fiori e semi dicondra

Domanda : fiori e semi dicondra

vorrei sapere come si producono i semi della dicondra, com'è il fiore da cui il seme, per non estirpare la vegetazione riproduttiva dal mio prato che ho da 25 anni.
Dichondra

OFFERTA 3 PIANTE DI CALLUNA ERICA FUCSIA VASO 12CM sempreverde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Risposta : fiori e semi dicondra

Gentile Vincenzo,

in effetti come darti torto: le piccole piante che compongono un qualsiasi tappeto erboso, producono fiori e semi; è molto importante permettere a queste piante di fiorire indisturbate, in modo che depositino naturalmente i loro semi sul terreno, e contribuiscano da sole a rendere più fitto e compatto il prato. Nel caso della dichondra i fiorellini sono minuscoli, di colore bianco o verde chiaro; sono veramente molto piccoli, e ad essi seguono dei frutti altrettanti piccoli, sferici, che contengono i semi, decisamente minuti. Per poter vedere i semi di dichondra è prima di tutto necessario sapere quando queste piccole piante fioriscono, ovvero tipicamente in primavera inoltrata, aprile o maggio, e spesso rifioriscono in autunno, quando un clima fresco e umido segue all’estate torrida. Risulta quindi molto importante evitare di disturbare il prato in questi periodi dell’anno, in modo da permettere alle piante di fiorire indisturbate, e di auto riseminarsi. Tipicamente il prato di dichondra non viene tagliato spesso, perché le piante striscianti tendono a non svilupparsi molto in altezza, per questo motivo di solito possono tranquillamente fiorire e fruttificare, senza che noi ce ne accorgiamo. Considera poi che parte dei semi vengono sempre e comunque asportati da insetti, uccelli, formiche, che se ne cibano; le giovani piante di dichondra sono molto delicate, e non tutte riusciranno a diventare adulte e ad allargarsi sul prato; quindi se il tuo prato di dichondra tende a diradarsi, è comunque importante effettuare una risemina periodicamente, in modo da garantire l’inserimento di nuove piccole piante. Se a fine inverno pratichi la pulizia del feltro, con conseguente spargimento sul prato di terriccio per tappeti erbosi, sicuramente vai a favorire la germinazione e l’attecchimento di molte nuove piantine; questo perché quando in primavera le piccole piante fioriscono e fanno cadere i semi, queste sementi invece di cadere nel feltro impermeabile, cadranno sul terriccio fresco e poroso da te aggiunto al prato; i terriccio appositi per tappeti erbosi di solito contengono torba soffice, sabbia per migliorare la texture dei primi strati di terra, e anche un concime starter, che favorisce la germinabilità dei semi in esso posti; quindi è chiaro che tale terriccio risulta utile anche per i semi autoprodotti dal tuo tappeto erboso. Il mio consiglio è quindi quello di lasciare indisturbato il prato in aprile-maggio e a fine estate, in modo che possa fiorire liberamente.


  • Dicondra La Dichondra argentea è una piccola erbacea perenne tappezzante, originaria dell’America centro settentrionale; viene spesso coltivata anche come annuale. Ha portamento strisciante, e si sviluppa in a...
  • dichondra Gent.mo staff di " Giardinaggio ",volevo porvi un quesito, a riguardo il mio prato di dichondra;visto che abito in un paese del nord e visto le temperature abbastanza bassedi questi mesi, anche ...
  • dicondra Buongiorno. Sono responsabile di laboratorio analisi presso un impianto di compostaggio; dalle nostre linee produttive escono degli ammendanti classificati dal Decreto Ronchi in compostato verde e com...
  • dichondra repens Buongiorno,vorrei un consiglio, ho acquistato un appartamento con adiacente un giardinetto realizzato in un terrapieno, visto che l'unico accesso per giungere in giardino è la sala da pranzo e non a...

FONDOLINFA ORTENSIE TERRICCIO PRONTO ALL'USO PER ORTENSIE E TUTTE LE PIANTE ACIDOFILE IN GENERE CONFEZIONE DA 10 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€



Guarda il Video
  • dicondra Gent.mo staff di " Giardinaggio ", volevo porvi un quesito, a riguardo il mio prato di dichondra; visto che abito in u
    visita : dicondra

COMMENTI SULL' ARTICOLO