Terriccio per acidofile

Domanda: terriccio per acidofile

Salve, vorrei sapere come si fa il terriccio acido per ortensie e camelie.....comprarlo è un tantino costoso, grazie.
Azalee

TERRICCIO DI QUALITA' PER AZALEE RODODENDRI E PIANTE ACIDE IN GENERE COMPO SANA IN CONFEZIONE DA 50 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,5€


Terriccio per acidofile: Risposta:terriccio per acidofile

Gentile Graziella,

solitamente il terriccio per piante acidofile che trovi in commercio è costituito per la gran parte da torba; anche la torba si trova in vendita nei vivai, spesso sotto forma di balle compresse, per poterla utilizzare va frantumata e reidratata; considerato che anche la torba è costosa e il lavoro necessario per renderla soffice e adatta ai vasi ed al giardino, ritengo che non sa poi così conveniente acquistare la torba piuttosto che il terriccio specifico. Considera poi che i terriccio venduti nei vivai, se di ottima qualità, oltre alla torba contengono anche del materiale drenante, come pietra pomice o lapillo, e del fertilizzante; si tratta quindi di miscele di più componenti, ed il loro prezzo (di solito di qualche euro per sacchi da 50 o 8à litri) è motivato dal lavoro effettuato per ottenere un composto bilanciato, ricco di nutrienti e con un ph controllato. Se desideri porre a dimora una grande quantità di piante acidofile, dovrai controllare il ph del terreno del tuo giardino, che se è leggermente alto può essere abbassato utilizzando appositi preparati a base di zolfo, e aggiunte di terriccio specifico per piante acidofile e aghi di pino o cortecce, che decomponendosi contribuiranno a rendere più acido il ph del tuo terreno. Se però vivi in una zona con terreno molto calcareo e basico, allora semplici correzioni periodiche difficilmente riusciranno a correggere il ph del tuo terreno, che con il passare dei mesi tenderà comunque a rialzarli. Se a questo aggiungi che in molti luoghi l’acqua degli acquedotti è ricca in calcare, e quindi tende ad alzare il ph del terreno, comprendi che non è possibile rendere acido per sempre un terreno basico. Per questo motivo, nelle zone con terreno molto basico, si tende a scegliere per il giardino delle piante che non acidofile, oppure le acidofile si tengono in vaso, in modo che non sia necessario utilizzare grandi quantità di terreno, e che sia possibile sostituire il terriccio periodicamente all’interno dei vasi. Se invece il terriccio del tuo giardino è già acido, o comunque con ph non elevati (anche intorno a sei o sei e mezzo), la correzione con composti a base di zolfo risulta più efficace e durevole nel tempo, e sarà sufficiente aggiungere tali prodotti una sola volta all’anno, per mantenere il ph sufficientemente basso per le tue azalee; se poi per caso, per motivi vari, il ph dovesse alzarsi molto, sarà sufficiente aggiungere in superficie del terreno per piante acidofile, anche in piccole quantità, per correggere il problema.


  • Agarista Il genere agarista conta pochissime specie, che un tempo venivano riunite nel genere Andromeda o nel genere Leucotoe; è originaria dell’America settentrionale. Produce un ampio cespuglio, che presen...
  • Pieris I pieris (raggruppati un tempo nel genere Andromeda) sono arbusti sempreverdi, di media o piccola grandezza, diffusi soprattutto nelle zone montuose dell’Asia centrale ed orientale; alcune specie bota...
  • Skimmia japonica La skimmia japonica o falso pepe è un arbusto di dimensioni piccole o medie, originario del Giappone; ha fogliame di colore verde scuro, brillante, leggermente cuoioso, sempreverde, di forma ovale o l...
  • Loropetalum Arbusto sempreverde di medie dimensioni, originario dell'Asia, il Loropetalum ha portamento allargato, con fusto densamente ramificato, e rami con sviluppo prevalentemente orizzontale; nell'arco di al...

FONDOLINFA ORTENSIE TERRICCIO PRONTO ALL'USO PER ORTENSIE E TUTTE LE PIANTE ACIDOFILE IN GENERE CONFEZIONE DA 10 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€


  • acidofile Arbusti e piante acidofile è la sezione dedicata agli amanti degli arbusti e delle piante acidofile che vogliono saperne
    visita : acidofile

COMMENTI SULL' ARTICOLO