Olivo concimazione

Olivo concimazione

Per poter esprimere al massimo le sue potenzialità di produzione e qualitative, l’ulivo ha certamente bisogno di avere il concime somministrato annualmente.

Sebbene l'ulivo sia capace di sopravvivere anche per diversi anni senza nessun apporto di fertilizzanti, per poter sviluppare al massimo e ottenere ottimi e abbondanti olive, ha la necessità di un concime ogni anno, capace di fornirgli degli apporti razionali di minerali e/o di organici. Per fare un programma razionale di fertilizzazione è necessario eseguire un'analisi chimica e fisica del terreno prima che si impianti un oliveto. Questa poi va ripetuta ogni 4 o 5 anni, facendo il prelievo di uno o anche più campioni che siano altamente rappresentativi.

Se si fa riferimento a quelli che sono gli aspetti tecnici e pratici della somministrazione di concime, questa può essere di tre tipologie distinte:

- la concimazione d'impianto o di fondo;

- la concimazione d'allevamento;

- la concimazione di produzione.

Olivo europeo

FERTILOLIVO CONCIME SPECIFICO PER LA NUTRIZIONE BILANCIATA DELL'OLIVO CONFEZIONE DA 10 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


La concimazione di impianto o di fondo

Il fiore dell'olivo Questo tipo di intervento ha il fine di mettere nel terreno una determinata riserva di quegli elementi minerali che sono dotati di una scarsa mobilità, per nutrire il futuro apparato delle radici dell'olivo. Questa somministrazione va eseguita su un terreno sodo e va interrata con un'aratura piuttosto superficiale, fatta dopo un'aratura più profonda oppure una rippatura in caso di una doppia lavorazione.

Poiché la maggior parte dei terreni del paese è carente di sostanze organiche, si reputa indispensabile durante la somministrazione di concime organico, attraverso la somministrazione di grandi quantità di sostanze ammendanti, preferibilmente il letame maturo. I materiali organici che vengono incorporati nella terra subiscono delle profonde modificazioni le quali formano un humus stabile. Il processo di umificazione e quello di mineralizzazione del terreno rendono gli elementi minerali disponibili ad essere assorbiti dalla pianta, in maniera lenta e continua.

Le sostanze organiche rappresentano i migliori nutrienti per le colture e il miglior fertilizzante con lenta cessione.

  • olivo Mi hanno chiesto di scegliere un albero in regalo per il mio nuovo giardino, situato a Legnano, in provincia di Milano, dunque non esattamente in un ambito "mediterraneo"... Come saprà, gli inverni qu...
  • olivo Salve vorrei porvi alcune domande riguardanti l'olivo:1)quando si devono iniziare i trattamenti preventivi per le malattie piu frequenti dell'olivo( mosca dell'olivo- occhio di pavone-tignola etc.) ...
  • bonsai ulivo Salve ho appena comprato un bonsai di olivo dell'altezza di circa 30-35 cm in un vivaio a Imola. Vorrei sapere tutto quello che c'è da sapere su come curare il bonsai e se esistono delle guide in libr...
  • bonsai di ulivo ho un bonsai di olivo che ho trovato sradicato sul balcone per circa 3 giorni e non so proprio come salvarlo è ridotto pittosto male, le foglie si sono richiuse su sestesse ho provato di tutto cosa po...

NITROPHOSKA super CONCIME UNIVERSALE frutta prato DA 25 KG 20-5-10 + 15

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


La concimazione d'allevamento

L'inflorescenza dell'olivo L'intervento con fertilizzante durante i primi 3 o 4 anni dall'impianto ha lo scopo essenzialmente a stimolarne lo sviluppo vegetativo e quindi a far accelerare la generazione sia della chioma che dell'apparato radicale. La dose del fertilizzante deve essere in funzione dell'età dell’olivo e anche alla dimensione: quindi deve essere crescente nel tempo. La somministrazione di concime si deve localizzare nella zona in corrispondenza di come la chioma si proietta sul terreno, poiché lo sviluppo delle radici in senso radiale è limitato. La concimazione d'allevamento quindi deve essere solo azotata, con 2 o 3 somministrazioni all’anno, dalla ripresa vegetativa al termine della primavera. La dose annuale per un giovane impianto, durante i primi anni, deve essere più o meno di 20 U.F./ha e non di più. Dal terzo o quarto anno in poi si possono somministrare dosi di 40 U.F./ha all’anno.