mimosa

Domanda : mimosa

marzo 2012 ho piantato in giardino una piccola mimosa che cresce molto in altezza ma il fusto mi sembra ancora molto sottile. Cortesemente vorrei qualche consiglio per far irrobustire il fusto, forse dovrei potare la cima o i rami..grazie saluti roberto
Mimosa

Plastia Fioriera autoirrigante MIMOSA 15x15 arancione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,1€


Risposta : mimosa

Gentile Roberto,

le mimose non sono piante di difficile coltivazione, ma necessitano sicuramente di qualche accorgimento per svilupparsi al meglio. Tipicamente in vivaio troviamo mimose sottili e allungate; questo tipo di conformazione è molto spesso dovuto al fatto che i coltivatori tendono ad ottenere arbusti con molte ramificazioni laterali (da utilizzare per i fiori recisi) e posizionano a dimora molte piante vicine, che in poco tempo si sviluppano in altezza, avendo altre piante a fianco. Il risultato che si ottiene sono piante “magrine”, con una buona quantità di ramificazioni, ma con un fusto sottile, che spesso deve venire sostenuto da un tutore, perché altrimenti al primo colpo di vento rischia di piegarsi o addirittura di rompersi. Questi arbusti, posti a dimora in giardino, necessitano sicuramente negli anni di un lavoro di potatura, per poter permettere alla nostra mimosa di assumere un portamento più tondeggiante, e di sviluppare un bel fusto spesso e resistente. Prima di tutto è importante che la pianta venga coltivata nel modo migliore: una buona quantità di luce solare diretta, annaffiature nei mesi estivi quando il terreno diviene eccessivamente secco, fertilizzante ogni anno a fine inverno e in autunno, utilizzando stallatico o concime granulare a lenta cessione. Oltre a questo, ogni anno, o almeno nei primi due o tre anni div ita della pianta, andremo a potarla, subito dopo la fioritura, rimuovendo circa un terzo della lunghezza dei rami, insistendo soprattutto su quelli più alti, in modo da favorire uno sviluppo anche nella parte bassa dell’arbusto. Generalmente, con il passare degli anni, le mimose tendono sempre a produrre più rami nella parte alta, lasciando spoglia la base del fusto; se desideriamo un arbusto più fitto e compatto, le potature suggerite ci possono aiutare anche in questo senso. La mimosa è una pianta che tipicamente fa parte del paesaggio mediterraneo; molti non sanno che in realtà le mimose (acacia dealbata, o cacia retinoides) sono originarie del continente australiano, da dove vennero importate in Europa all’inizio del 1800. I particolari fiori gialli, che sbocciano praticamente in inverno, riscossero subito un grande successo, tanto che questi arbusti sono oggi molto diffusi, anche come fiori recisi, e vengono considerati autoctoni. In alcune zone costiere italiane si possono trovare anche allo stato selvatico.


  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Mimosa pudica Arbusto sempreverde di piccole dimensioni, in genere ricadente o eretto, originario dell’America meridionale. Ha sottili fusti di colore marrone rossastro, scarsamente ramificati, che portano lunghe f...
  • Mimosa Con il termine mimosa si indica comunemente un arbusto appartenente al genere delle acacie, in particolare l'acacia dealbata, i cui piccoli fiori gialli vengono usualmente donati alle donne nel giorno...

MIMOSA PUDICA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,26€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO