zolfo e uva

Domanda : zolfo e uva

come si mette lo zolfo in polvere sulla vigna?
Oidio

Greenbrokers bulbi di tulipano, diversi colori, confezione da 45

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,46€


Risposta : zolfo e uva

Gentile Gianfranco,

lo zolfo è un prodotto molto utilizzato in agricoltura, e anche nell’orto e nel giardino, perché risulta molto efficace nella lotta contro il mal bianco, e contro altri funghi; la sua azione si esplica in modo maggiore quando le temperature sono superiori ai 12-15°C, e viene molto aumentata all’aumentare della temperatura; per questo motivo, si impiega molto nei trattamenti primaverili, mentre in estate viene utilizzato solo nelle prime ore del mattino o la sera, e in particolare non prima delle irrigazioni, perché verrebbe lavato via falle foglie, senza poter quindi esplicare la sua funzione curativa. Lo zolfo funziona per contatto sui funghi dell’oidio, che vengono disidratati da questa sostanza, e una volta privati dell’acqua muoiono. La presenza di zolfo sulle foglie impedisce anche ai funghi d insediarsi sulle foglie. Nei trattamenti primaverili lo zolfo viene mescolato con il rame, in modo da avere un fungicida utile sia contro l’oidio, sia contro la peronospora; lo zolfo funge anche da deterrente contro alcuni insetti parassiti. Come si utilizza: lo zolfo esiste in due diverse formulazioni, quello più diffuso è lo zolfo bagnabile, in genere ha particelle molto fini, cosa che lo rende molto efficace contro le malattie fungine; è un polvere, e viene mescolato con acqua, per formare una soluzione fungicida da vaporizzare sulle piante. Nei mesi estivi, si preferisce lo zolfo pulverulento, ovvero non bagnabile, che va quindi sparso sul fogliame delle piante utilizzando appositi strumenti che lo soffiano sulla vigna. Se non possiedi tali strumenti, allora ti consiglio di utilizzare lo zolfo bagnabile: esistono molti prodotti anticrittogamici da sciogliere in acqua, e quindi è più probabile che in casa si abbiano già strumenti adatti a vaporizzare un liquido sulla vigna, piuttosto che soffiare una polvere. La maggiore azione dello zolfo bagnabile va tenuta in considerazione, perché se le temperature sono molto alte, lo zolfo bagnabile può svolgere attività dannose anche per le piante; quindi, in generale è bene evitare di cospargere le vigne di zolfo con temperature più alte di 40°C, a maggiore ragione se lo zolfo è bagnabile. Preferisci quindi le prime ore del mattino, o le ore notturne. I trattamenti con prodotti costituiti da rame e zolfo mescolati andrebbero evitati con temperature superiori ai 20°, perché possono risultare fitotossici; quindi sono trattamenti relegati al periodo autunnale o di fine inverno, quando le temperature sono più fresche.


  • zolfo piante Lo zolfo svolge sulle le piante due importanti funzioni: nutizione e cura dalle malattie fungine. Riguardo la nutrizione lo zolfo è considerato un elemento secondario (mesoelemento) importante per l...
  • mele Rame e zolfo sono due minerali lungamente utilizzati in agricoltura come fungicidi ed insetticidi il loro utilizzo in agricoltura biologica è consentito ma solo in dosi ridotte, poiché la loro efficac...
  • Foglie colpite da oidio Nell' impiego dei fungicidi contro l'oidio conviene diluirli con un collante, tipo vinavil, ad evitare lo salvamento delle piogge o dell' annaffiature ? Ogni quanti giorni occorre ripetere l' interven...
  • oidio le rose tendono a ammalarsi di oidio con questo caldo posso dare rame e zolfo? di sera o di mattina? la terra deve essere asciutta o bagnata? grazie ...

Vitax Nippon topicida blocco 480g All Weather altamente efficace Consiglio Killer

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,59€



  • zolfo bagnabile Lo zolfo ramato è un composto costituito da zolfo bagnabile ed ossicloruro di rame; viene utilizzato come anticrittogami
    visita : zolfo bagnabile
  • zolfo in polvere Lo zolfo in polvere è una delle principali tipologie di zolfo, un elemento completamente naturale che è indicato dalla l
    visita : zolfo in polvere

COMMENTI SULL' ARTICOLO