Siepe di plumbago

Domanda : Siepe di plumbago

salve,

volevo coprire la mia rete di recinzione con piante di plumbago per ottenere una sorta di siepe.

Meglio fissarle alla rete o farla crescere a cespuglio?

Quanta distanza devo lasciare tra una pianta e l altra affinchè col tempo si compatti?

grazie

Roberto

Plumbago

Nuovo Vero 5 Particelle cinesi erbacea Peony Semi giardino in vaso di fiori seme raro bella casa Bonsai piante fiorite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,45€


Risposta : Siepe di plumbago

Gentile Roberto,

il plumbago capensis è un arbusto originario del sud Africa; produce lunghi steli, che tendono a rendere la pianta abbastanza disordinata, e spesso infatti viene cresciuto come un rampicante, ma visto che gli steli non hanno alcun metodo per attaccarsi ad un graticcio, è necessario periodicamente attaccarne alcuni, in modo da invitare la pianta a svilupparsi in altezza. Se tenerla libera, o legarla ad un graticcio, dipende da te, da come preferisci che cresca, e dalle necessità che hai: considera che se devii coprire una recinzione sarai costretto a legarla ai sostegni, se invece ti basta un arbusto basso, puoi lasciarla sviluppare liberamente, per ottenere una sorta di arbusto a fontana, ampio e denso. Le plumbago vengono spesso utilizzate anche come piante ricadenti. Queste piante sono originarie del sud Africa, e il loro sviluppo dipende fondamentalmente dal clima, e da quanto spazio trovano le radici per svilupparsi. Se vivi in una zona con inverni molto miti, con temperature minime che difficilmente si abbassano al di sotto dei 5-10°C, allora puoi posizionare le tue plumbago in piena terra, dove avranno uno sviluppo molto ampio, e quindi potrai posizionarle a circa un metro, o anche un metro e mezzo di distanza: nell’arco di qualche anno ti troverai con un muro di foglie e fiori. Se invece nella zona in cui vivi il clima tende a divenire molto rigido in inverno, allora le tue piante saranno da coltivare in vaso, in modo da spostarle in serra, o vicino alla parete di casa, all’arrivo del clima rigido; in questo caso, riuscire ad ottenere la copertura di un recinto risulterà un po’ difficile, anche perché, in caso di freddo intenso, dovrai spostare i vasi, tagliando parte dei rami. Considera poi che, pur trattandosi di piante sempreverdi, quando il clima diviene eccessivamente freddo, le plumbago tendono a perdere gran parte del fogliame, che rispunterà poi in primavera inoltrata. In ogni caso, trova una posizione ben soleggiata, e utilizza un terriccio molto ben drenato, perché il plumbago non ama i ristagni idrici, e se posizionato in zone eccessivamente ombreggiate tende a non produrre fioritura. Durante i mesi invernali, è conveniente coprire la base delle piante, con prodotti pacciamanti, quali cortecce o paglia, in modo da evitare che il terreno si raffreddi eccessivamente.


  • plumbago Anche conosciuto come gelsomino azzurro, il plumbago auriculata o piombaggine è una piccola pianta rampicante, non troppo vigorosa, che può raggiungere comodamente i 2-3 metri in una sola stagione veg...
  • Plumbago Arbusto rampicante caduco originario dell'Africa, alcune specie di plumbago sono originarie dell'Europa meridionale. Ha fusti sottili, semilegnosi, che possono raggiungere lunghezze prossime ai 1,5-2 ...
  • Ceratostigma Il plumbago blu è un arbusto perenne deciduo, originario della Cina e dell'Asia centrale. I fusti sono sottili, arcuati o ricadenti, si sviluppano a partire da rizomi carnosi, che tendono ad alargarsi...
  • fiori plumbago quando e come si pota il plumbago?...

Guaber GA0566400 Concime Surfinie e Piante Fiorite Plus, 1000 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,8€




COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>