azalee da spostare

vedi anche: Azalea

Domanda : azalee da spostare

Salve, nel vialetto condominiale abbiamo moltissime piante di azalee direi anche troppe, vorrei spostarne alcune nel mio giardino. Quale è il periodo giusto per farlo e quale consigli mi date per aver una buona riuscita? GRAZIE ANCORA
azalea

Insetticida granulare del terreno Bayer Teflustar 1 kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,47€


Risposta : azalee da spostare

Gentile Fabio,

le azalee in genere non divengono arbusti molto ampi, ma in ogni caso, visto che le deve solo diradare, se possibile sarebbe opportuno scegliere di spostare gli esemplari più piccoli, in modo che il lavoro per lo spostamento risulti più leggero. Il periodo migliore è l’autunno, o l’inverno, perché le piante cominciano (o già ci sono in pieno) il loro periodo di riposo vegetativo, e quindi non risentono in modo eccessivamente traumatico dell’espianto e del successivo trapianto. Assolutamente questo tipo di lavoro non va fatto in primavera, quando le piante necessitano di acqua e Sali minerali per i nuovi germogli che stanno producendo, e in estate, quando il clima è così caldo che le piante sono già in stato di parziale sofferenza. Si comincia con il preparare le buche di impianto, lavorando bene il terreno presente nelle aiuole, mescolandolo con torba pura sminuzzata, o con terriccio specifico per piante acidofile; in seguito si estirpano le piante prescelte per lo spostamento dal terreno nel luogo di dimora attuale. Il modo migliore consiste nel tracciare con la pala un solco poco fondo, tondeggiante, largo più o meno come la chioma dell’arbusto; in seguito si affonda di più la pala, con affondi netti e precisi, che andranno forse anche a recidere parte delle radici dell’arbusto. Quindi si cerca di affondare la pala, cercando di togliere dal terreno un pane di radici tondeggiante, profondo circa 30-40 cm; considera che, più radici riuscirai ad estirpare, e meno il trapianto risulterà traumatico per le tue azalee. Una volta sollevate dal terreno, puoi posizionarle direttamente a dimora, avendo cura di mantenerle alla stessa profondità a cui si trovavano ne luogo precedente. Con il piede, compatta un poco il terreno attorno alla pianta, in modo che si trovi in una posizione ben fissa, e che non abbia a sprofondare a causa di un terreno eccessivamente soffice; annaffia e ripeti tutte le stesse operazioni con le altre azalee che intendi estirpare. Il prossimo anno riprenderai a concimarle ed a coltivarle come hai sempre fatto nel luogo in cui si trovano ora.


  • Azalea indica Arbusto sempreverde originario dell'Asia; al genere rhododendron appartengono decine di specie, diffuse in gran parte dell'emisfero settentrionale. L'azalea indica aa fusti sottili, densamente ramif...
  • Azalea L'azalea non costituisce un genere a sé ma rientra nel genere dei rhododendron. Tale genere si divide in due gruppi: i rododendri, grandi arbusti sempreverdi o decidui, e le azalee, arbusti nani sempr...
  • Rhododendron Azalee e rododendri appartengono allo stesso genere botanico, il genere rhododendron, che riunisce circa cinquecento specie di arbusti di dimensione varia, originari dell'Asia, dell'Europa e del nor A...
  • Rododendro  I Rododendri appartengono al genere Rhododendron, che comprende svariate specie di arbusti, tra cui anche le cosiddette Azalee; il nome deriva dal greco, e significa albero delle rose, e ben rappresen...

Terriccio per piante acidofile, Lt. 50 Kg. 12,5

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€