Scale portatili

Scale portatili

Le scale portatili ci permettono di lavorare su oggetti normalmente troppo in alto per venire raggiunti. Bisogna purtroppo ricordare che la maggior parte degli infortuni sul lavoro è da imputare a cadute dall'alto; di conseguenza, bisogna fare una certa attenzione quando si usano questi strumenti. Bisogna prima di tutto comprendere come per scale portatili si intendano tre diversi tipi di scale; il primo è quello di scale semplici di appoggio. Questo genere di scale consiste in una singola coppia di stanghe con dei pioli che le collegano; di conseguenza va appoggiata ad una parete. Altro genere di scale sono quelle doppie, che sono stabili senza bisogno di appoggiarsi ad una parete, in quanto consiste in pratica in una coppia di scale semplici. Ultimo tipo di scale è quello a castello, ovvero con larga piattaforma di appoggio e corrimano, stabile senza bisogno di appoggi.
Una piccola scala a castello

COD.67.8342.30-CAMPANELLO WIRELESS CON SENSORE DI MOVIMENTO-Kit senza fili composto da un sensore di movimento ad infrarossi PIR da installare accanto alla porta d’ingresso, alla finestra o in prossimità delle scale, e da un ricevitore portatile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,5€


Caratteristiche ed elementi delle scale portatili

Una scala Quando scegliamo una scala portatile, dobbiamo considerare tutta una quantità di caratteristiche ed elementi. Bisogna prima di tutto controllare che la scala sia a norma, ovvero il numero della norma (che deve essere UNI EN 131), il nome ed indirizzo del fabbricante, la tipologia, il carico e l'inclinazione massima. Va quindi controllato il peso, sia per questioni di norma (in quanto deve essere uguale a quanto riportato nella scheda del prodotto) sia per questioni di comodità (prendere una scala portatile eccessivamente pesante per lavori casalinghi è uno spreco). Bisogna anche controllare l'isolamento della scala. Quando scegliamo una scala, dobbiamo fare anche attenzione ad alcuni fattori; per esempio, non dobbiamo scegliere una scala doppia come metodo per accedere ad un altro piano, o una più alta di cinque metri. Per superare quest'altezza è meglio scegliere una scala in appoggio.

    SBS sgabello 32 x 25 x 22 cm – fino a 150 kg – portatile antiscivolo salvaspazio Tritt Stei aliante turchese

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,38€


    Materiali e utilizzo delle scale portatili

    Una scala doppia Bisogna fare una certa attenzione al materiale scelto per la costruzione della scala portatile che vogliamo utilizzare, dato che ne esistono di vari materiali come legno o alluminio. Per utilizzare correttamente una scala, dobbiamo seguire un rigido protocollo, leggendo le istruzioni, poggiandola su una base piana, e evitando di sporgerci da essa. Solo così possiamo evitare o quantomeno ridurre al minimo il pericolo di un infortunio durante il lavoro. Bisogna anche ricordare tutte le basilari norme di sicurezza, ed evitare di usare una scala portatile se si è sotto l'influenza di farmaci, ispezionare la scala prima dell'uso per essere certi delle sue condizioni, verificare il peso massimo che verrà posto sulla scala, appoggiare eventuali attrezzi negli appositi agganci, e posizionarla su un appoggio stabile e sicuro.


    Manutenzione e costo delle scale portatili

    Tre scale in appoggio Il costo di una scala portatile varia a seconda della sua tipologia e delle sue dimensioni. Infatti, se per una scala di appoggio a otto gradini (e quindi di dimensioni esigue) i prezzi partono dai quaranta euro per raggiungere i sessanta, per una scala doppia o di dimensioni maggiori queste cifre lievitano consistentemente, arrivando fino ai trecentocinquanta euro. Va sempre considerato che risparmiare sul prezzo della scala non è una buona scelta, dato che una scala di qualità più alta durerà più a lungo e sarà più sicura. Per quanto riguarda la manutenzione delle scale, questa è molto semplice. Basta controllare tre gruppi di componenti, partendo dagli zoccoli antiscivolo (che se danneggiati pregiudicano la stabilità della scala), per poi passare ai montanti ed ai poli (che assicurano la resistenza strutturale del nostro attrezzo) e per quindi terminare con un controllo dei collegamenti tra i componenti (che vengono posti sotto sforzo più di frequente e quindi tendono a danneggiarsi).




    COMMENTI SULL' ARTICOLO