Sviluppo passiflora

Domanda: la passiflora

buongiorno...io vorrei sapere se la passiflora che ho messo su una trave del mio gazebo potrebbe nuocere arrotolandosi alle altre piante (glicine, rose, uva, pesca) grazie mille
Passiflora

Setole Pennello Polvere Redecker 461019, Spazzola Pennello, Naturale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,37€


Sviluppo passiflora: Risposta: passiflora

Gentile Lucia,

le passiflore sono piante rampicanti originarie dell’America meridionale, che sono state importate in Europa e nel mondo ormai secoli orsono; soprattutto la Passiflora caerulea (quella tipica, classica, a fiori blu e bianchi) è una pianta infestante, considerata in gran parte del mondo una sorta di flagello, in quanto il suo sviluppo è molto ampio anche in una sola stagione vegetativa, e i suoi viticci possono attaccarsi a qualsiasi cosa: altre piante, fusti di alberi, tronchi, rami, pali, ringhiere. In Italia in effetti lo sviluppo invasivo viene ridimensionato dal clima freddo invernale, ma nonostante questo di solito si evita di avvicinarla ad altri rampicanti, perché tende con il passare degli anni a soffocare le altre piante, attaccandosi ai loro rami con i viticci. Nel tuo caso, le piante con cui hai posto a dimora la passiflora sono abbastanza vigorose, e quindi dovrebbero riuscire a convivere senza grossi problemi, anche se sarebbe opportuno che tu ridimensionassi periodicamente la passiflora, in modo da lasciare spazio al glicine, alla vite e alle rose. Considera comunque che i tre rampicanti che hai posto a dimora sono tutti ben vigorosi, se li hai messi ad una certa distanza dovrebbero trovare il modo di convivere senza grossi problemi. Se invece della caerulea hai messo a dimora un’altra varietà di passiflora, allora non dovresti avere grandi problemi, perché le altre varietà coltivabili in Italia non sono così invasive. Sicuramente risulta opportuna una regolare potatura, in modo da accorciare i rami che tendono ad avvicinarsi alle altre piante, cosa che servirà anche a rimpolpare la base del fusto della tua passiflora. Considera che queste piante radicano con grande facilità, soprattutto per propaggine e anche senza il tuo aiuto; quindi, ogni volta che il fusto della tua passiflora si rivolge verso il basso e cade sul terreno, nell’arco di alcune settimane tenderà a radicare e a dare origine ad una “nuova” pianta. Fai quindi attenzione, e quando poti la pianta (in autunno o a fine inverno) ricordati di rimuovere anche eventuali nuovi punti in cui la pianta ha radicato, o altrimenti il suo apparato radicale andrà ad accerchiare le altre piante presenti sul gazebo, assorbendo acqua e Sali minerali anche nella zona dove si sviluppa il glicine, l’uva e la rosa. Quindi, si la passiflora tenderà a svilupparsi cercando di levare spazio alle altre piante, ma puoi regolare tu il suo sviluppo, lasciando più spazio alle piante che le stanno attorno, in modo da bilanciare lo sviluppo di ogni singolo rampicante.


  • Passiflora La Passiflora caerulea o "fiore della passione" è originaria delle Regioni Tropicali dell'America Meridionale. La famiglia di appartenenza è quella delle Passifloraceae. Sono circa cinquecento le spec...
  • Passiflora fiore Al genere passiflora appartengono centinaia di arbusti rampicanti, tutti originari dell'America meridionale; catalogate da religiosi nei secoli passati, il loro nome comune è dovuto al fatto che nella...
  • Passiflora Il nome Passiflora, che significa appunto Fiore della Passione, ha evocato negli anni immagini e pensieri che si spingono nel mondo dell'erotismo, arrivando persino a considerare il frutto di questa p...
  • Adenia spinosa piccola pianta succulenta caudiciforme, originaria dell'Africa meridionale. Costituisce un piccolo cespuglio, con alla base un grosso caudex legnoso, da cui si dipartono lunghi rami spinosi, con fogli...

Cookey Luci Della Stringa Della Palla- 80 Palle 10m Batteria Gestito Globo Fate Leggera - Perfetto per Indoor, Outdoor, Giardino, Albero di Natale, Party, Festa, Matrimonio(Bianca Calda)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€
(Risparmi 15€)



COMMENTI SULL' ARTICOLO