bulbi

Domanda : bulbi

quando si tolgono i bulbi dalla terra per ripararli dal freddo ? cioè quale è il mese abitando a Genova?
Agapanto

bulbi Amaryllis veri, Hippeastrum lampadine lampadine bonsai fiore Amarilis Rizomas bulbos Barbados Lily bonsai giardino Planta -2 lampadina 5

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Risposta : bulbi

Gentile Catia,

la maggior parte dei bulbi utilizzati nei giardini può venire lasciata a dimora per tutto l’arco dell’anno, anche in zone molto fredde, non solo a Genova; questo perché la parte verde dissecca con l’arrivo del freddo e delle giornate brevi, e i bulbi rimangono ben coperti sotto terra, e il gelo difficilmente li tocca; quindi giacinti, narcisi, tulipani, crocus, colchici, diciamo la maggior parte dei bulbi che fioriscono a inizio primavera, non temono il gelo invernale; e infatti, di solito, chi deve porre a dimora bulbi nuovi, lo fa già in autunno, in modo da averli in piena vegetazione già verso la fine dell’inverno. Se abbiamo i bulbi di questo tipo in piccoli vasi, o in aiuole che potrebbero rapidamente affollarsi, verso settembre o ottobre possiamo levarli dalla terra, e diradarli, in modo da lasciare ad ogni bulbo un maggiore quantitativo di terra a disposizione; perché se ci sono troppi bulbi vicini, tendono nel corso del tempo a smettere di fiorire. Altri bulbi sono più delicati, e non amano molto il freddo, sono generalmente le bulbose che fioriscono in estate, come begonie, calle colorate, agli, agapanti. Ma, di bulbi ce ne sono svariate decine di specie e varietà, e quindi diviene difficile sapere quali possiedi tu in giardino; generalmente, i bulbi a fioritura estiva, vengono estratti dal terreno a inizio autunno, e li si pone nuovamente a dimora a fine inverno, quando le minime notturne cominciano ad alzarsi; ma tu vivi a Genova, e dubito che il tuo giardino subisca severe e lunghe gelate invernali. Spesso, piuttosto che dissotterrarli, si preferisce coprire il terreno con del materiale pacciamante, come cortecce di pino, o paglia, in modo che mantengano il terreno riparato dal gelo più intenso. Io vivo in Pianura Padana, e in giardino, da circa 40 anni, ho a dimora giacinti di varie specie, narcisi, tulipani, crochi, colchici, sternbergie (sono quei grandi crochi gialli a fioritura autunnale), calle bianche, qualche varietà di scilla; ebbene tutte queste sono a dimora tutto l’anno, senza problemi, esposte alle intemperie; ogni 5-6 anni le aiuole subiscono dei lavori di vario tipo, e parte dei bulbi più piccini e magri vengono estratti dal terreno, per fare più spazio ai bulbi più sani e grossi. Ho in giardino anche degli agapanthus, in un enorme vaso, che per qualche settimana all’anno viene ricoverato vicino alla casa; ma ritengo che un agapanthus possa tranquillamente rimanere in piena terra in un giardino di Genova. Bulbi molto coltivati in Italia, ma delicati, direi solo gli amaryllis (o meglio, hippeastrum), che prediligono climi decisamente più miti, e temono temperature inferiori ai 10°C; quelli più che estrarli dal terreno, li si coltiva in vaso. In ogni caso, visto che potresti avere in giardino anche bulbi particolari, di origine tropicale, in generale i bulbi vanno lasciati vegetare a loro piacere, perché grazie all’azione fotosintetica delle foglie la vegetazione sotterranea si ingrossa, e garantisce un bel fiore per l’anno successivo; quando le piante cominciano a disseccare, e le foglie ingialliscono, allora sospendiamo le annaffiature e dopo qualche giorno dissotterriamo i bulbi dal terreno, per porli al riparo.


  • orchidea All’interno del genere Odontoglossum si possono riconoscere circa 300 specie di orchidee originarie dell’America centro-meridionale. Oggi, esistono numerose varietà ibride dell’orchidea Odontoglossum,...
  • Pleione Genere di circa 20 orchidee abbastanza rustiche, originarie della Cina meridionale, del Nepal e del Tibet, generalmente epifite o litofite, anche se alcune specie sono terricole. Hanno pseudobulbi abb...
  • Pleurohallis Genere che riunisce centinaia di orchidee epifite originarie delle foreste tropicali dell'America centrale e meridionale. Non hanno pseudobulbi e solitamente si presentano come cespi di foglie carnose...
  • trigonidium Si tratta di un genere di orchidee epifite, circa venti, originarie dell'America centro-meridionale. Ha pseudobulbi consistenti, di medie dimensioni, che producono una o due foglie ovali, allungate, c...

100 BULBI, LE RADICI TUBEROSE GLADIOLI, VARIETÀ MISTE D'OFFERTA ECCELLENTE FIORITURA IN ESTATE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,84€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO