Il peperoncino thai dragon

Il peperoncino thai dragon

Come peperoncino “Thai Dragon” si intendono in realtà diversi tipi di peperoncino coltivati in Thailandia e Cina e considerati un prodotto di base nella cucina asiatica. Hanno tutti la tipica forma a cornetto, più o meno lungo, e fanno parte della specie Capsicum annuum.

Sono inoltre diffuse molte denominazioni diverse (Thai, Thai Dragon, Bird’s Eye) che possono designare lo stesso o diversi peperoncini.

Qui parleremo della varietà che si trova più facilmente in Europa.

peperoncino thai dragon

SEMI PEPERONCINO 20 VARIETA'=100 SEMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


Caratteristiche del Thai Dragon

Gli esemplari producono frutticini a cornetto, lunghi in media da 5 a 10 cm e larghi 1-2. Inizialmente sono di colore verde medio per poi diventare di un bel rosso acceso, con la buccia lucida.

La polpa è compatta, ma molto sottile e concentrata sulla parte esterna del frutto: ciò consente una veloce essicazione sia in casa sia al sole.

La pianta ha forma espansa, alta quanto larga: di solito cresce fino a 70-100 cm ed è composta da diversi steli che possono necessitare di sostegni, soprattutto in aree particolarmente ventose o piovose.

Può essere inserita tranquillamente nell’orto, ma cresce agevolmente anche in vaso, a patto che abbia un diametro di almeno 30 cm e sia profondo altrettanto. Ha però anche buone qualità estetiche: i suoi frutti, rivolti verso l’alto, sono davvero attraenti. È possibile inserire degli individui nelle bordure, al posto di floreali annuali, oppure nelle aiuole formali, creando combinazioni allegre e gradevoli. Interessanti effetti si ottengono anche aggiungendone qualcuno alle composizioni floreali da porre in casa.


  • peperoncino Abbiamo acquistato una piantina di peperoncino piccante.Ci saprebbe consigliare come farla crescere?Abitiamo in una zona collinare a 760 mt di altitudine, clima piuttosto secco e zona soleggiat...
  • peperoncino Nome: Capsicum annuum L. var. longum DC.Raccolta: A fine estate.Proprietà: Stomatico, aperitivo, starnutatorio.Famiglia: Solanacee.Nomi comuni: Pimento, pepe cornuto....
  • peperoncino Il peperoncino è una pianta perenne, coltivata però come annuale; esistono svariate specie di peperoncino, con frutti di forme o colori diversi, ma che anche presentano diversi gradi di piccantezza. E...
  • Peperoncino Il Capsicum annuum, conosciuto comunemente come peperoncino ornamentale, è una pianta erbacea perenne originaria dell'America centrale e meridionale, coltivata solitamente come annuale. I fusti del ca...

SEMI PEPERONCINO-PER INIZIARE!!!!-6 VARIETA'-60 SEMI + GOAT'S WEED IN OMAGGIO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Sapore e piccantezza del Thai Dragon

MIX PEPERONCINI La piccantezza del peperoncino Thai Dragon può essere classificata come medio-alta. Sulla Scala di Scoville si attesta le 50.000 e le 100.000 SHU. È quindi meno “caldo” di quasi tutti gli Habanero, ma più intenso del Calabrese. Teniamo presente che la piccantezza specifica di un frutto può dipendere da molti fattori: clima, terreno, concimazione, irrigazioni. Inoltre la quantità di capsaicina può variare molto anche in frutti provenienti dalla stessa pianta: in generale quelli più piccoli ne contengono di più di quelli grandi.

Per accentuare questa caratteristica si consigliano posizioni molto ben esposte (almeno 6 ore di sole al giorno) e abbondante potassio nelle concimazioni. Inoltre, al momento della maturazione dei frutti, è bene ridurre notevolmente le irrigazioni. La raccolta deve avvenire quando i frutti sono quasi totalmente maturi: rossi, ma ancora ben compatti.

È importante sottolineare tuttavia che l’estremo “calore” di alcuni piatti orientali è più legato alla quantità di peperoncini impiegati che alla loro specifica piccantezza.

IL PEPERONCINO THAI DRAGON IN BREVE
Famiglia, genere, specie Solanaceae, Capsicum Annuun, Thai Dragon (varie denominazioni popolari)
Altezza e larghezza 60-100 cm per circa 80 cm
Frutti A cornetto, lunghi fino a 10 cm e larghi 1-2 cm; prima verdi poi rossi
Fiori bianchi
Rusticità Bassa (mai meno di 12°C)
esposizione Pieno sole
Germinazione dei semi A 25°-28°C, in circa 8 giorni
Necessità idrica alta
Terreno Ricco, fresco, ma ben drenato
Necessità idrica Media
Terreno Ricco in materia organica, fresco
Concimazione Prodotti ad alto tenore di potassio
Uso Orto, vaso, giardino


Come coltivare il thai dragon

thai dragon Il peperoncino Thai Dragon è ideale per chi voglia iniziare la coltivazione di questa aromatica: è una delle specie più semplici da far crescere, dà un raccolto abbondante e raramente viene attaccata da parassiti o crittogame.

Come ottenere le piantine?

Le piantine di peperoncino Thai Dragon non si trovano facilmente, se non in vivai specializzati in questo tipo di colture. Chi volesse sperimentare questa varietà specifica può crescere uno o più esemplari direttamente da seme: le bustine sono piuttosto comuni in commercio o presso rivenditori in internet.

Semina

La semina può essere effettuata in casa o in serra riscaldata (per anticipare la coltura): in questo caso si può cominciare già a gennaio-febbraio, anche a seconda delle nostra collocazione geografica. Se vogliamo seminare all’esterno dovremo invece aspettare almeno aprile. Teniamo presente che la germinazione avviene solo con temperature tra i 20 e i 25°C e che le prime foglioline si vedono dopo 8-10 giorni. Scegliamo un substrato leggero, ma capace di mantenersi umido a lungo.

Volendo si possono spargere i semi su della carta assorbente, vaporizzando spesso e trasferendo nei vasetti allo spuntare della prima radichetta.


Trapianto ed esposizione Thai Dragon

Il trapianto in vaso o in piena terra deve essere attuato solo quando le temperature siano stabilmente al di sopra dei 18°C, indicativamente nel mese di maggio. Le piantine devono aver raggiunto i 10 cm di altezza. L’apparato radicale è molto superficiale e fragile e va quindi trattato con la massima delicatezza.

Scegliamo un’area ben soleggiata e al riparo dai venti forti. Predisponiamo da subito uno o più tutori per esemplare, legandovi gli steli mano a mano che crescono.

La distanza tra un esemplare e l’altro deve essere di almeno 50 cm sulla fila e tra le file.

IL CALENDARIO DEL PEPERONCINO THAI DRAGON
Semina in casa Gennaio-marzo
Semina all’aperto Aprile-maggio
Trapianto maggio
Cimatura Giugno-luglio
Raccolta Luglio-ottobre
Concimazione di fondo novembre


Terreno, concimazione e irrigazione

peperoncini Il substrato dei peperoncini deve essere ricco in materia organica, lavorato in profondità e capace di mantenersi fresco a lungo. L’ideale è, in pieno campo, lavorare l’appezzamento già in autunno inglobando una buona quantità di ammendante organico. Al momento della messa a dimora potremo, in ogni buchetta, aggiungere un cucchiaio di concime granulare per ortaggi, ad alto tenore di potassio (molto adatti sono quelli specifici per pomodori).

All’allegagione possiamo aiutare ulteriormente la pianta con qualche somministrazione di un prodotto liquido con le stesse caratteristiche.

Le irrigazioni devono essere sempre abbondanti, ma l’acqua va distribuita ad una certa distanza dal colletto per evitare l’insorgere di patologie. Evitiamo anche di bagnare le foglie. Soprattutto in estate è bene procedere la sera o la mattina per scongiurare uno shock termico alle radici.


In vaso

Questo tipo di peperoncino è molto semplice da crescere in vaso. Un buon substrato si può ottenere mescolando del terriccio per piante fiorite con un poco di stallatico stagionato e qualche manciata di sabbia. Sul fondo è importante creare uno spesso strato drenante con ghiaia o argilla espansa.


Cure colturali Thai Dragon

Thai Dragon Per mantenere il terreno sempre fresco e evitare l’insorgere di infestanti è bene pacciamare il piede delle piante con materiale di sfascio (erba, paglia o foglie sane).

Piante ben accestite con fiori e frutti abbondanti si ottengono effettuando frequenti cimature. Una volta che la pianta avrà raggiunto la sua dimensione definitiva eliminiamo gli eventuali nuovi getti laterali o basali e limitiamo l’ulteriore crescita (che andrebbe a discapito delle maturazione dei frutticini già presenti). Preferiamo sempre la qualità alla quantità.


Raccolta Thai Dragon

I frutti cominciano a maturare generalmente 70 giorni dopo il trapianto. Teniamo però presente che in questo è determinante il clima, l’esposizione e anche la qualità del terreno. La pianta è estremamente produttiva: ogni esemplare può fornire anche più di 200 frutticini. Aspettiamo che assumano la tipica colorazione rossa e raccogliamoli quando al tatto risultino compatti, ma leggermente cedevoli.


Conservazione

I peperoncini Thai Dragon danno il loro meglio quando sono utilizzati freschi: uniscono la media piccantezza ad un ottimo gusto dolce. Raccogliamoli quindi all’occorrenza durante il periodo vegetativo. Ad ogni modo i frutti si conservano molto bene in frigorifero per almeno una settimana.

In alternativa è possibile essiccarli esponendoli al sole: per velocizzare il processo poniamoli su dei vassoi di alluminio. A questo scopo scegliamo solo quelli perfettamente integri e privi di muffe.

Un’ottima alternativa è anche il forno a bassa temperatura (60-80°C), possibilmente ventilato oppure l’uso degli appositi essiccatori a ventola.