Mallattia camelia

Domanda: Mallattia camelia

Salve, ho un problema con una camelia in vaso e una in giardino.

Entrambe fanno i boccioli, ma questi non si schiudono e cadono dopo essere diventati marroncino,come se fossero marci.

Metto regolarmente il concime per piante acidofile,sono al sole e le annaffio regolarmente,ma ogni volta hanno sempre questo problema.

Potrebbe dirmi di cosa si tratta,forse qualche fungo? E che rimedio ci sarebbe?

Grazie

camelia

Tagliatrice di bambù elettrica portatile professionale per motosega di bambù Diametro massimo di taglio 80mm Seghe di bambù Potatura di strumenti di bambù Cesoie di taglio di bambù elettriche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1899,99€


Risposta: Mallattia camelia

camelia Gentile Luciana

la caduta dei boccioli delle camelie è purtroppo un fenomeno abbastanza frequente, che si nota talvolta anche in vivaio, dove sicuramente non mancano le cure coltrali; questo evento infatti è causato da vari eventi, talvolta concomitanti. In genere si tratta semplicemente di un eccessivo numero di boccioli: la pianta produce innumerevoli boccioli floreali, ma ancora prima che sboccino ha esaurito le sue energie, e quindi i fiori non riescono a sbocciare e cadono. Per ovviare a questo problema, è in genere sufficiente rimuovere almeno un terzo dei boccioli, soprattutto quelli vicini, che sono situati sullo stesso apice rameale. Un altro problema potrebbe essere il clima: gelate tardive, o un clima molto secco, molto umido, molto freddo, molto caldo (ovvero: un clima diverso da quello medio stagionale per la fine dell’inverno e l’inizio della primavera), causano la totale perdita dei boccioli.

Altre cause potrebbero invece essere legate alle cure colturali; capita spesso che degli arbusti, soprattutto se in vaso, rimangano nello stesso terreno a lungo, che con il passare del tempo modifica le sue caratteristiche iniziali, perdendo la gran parte dei Sali minerali in esso disciolto, e spesso compattandosi eccessivamente: le camelie amano una forte umidità e un terreno molto ben drenato, se il terreno in cui coltivi le tue camelie si è con il tempo compattato, forse necessitano di un rinvaso o di venire leggermente zappettate, per permettere un maggiore e migliore scolo dell’acqua (sia piovana sia delle annaffiature), che altrimenti ristagna e danneggia le radici, ed esternamente i fiori.

Spesso le camelie quindi perdono i fiori a causa di una eccessiva quantità d’acqua presente nel terreno, che ristagna: quando annaffi le tue camelie controlla che il terreno in cui vivono si sia leggermente asciugato; basta che vi immergi un dito, se risulta fresco e umido, rimanda le annaffiature.

Un altro problema, che può causare la perdita totale o parziale dei boccioli, è legato alle concimazioni: se sono scarsissime, ma anche se sono eccessive (soprattutto le concimazioni azotate) la pianta soffre molto, e lascia cadere i fiori. Le camelie amano concimazioni regolari, da sospendere però nel periodo inverale, altrimenti causiamo un surplus di Sali minerali nel terreno, che è dannoso quanto la carenza. Sicuramente le concimazioni, da marzo a settembre, dovranno essere regolari, ma non eccessive; se decidiamo di spargere sul terreno del concime granulare a lenta cessione, evitiamo di concimare in altra maniera; se forniamo una dose di concime rinverdente, evitiamo per un po’ di concimare in altro modo. Anche in questo caso, gli eccessi sono dannosi quanto , e forse più, delle carenze; alle piante sono necessari dei Sali minerali, che però vengono utilizzati in quantità minime, e quindi non è sano per le piante eccedere con le forniture di concimazioni.

Un altro motivo poi potrebbe essere l'eccessiva insolazione, con conseguente clima molto asciutto attorno alla pianta.


  • camelia cinnamon cindy Genere di oltre 80 specie di piccoli alberi ed arbusti sempreverdi, rustici, originari dell'India, della Cina e del Giappone. Il fogliame è di colore verde scuro, lucido, leggermente cuoioso; durante ...
  • camelia japonica Il genere camellia riunisce circa un centinaio di specie di arbusti sempreverdi, originari dell'Asia centrale e meridionale; devono il loro nome al botanico gesuita Kamel, che nel 1600 le importò in E...
  • Camelia japonica Le Camelie appartengono alle theacee, esistono circa una decina di specie, tra le quali soltanto alcune vengono coltivate come piante ornamentali; da secoli coltivate in Europa, in realtà le Camelie s...
  • camellia Con il nome latino Camellia si indicano centinaia di specie di arbusti sempreverdi, diffusi principalmente in Asia; in Europa in giardino si coltivano prevalentemente ibridi di camellia japonica, un a...

Bosch ISIO 3 Tosaerba a Batteriacon Manico Telescopico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 102,47€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO