giardini privati

vedi anche: giardino

Giardini privati

Per allestire un giardino privato è necessario prendere in esame alcune considerazioni preventive che potrebbero risultare vincolanti alla sua realizzazione, e precisamente:

- estensione dell'area destinata alla creazione del giardino

- esposizione

- condizioni climatiche ed ambientali

- tipi di irrigazione

- tipi di terreno

- tipologia e materiali di eventuali contenitori per piante invasate

- coesistenza tra specie

- possibili fattori limitanti

- eventuale vicinanza con agglomerati urbani

Le dimensioni della zona disponibile per l'allestimento rappresentano il discriminante di maggiore rilevanza, in quanto potrebbero condizionare la scelta delle piante:

- piante arboree ( se l'area coltivabile è sufficientemente ampia)

- piante arbustive

- piante caspugliose

- piante sempreverdi (per assicurare un aspetto vitale al giardino anche durante i mesi invernali)

- piante rampicanti (quando si desideri ricoprire muri, palizzate o spalliere, a scopo ornamentale)

- piante erbacee

- piante fiorite (per creare angoli colorati ed ornamentali)

- piante mediterranee (qualora il giardino si trovi in una zona con clima di questo tipo)

- piante aromatiche (per allestire un angolo profumato e ben fruibile)

- piante grasse

- piante rustiche

- piante acquatiche (qualora sia presente uno specchio d'acqua)

Infine è sempre utile organizzare l'area coltivabile in maniera variata, con zone ornamentali che si alternano a zone d'ombra; con angoli sempreverdi coesistenti con spalliere o palizzate ricoperte da rampicanti, con panchine, tavoli e sedie posizionati sotto ombrelloni o gazebi, eventualmente con altalene, per conferire al giardino un aspetto decorativo ma anche ben fruibile.

giardini privati

LED Luce da Muro, EZOWare Alluminio Sensore Luminosa Luce Notturna Wireless, Auto Accende / Spenge per l Corridoio, Percorso, Scalinata, Giardino, Muro, Strada Privata - Confezione da 2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,99€
(Risparmi 30€)


ZONE D'OMBRA

faggio CASTAGNO

Si tratta di un albero latifoglie, caducifoglie, molto longevo, che comprende un fusto imponente e colonnare, alto fino a 30 m, rivestito da una corteccia liscia e lucida, di colore bruno-grigiastro.

Le foglie hanno forma lanceolata a margine seghettato e apice acuminato, con disposizione alterna, e formano una chioma folta e rotondeggiante.

I fiori maschili sono bianchi e riuniti in infiorescenze a forma di glomerulo; i fiori femminili solo isolati e avvolti in numerose brattee.

Il frutto, di colore marrone e lucido, presenta una forma rotondeggiante con un apice appuntito e una base convessa: è la castagna, commestibile e gustosa per l'uomo.

Appare racchiusa in un involucro di colore verde e spinoso detto riccio, che si apre a maturazione completa.

Richiede un terreno fresco e profondo, a componente acida e non calcarea.

E' una specie ben adattabile alle diverse condizioni climatiche.

FAGGIO

Si tratta di un albero ornamentale, dal fusto eretto e colonnare, di altezza fino a 30 40 metri, che sorregge una chioma folta e rigogliosa, dalla forma conica.

Le foglie sono di forma ovale, con margine ondulato e dotate di evidenti nervature, di colore verde lucente, picciolate e con una inserzione alterna.

I fiori sono riuniti in infiorescenze: quelle maschili hanno l'aspetto di glomeruli penduli, quelle femminili sono formati da 2 o 3 fiori avvolti da numerose brattee.

Il frutto è una piccola noce triangolare racchiusa in un involucro duro, simile al riccio, ed è commestibile per l'uomo.

E' una pianta ben adattabile sia ai vari tipi di terreno che alle differenti condizioni climatiche.


  • In progettazione giardino trovi tre metodi, tre scuole di progettazione giardino. La rubrica infatti presenta progettazione giardino all'inglese, progettazione giardino all'italiana e progettazione gi...
  • giardino all'italiana Il giardino all’italiana è un giardino che ha un forte impatto per chi lo visita, ciò che colpisce principalmente è il rigore con il quale è progettato. Non si tratta assolutamente di uno spazio verde...
  • giardino ingelse Il giardino all’inglese nasce nel 700 e non usa più elementi geometrici per definire lo spazio del giardino, bensì accosta elementi naturali ad artificiali, per creare uno spazio che abbia davvero qua...
  • giardino Probabilmente il giardino è l'espressione più diretta della fantasia di chi lo possiede e della propria personalità. Tuttavia tirar su un giardino in modo totalmente spontaneo e impulsivo, non è la mi...

Private Label Cm 40X40Xh.90 Lt.20 Ghiac./Luc.Bia. - Vaso quadro 'stilo lamp' con luce interna. in polietilene colorato. dal design elegante in puro stile moderno, un ottimo complemento d'arredo e si abbina a molteplici ambienti nei quali viene collocato.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 109,8€


ZONA RAMPICANTE

glicine GLICINE

Si tratta di una pianta arbustiva e rampicante, che presenta foglie pennate formate da piccole foglioline di colore verde chiaro, dall'inserzione opposta.

I fiori, di colore rosa violaceo, sono riuniti in infiorescenze a grappolo con andamento pendulo, estremamente profumati.

La fioritura si prolunga per tutta la primavera fino all'inizio dell'estate ed è molto rigogliosa.

La pianta viene utilizzata per creare zone ornamentali a livello di spalliere, pergolati, o per ricoprire gazebi.

Richiede un terreno soffice, ben drenato, fertile per l'aggiunta di sostanza organica e con componente argillosa.

Deve essere alloggiata in zone soleggiate del giardino perché teme il freddo.

CLEMATIDE

Si tratta di una pianta rampicante, sempreverde, con fusti molto sottili e semilegnosi, adatta a rivestire muri.

Le foglie, picciolate oppure sessili, hanno una colorazione verde intenso e sono ricoperte da una fitta peluria biancastra.

I fiori, molto vistosi e decorativi, presentano una corolla con 7 petali lunghi e ben separati tra loro, di colore rosa, viola o lilla.

Richiede un terreno soffice, fresco e ben drenato.

Deve essere esposta in zone molto soleggiate del balcone, anche sotto ai raggi diretti del sole, in quanto la fioritura non avviene se la luce non è sufficiente.

Predilige temperature miti e teme il freddo.