potatura melograno

Domanda : potatura melograno

Ho un melograno a cespuglio ma non mi piace, posso e se si, quando potarlo togliendo tutti i rametti lasciando solo il fusto centrale? Grazie.
melograno

Kit per testare l’acqua, 100 strisce per test acqua, piscina, Spa, purificatori d’acqua, fonti d’acqua potabile, nitrati, nitriti, pH, cloro libero, durezza totale e altro, risultati in 30 secondi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,14€


Risposta : potatura melograno

Gentile Maurizio,

il melograno, Punica granatum, è un arbusto di origine asiatica, presente da millenni in tutta la zona mediterranea, dove viene coltivato da sempre, per scopi alimentari; negli ultimi decenni sono stati ibridati melograni da fiore, che producono fori molto grandi e colorati, ma frutti di scarsa dimensione e qualità. In ogni caso, di qualsiasi melograno si tratti, questi arbusti tendono ad avere uno sviluppo molto disordinato, perché producono tantissimi polloni basali; se lascito a se stesso, un melograno da origine ad un arbusto allargato, costituito da molti fusti, ramificati in modo casuale. Sicuramente, è di aspetto molto più gradevole un melograno allevato a fusto singolo, in modo che sviluppi un fusto spesso e non troppo alto, con una chioma allargata alla sommità. Di solito, questo tipo di scelta viene effettuato quando la pianta è ancora giovane, tipicamente ancora in vivaio. Ma è possibile “rieducare” un melograno adulto, in modo da ottenere un alberello da un arbusto disordinato. Di solito i melograni si potano quando sono in riposo vegetativo, ovvero quando sono senza foglie, e quindi in autunno inoltrato, o verso la fine dell’inverno. Si procede, prima di tutto, scegliendo un fusto sano e ben sviluppato, che diverrà il fusto principale. Considera che, se il tuo melograno è costituito da molti polloni ben sviluppati, sarebbe opportuno evitare di effettuare la “trasformazione” tutta in una sola volta, ma piuttosto ti consiglio di procedere per gradi. Scelto il fusto principale, si tagliano alla base tutti i polloni circostanti; quindi si potano buona parte delle ramificazioni secondarie, che si trovano vicine alla base del fusto. Se il fusto è eretto, e non presenta una chioma allargata all’estremità superiore, dovremo favorirne lo sviluppo, cimando l’arbusto, ovvero tagliando la parte superiore. I melograni sono piante molto vigorose e resistenti, e tendono sempre a produrre nel tempo polloni basali; se vuoi che il tuo alberello si sviluppi sano e con una bella chioma, periodicamente (almeno una volt all’anno) dovrai asportare i polloni basali che produrrà costantemente. Generalmente questi arbusti tendono a rispondere bene alle potature, quindi non temere di effettuare potature eccessive, perché non dovrebbero preoccupare più di tanto il tuo melograno, che risponderà producendo molti nuovi germogli; ovviamente, all’arrivo della primavera, incoraggia un buono sviluppo della pianta rimuovendo i germogli che si trovano in zone dove non desideri ci siano in futuro dei rami.


  • Melograno Il Melograno è una delle piante da frutto coltivata da più tempo nell'area mediterranea; ha origini asiatiche, ma già svariati secoli orsono se ne diffuse la coltivazione nelle aree più calde ed aride...
  • fiori melograno Il melograno è una pianta antichissima che proviene dalle regioni del sud-ovest asiatico, è diffusa e coltivata sia in Italia che in Spagna, nelle zone dove il clima è più caldo. È di crescita piuttos...
  • melograno Linneo, botanico e naturalista, lo aveva chiamato Punica granatum, pensando fosse di origineafricana; pare che i romani avessero scoperto il melograno a Cartagine e non avevano esitato adefinirlo ...
  • bonsai melograno piccolo albero originario dell'Asia e del Mediterraneo, con piccole foglie verde chiaro, corteccia grigio-marrone e tronco contorto; i fiori sono arancioni e spiccano sul fogliame; frutti tondi, gandi...

Colori: Blu, Bianco, Verde fresco tocco Rose e gerbere, Dendrobium orchidee, per damigella d'onore, con Bouquet

Prezzo: in offerta su Amazon a: 103,39€




COMMENTI SULL' ARTICOLO