Gelsomino potatura

Come procedere per eseguire al meglio la potatura di questa pianta

Per ciò che riguarda le operazioni relative alla potatura ordinaria, il Gelsomino è una pianta sulla quale è bene intervenire nel periodo primaverile, in modo da evitare che le gelate possano provocare nocumento ai rami che sono stati tagliati da poco.

La maggior parte delle specie comunemente coltivate è rampicante, quindi la potatura rappresenta una forma di manutenzione estremamente importante per mantenere alta la pulizia e dare ordine e razionalità allo sviluppo armonioso delle singole piante.

I germogli che devono essere rimossi sono quelli secchi o che appaiono più deboli.

Se durante la potatura vi capita di notare rami ormai troppo deboli è necessario tagliarli tempestivamente alla base.

La potatura è necessaria anche dopo le operazioni di rinvaso, quando la pianta deve essere rinvigorita durante la delicata fase di transizione, per meglio adattarsi alla sua nuova dimora.

Se invece notate che le foglie appassiscono improvvisamente, vuol dire che l'annaffiatura è sbagliata, cioè eccessiva oppure carente. Il terreno deve essere mantenuto sempre umido, ma facendo attenzione ad evitare la formazione di ristagni idrici dannosi per la salute della pianta.

gelsomini

Belissa - Bordure per aiuole in metallo, 4 pezzi *, dimensioni totali: 4720 x 130 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,2€


Come si presentano i fiori del Gelsomino

potare gelsomino Come molti di voi già sapranno, la principale qualità del Gelsomino sta nella bellezza dei suoi fiori a forma di stella, dalle dimensioni piuttosto ridotte, che generalmente sono bianchi (Gelsomino comune o Jasminum officinale), ma va segnalata l'esistenza di fiori gialli e altri rosa nella parte inferiore dei loro petali, che risultano assai suggestivi.

Dai fiori di gelsomino è possibile ricavare deliziose tisane, camomille e thè di facile reperibilità anche nei supermercati.

I fiori sono ermafroditi, presentano cinque petali, la base ha una forma tubolare, che si apre mano a mano che si sviluppa verso l'alto. Il profumo che emanano risulta molto delicato e piacevole. Le foglie di questa pianta sono di forma ovale e di colore verde.

  • Gelsomino giallo Questa specie di gelsomino è originaria della Cina, ed è un arbusto a foglie caduche, resistente al freddo. Si presenta come un ciuffo, più o meno denso, di sottili rami verde scuro, dritti e rigidi; ...
  • Cestrum nocturnum genere che comprende alcune specie di piccoli arbusti sempreverdi, talvolta coltivati come piante vivaci o come annuali, originari dell'America centrale. I cestrum nocturnum hanno lunghi fusti eretti,...
  • Jasminum nudiflorum Siamo abituati a pensare al gelsomino come ad un rampicante con i fiori candidi, profumati; in realtà al genere jasminum appartengono decine di piante, molte delle quali producono fiori di colore gial...
  • Falso gelsomino Il falso gelsomino, botanicamente chiamato Trachelospermum jasminoides e appartenente alla famiglia delle Apocynaceae, è una pianta rampicante originaria dell’Oriente, del Medio Oriente e dell’Americ...

Compo 22211 - Miscela riparatrice di sementi e fertilizzante per prato, 360 g per 15 m²

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Le capacità di adattamento al clima

gelsominoQuesta pianta, originaria dell'Oriente ma anche del Sudamerica, si è molto diffusa in Europa e viene utilizzata soprattutto a scopi ornamentali, cioè per abbellire pergolati, recinzioni (parliamo ovviamente delle specie rampicanti) e anche giardini, quando viene impiegata come arbusto isolato che aggiunge un certo grado di raffinatezza al contesto.

Uno dei segreti del successo fatto registrare nel nostro Paese da questa pianta è che nel tempo ha dimostrato di sapersi adattare bene a ogni tipo di clima, anche se si sviluppa meglio quando il terreno è opportunamente concimato ed ama essere coltivata in luoghi ben soleggiati. E' comunque bene non lasciarla troppo a lungo esposta a temperature inferiori ai 5 o 6 gradi. In Italia è però apprezzata in modo particolare nelle regioni centro-meridionali. Da questa pianta si ottiene anche un famoso profumo per donne.


Gelsomino potatura: Il Gelsomino nella storia. Uso nel campo dell'aromaterapia

Una popolazione storicamente importante come quella degli antichi Persiani era convinta che l'olio a base di gelsomino avesse notevoli capacità afrodisiache e per questo motivo era solito offrirlo agli ospiti durante i banchetti.

In realtà la medicina moderna non ha mai confermato tali proprietà, ma forse i Persiani puntavano anche sul cosiddetto effetto placebo, cioè sulle capacità di autosuggestione delle persone. Proprio dalla lingua persiana deriva il nome di questa pianta e precisamente dal vocabolo Yasamin, sovrapposto alla parola Gelso. In Europa giunse solo dal Cinquecento.

Oggi in ambito aromaterapeutico l'olio essenziale di Gelsomino è utilizzato per uso esterno e pare che abbia effetti benefici per le molte persone che purtroppo soffrono di depressione, le quali devono sottoporsi a trattamenti che prevedono bagni in vasche d'acqua nelle quali vanno versate una decina di gocce di pura essenza di Gelsomino.

Nei casi di dolori mestruali e conseguenti cefalee è invece possibile spalmare l'olio sulla zona lombare una settimana prima del ciclo, per trarne sollievo.

Notevoli sono anche le capacità cosmetiche dimostrate nella lotta contro le rughe e i segni dell'invecchiamento in genere.

In commercio si possono trovare delle boccette da 10 ml al prezzo di 10 Euro circa e dunque alla portata di tutte le tasche.