Macchie bianche sulle foglie

Domanda : Macchie bianche sulle foglie

Salve, avrei una domanda. Ho una pianta e ho iniziato a notare delle macchie bianche sulle foglie, queste macchie aumentano sempre di più. Credo sia una malattia, potete consigliarmi qualcosa?

Grazie mille!

cocciniglia

ZnzbztPasti continentali tovaglie tovaglia sulla bandiera, riso bianco (chenille 001#,34*160cm privo di pelucchi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 118€


Risposta : Macchie bianche sulle foglie

Gentile Marina,

nella tua domanda manca qualche precisazione, almeno sul tipo di pianta di cui stiamo parlando (albero, arbusto, pianta da appartamento?), e anche sul concetto di “macchie bianche”, che è abbastanza vago. Se sulle foglie noti delle maculature candide, costituite da una sostanza che sembra farina, come una polvere leggera, si tratta di oidio, o mal bianco; tale malattia è causata da un fungo che si sviluppa quando le foglie sono umide e lo rimangono a lungo; in estate lo sviluppo dell’oidio viene favorito da annaffiature notturne, che comprendono anche la chioma delle piante, le cui foglie quindi tendono a rimanere umide per lungo tempo, nelle ore più fresche del giorno. Contro l’oidio di solito si fanno trattamenti con fungicidi a base di zolfo, che vanno ad asciugare il fungo, uccidendolo. Se annaffi le piante di sera, preferisci le prime ore del mattino, in modo da evitare di lasciare il fogliame umido per periodi di tempo prolungati. Se invece per “macchie bianche” intendi piccoli bottoncini bianchi, o rosati, dalla consistenza cerosa, grossi come un pisello, allora le tue piante sono affette da cocciniglia; si tratta di un insetto, che tende a svilupparsi soprattutto nei mesi estivi in giardino, perché ama il clima caldo ed asciutto. Contro la cocciniglia di solito si utilizzano appositi insetticidi, da spruzzare sulla chioma, insistendo in modo particolare sulla pagina inferiore delle foglie, dove le cocciniglie tendono ad annidarsi numerose. Tipicamente, come preventivo e come insetticida contro le cocciniglie, si utilizza l’olio bianco, ovvero un apposito olio minerale da utilizzate in ambito fitosanitario; ma tale olio andrebbe utilizzato quando il clima è fresco, ovvero in autunno e in inverno, prima della ripresa vegetativa delle piante. In effetti puoi pensare di utilizzare ora un insetticida anticoccidico, e a fine inverno farai sulla pianta un trattamento con olio bianco, in modo da scongiurare la ricomparsa degli insetti. Se invece il fogliame della tua pianta presenta moltissime macchioline scolorite, bianche o gialle, allora potrebbe trattarsi di acari, anche questi piccoli animali si sviluppano soprattutto con clima caldo ed asciutto; sono microscopici, quindi sono difficili da individuare ad occhio nudo, ma si vedono benissimo le punture che fanno sulle foglie, prive di clorofilla; contro tali piccoli animali, che non sono insetti, ma aracnidi, si deve utilizzare apposito acaricida, perché tendono a non venire uccisi dai comuni insetticidi.


  • cocciniglia Quando e' il periodo migliore x combattere la cocciniglia?...
  • cocciniglia Le cocciniglie sono dei rincoti, come gli afidi; questi insetti perforano la lamina fogliare o dei fusti giovani e si nutrono della linfa in essi contentuta, ricca di zuccheri. I parassiti denominati ...
  • cocciniglia Si tratta di un parassita molto diffuso, soprattutto nelle zone e nelle stagioni calde ed asciutte; prolifera particolarmente durante l'estate, e soprattutto tra le piante della serra, dove il ricirco...
  • cocciniglia cotonosa La cocciniglia è un parassita particolarmente diffuso nelle serre, nei giardini, in appartamento, attacca in particolare alcune specie di piante ornamentali, tra cui ricordiamo le succulente in genera...

ZnzbztPasti continentali tovaglie tovaglia sulla bandiera, riso bianco (chenille 001#,34*240cm privo di pelucchi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 132€



Guarda il Video
  • macchie bianche Ho notato delle strane macchie sul fogliame del mio acero giapponese (coltivato in vaso sul mio balcone). Sembrano più d
    visita : macchie bianche

COMMENTI SULL' ARTICOLO