Tisana dei buddisti

Ingredienti principali della tisana dei buddisti

Molte e differenti sono le versioni che si vogliono arrecare il diritto di possedere l'originale ricetta della tisana dei buddisti. Sappiamo comunque per certo che ci sono degli ingredienti fondanti e necessari per la riuscita dell'infuso. Il primo è il tulsi, ovvero l'ocium tenuiflorum, volgarmente basilico sacro, la normale pianta spesso utilizzata nella cucina mediterranea. Dalle sue piccole foglioline si ricavano speciali oli essenziali utili come antinfiammatori e antiossidanti. Un secondo ingrediente è sicuramente la citronella, nota purtroppo dal continente come mero rimedio contro le zanzare. Di genere Cymbopogon, è anche chiamata "erba limone", dalla traduzione del termine inglese, probabilmente a causa della somiglianza con l'aspro frutto giallo. Nel 2006 un'università americana ha pubblicato i risultati di uno studio sulla citronella: gli elementi molecolari rilasciati sono in grado di uccidere in modo programmato le cellule cancerogene, lasciando vive quelle non toccate dal cancro. Un terzo elemento della tisana è senz'altro il ginseng, nota radice di origine orientale, spesso usata nelle antiche tradizioni asiatiche.
Pianta da cui si ricava la radice di ginseng

RENYLL 20 GR - Cura e previene i calcoli e la renella nei cani e gatti - Fitoterapico veterinario diuretico e disinfettante del tratto urinario - Coadiuvante, antinfiammatorio e rigenerante del tratto urinario negli animali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


Ingredienti secondari nella tisana dei buddisti

tisana dei monaci buddistiCome già detto in precedenza, non è affatto chiara la ricetta precisa usata dai monaci buddisti per quanto concerne questo specifico infuso: dopo aver elencato i principali elementi, parliamo ora delle diverse varianti trovate nel mercato della tisana dei buddisti. L'aloe vera è spesso riportata come importante ingrediente per le sue capacità depurative. Giacché a questa tisana si assegna anche l'abilità di liberare il corpo dagli spiriti maligni e dalle energie negative, l'aloe barbadensis si arreca anche il compito di depurare corpo e anima. Il fiordaliso sembra essere per alcuni un altro importante elemento, utile alla tisana sia per il raggiungimento d'un particolare gusto, sia per l'aggiunta di altri importanti benefici. Il Cyanus segetum (fiordaliso) è un rimedio naturale per la cura della pelle, che viene grazie a questa pianta levigata e ammorbidita. Le erbe aromatiche concorrono nel retrogusto unico di questa bevanda, oltre a donare ulteriori capacità antiossidanti alla tisana dei buddisti.

    FIORI DI CANAPA SATIVA - DUE CONFEZIONI DA 25 GRAMMI - Fiori di canapa

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


    Come consumare la tisana dei monaci buddisti

    buddisti eremitiNel caso in cui si volesse acquistare la miscela della tisana dei buddisti già preparata e pronta all'uso, l'acquirente troverà nei negozi specializzati o nella vendita online, sacchettini già pronti da dosare autonomamente. In questo caso si consiglia una pre-ebollizione dell'acqua, alla quale aggiungere poi un cucchiaio da tavola pieno di infuso (circa 5 grammi) in una quantità di poco meno di 250 ml, come metà di una piccola bottiglia d'acqua. Contrariamente al primo metodo, esiste anche la possibilità, con un po' di attenzione e cura di creare la propria miscela di tisana dei monaci buddisti. Nonostante le molte richieste, non si è mai riuscito a trovare un monaco che divulgasse la completa ricetta della tisana: dal solo fatto che essi si trovano in eremitaggio si deduce facilmente che sono avidi dei loro segreti e poco disposti alla condivsione con il pubblico. Per questo, l'unica modalità di produzione fai da te è quella di prendere in mano la lista degli ingredienti e cercare di raggiungere un perfetto equilibrio.


    Tisana dei buddisti: Concludendo con la tisana dei buddisti

    Metodo di infusione della tisana dei buddisti In conclusione è difficile affermare la veridicità di questa ricetta, in quanto gli stessi monaci risultano estremamente poco disposti a rivelare segreti di questa portata. Si vanta spesso l'inesistenza di monaci buddisti obesi, attribuendo tutto questo ai benefici numerosi della tisana. Molti sono coloro che ne mettono in dubbio i vantaggi effettivi, guardando agli ingredienti come ad una lista casuale di elementi comuni alle civiltà odierne. Altri al contrario, se bevuta come consigliato, ovvero 3 volte al giorno dopo i pasti, la innalzano al livello miracoloso: viene detta ottima per i problemi di stomaco, per la depurazione della pelle dalle tossine e dalle scorie acquisite durante la giornata, e per la liberazione dalle cattive energie. Questo è un tratto molto caratteristico della religione buddhista, che si basa infatti in gran parte sul nostro equilibrio interiore a livello mentale e psicologico.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO