Lillà  della California - Ceanothus

Generalità

Questo genere comprende 45-50 specie di arbusti caduchi o sempreverdi originari dell'America settentrionale, soprattutto della California.

La specie più coltivata nei giardini è sempreverde, a crescita lenta, con piccole foglie verde scuro brillante sulla pagina superiore, verde-grigiastre sulla pagina inferiore e leggermente pubescenti.

La corteccia dei lillà della California è verde negli esemplari giovani, con il tempo diventa marrone; dalla primavera all'inizio dell'estate produce piccoli fiori bianchi o azzurri, riuniti in vistose pannocchie.

Ceanoto

YQQ Stand di Piante Basamento di Fiore Rack di Visualizzazione Dell'impianto Porta Fiori in Legno Massello Scaffale al Coperto Salotto Balcone (Size : M)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 129,9€


Esposizione

Ceanoto Le piante di lillà della California sono una varietà di facile coltivazione, sia in vaso che in piena terra.

Questi arbusti dal carattere rustico e che raggiungono circa i 2 metri di altezza, preferiscono posizioni luminose, anche esposte per alcune ore ai raggi diretti del sole; non temono il freddo invernale, ma si consiglia di porre a dimora i ceanothus in luogo protetto dai venti freddi anche perchè il loro apparato radicale è piuttosto ridotto e potrebbero essere rovinati dal vento.

Sono piante rustiche e resistenti che riescono a sopportare bene anche gli sbalzi di temperatura, ma in caso di clima molto rigido è bene posizionarle in un angolo più riparato.

  • Ceanoto  Il genere Ceanothus comprende una cinquantina di specie di arbusti originari dell'america settentrionale e centrale; il genere è abbastanza vario, e gli arbusti sono di dimensioni molto diverse a seco...
  • Fiori foglie Ceanothus Le specie che appartengono al genere Ceanothus sono chiamate comunemente lillà della California. In generale, le irrigazioni devono essere regolari e frequenti soprattutto durante il primo anno di età...

pianta vera da esterno di Erica canaliculata v16

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Annaffiature

ceanothus thyrsiflorus var repens Il lillà della california ha una struttura rustica che lo rende piuttosto resistente.

Da marzo a ottobre, durante il periodo vegetativo e di fioritura, si consiglia di annaffiare abbondantemente, mantenendo quasi sempre il terreno umido, controllando peṛ che non si formino dei ristagni d'acqua, dannosi per la pianta.

In inverno diminuire le annaffiature, senza peṛ sospenderle completamente, verificando sempre che non ci sia un'eccessiva presenza di acqua che potrebbe portare all'insorgenza di marciumi radicali pericolosi e dannosi.

Alla fine dell'inverno sarebbe consigliabile fornire al terreno in cui è si trova il lillà dello stallatico maturo.

Ogni 15-20 giorni fornire del concime per piante fiorite nel periodo vegetativo.


Terreno

ceanothus Le piante di lillà della California preferiscono i terreni sciolti, ben drenati, ricchi di sostanza organica.

E' consigliabile preparare una composta ideale mescolando terriccio bilanciato con una piccola quantità di sabbia e perlite, per aumentare il drenaggio.

Crescono con più difficoltà nei terreni ricchi di calcare, ma riescono ad avere un buon adattamento. Quando il tipo di terreno non è quello giusto, esse possono presentare problemi di clorosi ferrica, che porta all'ingiallimento delle foglie. In questo caso è possibile intervenire fornendo degli integratori di ferro.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di queste piante avviene per talea semilegnosa e si pratica in estate; praticare numerose talee, poichè la radicazione non è sempre facile.

Le nuove piantine vanno coltivate per un paio d'anni in vaso prima di poter essere messe a dimora.

I ceanothus si possono anche seminare, ma le piante figlie non hanno sempre fiori uguali a quelli delle piante madri, inoltre la germinazione non è facile; in natura i semi di ceanothus germinano più facilmente dopo un incendio.


Lillà  della California - Ceanothus: Parassiti e malattie

ceanothus Essendo un tipo di pianta rustica, difficilmente il lillà della California viene colpito da parassiti e malattie, ma, soprattutto se coltivato in terreni calcarei, teme particolarmente la clorosi ferrica, che si pụ evitare facilmente fornendo saltuariamente fertilizzanti a base di ferro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO