Cure del frutteto a settembre

Cosa possiamo raccogliere?

Sotto questo aspetto settembre è uno dei mesi più ricchi. Se le temperature sono ancora alte consigliamo di procedere nelle ore mattutine o serali, specialmente per i frutti più delicati; dal 15 in avanti è possibile procedere in qualunque momento della giornata. In molti casi la maturazione sarà scalare e quindi si interverrà sui singoli alberi con cadenze regolari di 3-5 giorni. Sono ancora possibili grandinate e forti piogge: manteniamo le reti protettive. Riprendiamo il lavoro almeno un giorno dopo l’ultima pioggia ed eliminiamo o consumiamo prontamente i frutti che risultino danneggiati.

Tra i raccolti più significativi segnaliamo: meli e peri estivi e autunnali, olive precoci, pesche tardive, susine, fichi, nocciole, cachi, arance precoci, castagne.

raccolta nocciole

Fertilizzante universale Premium Mairol concime (500 ml)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,98€


Lavorazioni generali, potature, innesti

innesto piante da frutto Prosegue l’impegno di manutenzione ordinaria degli appezzamenti: se sono inerbiti bisognerà effettuare almeno un taglio mensile distribuendo uniformemente lo sfascio. Colture come l’olivo o il nocciolo richiedono terreno libero, ma pulito e permeabile: accertiamoci che la superficie non si sia compattata e nel caso effettuiamo una fresatura.

Nelle regioni meridionali e sulle coste è il momento dell’invaiatura degli agrumi: se vogliamo possiamo intervenire con appositi ormoni regolatori della crescita: il raccolto sarà più scalare e conservabile.

È un buon momento per preparare gli appezzamenti a nuovi impianti: non limitiamoci a creare le buche, ma lavoriamo con largo anticipo tutta l’area e inglobiamo abbondante stallatico maturo.

Si possono effettuare delle potature di mantenimento, svecchiamento e formazione: le piante avranno fino alla primavera per riprendersi. Interveniamo sulle drupacee, su ciliegio, actinidia e anche sugli agrumi.

Su drupacee e pomacee riescono bene gli innesti a gemma dormiente.


    Bulbi di ZAFFERANO BIO (Crocus sativus) circonferenza 10/+ cm (100 bulbi)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 62€


    Irrigazioni e concimazioni

    irrigazione frutteto In questo mese gli interventi irrigui non sono più impellenti: le temperature sono più basse e le piogge più frequenti. Inoltre è superfluo, se non dannoso, distribuire acqua a quelle piante che hanno già a portato a termine la maturazione: causeremo un’inutile crescita vegetativa. Irrighiamo solamente i fruttiferi che debbano ancora ultimare il loro ciclo, nel caso di siccità prolungata e alte temperature. Di solito questa pratica è richiesta dagli agrumi e dai piccoli frutti che hanno una seconda produzione autunnale.

    Le concimazioni non sono ancora necessarie; è essenziale invece monitorare i fruttiferi sensibili alla carenza di ferro: se notiamo i sintomi distribuiamo chelati a livello radicale e, per un effetto più immediato, tramite nebulizzazione fogliare.


    Cure del frutteto a settembre: Parassiti e malattie

    Per contrastare i patogeni per tempo è importantissimo monitorare regolarmente i nostri alberi: consigliamo di farlo in concomitanza con la raccolta e nei giorni che seguono i grandi eventi atmosferici. Rimuoviamo prontamente i frutti danneggiati e se notiamo sulle foglie la comparsa di crittogame interveniamo il prima possibile con prodotti curativi.

    Per le pomacee prestiamo attenzione al colpo di fuoco batterico: in molte regioni è obbligatorio il veloce abbattimento o la distruzione delle parti colpite per bloccare la diffusione.

    È un periodo propizione alla diffusione di parassiti di vario tipo: possiamo controllarli con piretro, Bacillus Thuringiensis o spinosad. Per cocciniglia e ragnetto rosso optiamo per l’olio bianco.

    Per le crittogame è bene prevenire con la distribuzione periodica di rameici, da ripetersi dopo le piogge; per il pesco in vegetazione (specialmente per la bolla) optiamo per altri prodotti, vista la fitotossicità.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO