Spine stetsonia

Domanda: le spine dei cactus

salve ho un cactus da 20 anni, penso sia un Stetsonia coryne, ultimamente gli aculei sono completamente bianchi mentre prima erano di un colore roseo come se ne buttasse fuori di nuovi in continuazione. Potrebbe essere un parassita o altro? grazie in anticipo per l aiuto.
Stetsonia

IRPot - 6 X CANDELA PIANTA GRASSA MODELLI ASSORTITI 98205

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Spine stetsonia: Risposta: le spine dei cactus

Gentile Nicoletta,

le spine dei cactus rappresentano una particolare strategia di adattamento ad un clima avverso per le piante; se i cactus avessero foglie, il caldo ed il sole le disidraterebbero molto rapidamente, uccidendo le piante; per questo motivo i cactus hanno il fusto completamente verde, ovvero contenente clorofilla, che quindi svolge le funzioni fotosintetiche che in altre piante sono svolte dal fogliame. Se i fusti dei cactus fossero completamente lisci, da un lato tenderebbero a scaldarsi più rapidamente, e l’acqua delle piogge e la rugiada tenderebbe semplicemente a scivolare via; con a presenza di spine e costolature in vece la superficie esterna del fusto è soggetta a zone d’ombra, ovvero alcune parti del fusto fanno ombra ad altre; oltre a questo, le spine permettono alla rugiada di condensare alle loro estremità, per poi ricadere alla base del fusto, garantendo un costante approvvigionamento di acqua per la pianta; questa cosa, in ambienti aridi o semiaridi fa la differenza tra la vita e la morte per queste piante. Le lunghe spine delle stetsonie nascono di colore bruno, o rosato, o con la punta rossa; con il passare degli anni, le spine divengono più spesse e più rigide, e perdono di colore, diventando bianche, di solito con la punta comunque bruna. Comunemente una stetsonia presenta spine grigio chiaro o bianche lungo il fusto, e spine rosate all’apice, dove si trovano le spine “nuove”, ovvero quelle più giovani. Come avviene per tutte le piante, anche i cactus passano attraverso periodi di sviluppo differenti, e anche i cactus ad un ceto punto diventano adulti, e tendono a svilupparsi meno di anno in anno, o anche per nulla; se il tuo cactus è molto vecchio, è probabile che non abbia durante questa stagione prodotto nuovi tessuti, e quindi neppure nuove spine; per questo motivo probabilmente tutte le spine ora appaiono bianche, non solo quelle lontane dall’apice. Generalmente il motivo per cui le spine cambiano invece di colore, ma repentinamente, è legato all’esposizione ai raggi solari, eccessiva o scarsa, oppure all’esposizione a temperature eccessivamente fredde o calde. Se coltivi il tuo cactus da 20 anni, sai di sicuro se nelle ultime settimane è stato spostato in una zona diversa dal solito, o se ha ricevuto correnti fredde o troppa (o poca) luce solare diretta. In questi casi, il colore delle spine tende a rimanere stabile dopo il cambiamento, e se a questo fenomeno non si associano altri tipi di problematiche, come maculature sul fusto, o altre problematiche, allora ritengo che tu non debba in alcun modo preoccuparti.


  • Stetsonia questo genere è composto da una sola specie di catus colonnare originario dell'America meridionale, riscontrabile soprattutto in Argentina e in Bolivia. Ha fusto eretto, molto ramificato, che presenta...
  • Cleistocactus Appartengono a questo genere cinquanta specie arbustive, fiorifere, che possono raggiungere i due metri di altezza.Originaria del versante orientale delle Ande,è una pianta grassa da coltivare in ...
  • Pachycereus genere che comprende 10-12 specie di cactus colonnari originari dell'America centrale. Sono molto longevi e gli esemplari centenari, in natura, possono raggiungere dimensioni notevoli, anche prossime ...
  • Piccolo cactus colonnare originario delle isole Galapagos. I fusti raggiungono i 50-60 cm di altezza, con un diametro di 4-5 cm; tendono ad accestire con grande facilità, formando dei larghi cespi, co...

PIANTE GRASSE VERE ASSORTITE DA 20 PZ DIAMETRO 5.5 MONDONATURA SRL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€



COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>