi sono molto spessi, prova a bagnarli con dell’anticalcare (possibilmente i gel, in modo che rimanga sul deposito più a lungo) e poi a rimuoverli con un raschietto, in modo da avere un’azione più decisa e rimuoverli con maggiore rapidità.


  • Salice piangente ho un salice in vaso ma senza sottovaso........è meglio metterlo o lasciarlo così?...

Viburno Lucido Pianta in vaso di Viburno Lucido - 10 Piante in vaso 7x7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€




COMMENTI SULL' ARTICOLO