allestimento giardini

vedi anche: giardino

Allestimento di giardini: ricorrere agli arbusti

L’allestimento di giardini prevede, ovviamente, la scelta di piante e specie vegetali in grado di decorare in maniera ricca ed esteticamente piacevole lo spazio verde. Da questo punto di vista, la scelta di puntare sugli arbusti si rivela sempre affidabile e vincente, a maggior ragione se si tratta di arbusti sempreverdi: oltre a rappresentare una garanzia per quel che riguarda il paesaggio, essi svolgono un ruolo psicologico particolarmente importante, in quanto trasmettono una sensazione di tranquillità durante tutto l’anno, ma soprattutto in inverno. Nel caso in cui si disponga di un giardino con dimensioni notevoli, ci si può affidare ad arbusti grandi, vale a dire con un’altezza compresa tra i tre e i sette metri: considerati dei piccoli alberelli, possono essere piantati senza problemi come singoli, isolati rispetto alle altre piante, a maggior ragione nel caso in cui siano dotati di foglie o fiori decisamente ornamentali: è il caso, per esempio, della camelia japonica. Una specie come il prunus laurocerasus, invece, può essere impiegata, mettendola a dimora in filari, come schermo o barriera vegetale. Vale la pena di sottolineare che tagliando il fusto vicino al terreno, con i rami si dà vita a una siepe bassa, fitta e piuttosto compatta. Molto frequenti, negli allestimenti dei giardini, sono anche gli arbusti medi, ideali anche per spazi medio-piccoli: alti al massimo tre metri, offrono l’opportunità di scegliere tra strutture e forme differenti, a seconda delle necessità e dei gusti personali. Solitamente disposti in gruppi abbastanza piccoli, vengono spesso usati come elementi di delimitazione fra proprietà oppure fra aree differenti dello stesso ambiente. A loro deve essere dedicata una potatura particolarmente accurata, che dia origine a una parete sufficientemente fitta, in grado di durare nel tempo. Nulla vieta, tra l’altro, di impiegare arbusti del genere per nascondere deformità o parti esteticamente brutte di palazzi o edifici. Per quanto concerne gli arbusti piccoli, invece, possono essere messi a dimora in gruppo o isolati, specialmente su terreni con lievi pendenze. In genere si ricorre ad essi per separare le aiuole, oppure per delimitare aree con finalità diverse (per esempio la zona con i giochi dei bambini dalla zona barbecue, o un roseto da un prato).

giardini

Tavolo pieghevole da giardino bianco | Perfetto come tavolo campeggio, tavolo da buffet, tavolo da cucina | Tavolino Esterni Richiudibile a valigetta con maniglia | by Park Alley

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57,7€
(Risparmi 15,75€)


L'importanza del terreno

Prima di scegliere un arbusto invece di un altro, naturalmente, occorre fare i conti con il terreno su cui essi dovranno essere seminati o impiantati: il grado di acidità del terriccio, così come l'alto o basso contenuto di sostanze nutritive, rappresentano parametri fondamentali da tenere in considerazione nell'allestimento del giardino. Ciò vale, naturalmente, non solo per gli arbusti, ma per tutte le piante che si desidera seminare, e ovviamente anche per il prato.


  • In progettazione giardino trovi tre metodi, tre scuole di progettazione giardino. La rubrica infatti presenta progettazione giardino all'inglese, progettazione giardino all'italiana e progettazione gi...
  • giardino all'italiana Il giardino all’italiana è un giardino che ha un forte impatto per chi lo visita, ciò che colpisce principalmente è il rigore con il quale è progettato. Non si tratta assolutamente di uno spazio verde...
  • giardino ingelse Il giardino all’inglese nasce nel 700 e non usa più elementi geometrici per definire lo spazio del giardino, bensì accosta elementi naturali ad artificiali, per creare uno spazio che abbia davvero qua...
  • giardino Probabilmente il giardino è l'espressione più diretta della fantasia di chi lo possiede e della propria personalità. Tuttavia tirar su un giardino in modo totalmente spontaneo e impulsivo, non è la mi...

Biancaneve e I Sette Nani In Vetroresina (Biancaneve h.30 cm. - nani h.17/18 cm.) NON E' UN GIOCO! ..è un articolo ornamentale da giardino/interno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 120,9€


La semina e le annaffiature

giardinoA proposito della semina del prato, prima di effettuarla è opportuno trattare il terreno che dovrà ospitarlo con un diserbante, che dovrà essere lasciato agire per almeno tre settimane (evitando di diffonderlo in prossimità di coltivazioni che daranno vita a ortaggi o ad altre verdure destinate a finire in tavola); in caso di erbe infestanti particolarmente grosse o resistenti, si dovrà procedere manualmente, eventualmente con l'aiuto di un piccolo coltello. Una volta seminato, il prato deve essere irrigato due volte al giorno fino a quando i fili d'erba che emergeranno dal terreno non avranno raggiunto un'altezza di tre centimetri. Da quel momento in avanti, le annaffiature potranno essere diradate, cadenzandole una volta ogni due giorni. L'erba del giardino deve essere bagnata nelle prime ore del mattino: per questo motivo, per evitare l'impegno e la fatica, è consigliabile munirsi di un impianto di irrigazione automatico, che provvederà alla somministrazione di acqua nei tempi e nelle quantità desiderate.

A proposito dell'acqua, anche se si tratta di un elemento sottovalutato essa spesso determina la morte di alcune piante, o comunque il marciume dell'erba. Sembra strano che l'elemento che dà la vita possa provocare anche la morte, ma è così: molti, infatti, non sanno che, più ancora di una carenza di acqua, a rivelarsi dannoso per le specie vegetali è un eccesso di rifornimento idrico. In altre parole, irrigazioni troppo frequenti e non necessarie possono provocare danni gravi. Il motivo è presto detto: se il terreno viene bagnato quando non ce n'è bisogno, riesce con difficoltà a far defluire l'acqua (a maggior ragione se esso risulta, di natura, poco drenante); di conseguenza, vengono a formarsi dei ristagni idrici che causano un eccesso di umidità e possono favorire la comparsa di infezioni e funghi. Per evitare tali rischi occorre da un lato favorire il drenaggio del terreno (attraverso periodiche operazioni di sarchiatura) e dall'altro rispettare i tempi delle annaffiature.


allestimento giardini: Calcolare il budget disponibile

In conclusione, vale la pena di ricordare che un efficiente allestimento di giardini non può essere progettato senza tenere conto del budget iniziale, e in ultima analisi nella quantità di denaro che si è in grado di spendere: per questo motivo, effettuare un calcolo preventivo delle spese che si intende sostenere non potrà che favorire l'esecuzione dei lavori, e soprattutto eviterà di lasciare una o più coltivazioni a metà.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO