Cura stella di natale

vedi anche: Stella di Natale

La bellezza della Stella di Natale

La Stella di Natale è la più apprezzata e regalata pianta per le feste. Infatti, già da sola, con la sua presenza molto appariscente e colorata, è in grado di creare l'atmosfera natalizia. Questa apprezzata pianta è originaria del Messico nel quale cresce spontaneamente e raggiunge un'altezza media di circa tre metri. Il suo nome scientifico è Euphorbia pulcherrima ma è chiamata anche Poinsettia. Durante il periodo della fioritura la pianta esprime il massimo della sua bellezza, tuttavia bisogna precisare che il fiore vero e proprio non è grande e rosso ma giallo e di dimensioni ridotte. Quello che comunemente si crede essere il fiore è in realtà una corona formata da cinque foglie particolari (dette brattee), generalmente rosse ma, in alcune varietà, anche rosa o addirittura bianche.
Un gruppo di Stelle di Natale

25 Tasche Di Impianto Alla Parete Sospensorio Giardinaggio Planter All'aperto Coperta Verticale Greening Grow Borse ( Colore : Verde )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,99€


Cura della Stella di Natale in inverno

Varietà rosa della Stella di Natale Quando, a fine stagione, la pianta perde le foglie, e quindi le sue attrattive, di solito viene buttata. Tuttavia una corretta cura la farà sopravvivere e diventare una bella pianta verde da tenere in casa, al fresco, o anche nelle scale o in veranda. Quando si acquista una Stella di Natale, occorre scegliere gli esemplari più folti, anche grandi, con foglie ben colorate, e poi liberare subito la pianta dall'involucro con cui è confezionata. Nel periodo delle feste natalizie la pianta va tenuta in casa, nella stanza più luminosa, evitando però la luce del sole diretta. Bisogna anche cambiare frequentemente l'aria, che non deve essere troppo secca, e non sottoporla a correnti fredde. Va innaffiata solo quando il terreno è quasi asciutto, in media ogni 2-3 giorni, senza bagnare le foglie.

  • Stella di Natale La stella di Natale, detta anche poinsettia, è un arbusto originario del Messico, dove si sviluppa abbondantemente allo stato selvatico, fino a raggiungere dimensioni cospicue, intorno ai 2-3 metri di...
  • Stella di Natale Sono una delle piante più tipiche utilizzate per il Natale, anche se non molti sanno che vengono da lontano; la stella di Natale, anche conosciuta come Poinsettia, è una pianta di origini Messicane, i...
  • Stella di Natale La chiamiamo Stella di Natale, anche se in realtà si tratta di un arbusto di origine centro americana, che riscuote grande successo sotto le feste natalizie da alcun decenni, perchè è una bellissima p...
  • Stella di Natale Tipico fiore da regalare nel periodo natalizio, la stella di Natale ha infiorescenze così vivaci che rallegrano tutta la casa; si tratti in effetti di un arbusto sempreverde, che in natura raggiunge i...

Famiglia Araliaceae Fatsia Japonica Semi 10PCS, molto popolare giapponese Semi Aralia dei cespugli, piante ornamentali Aralia Japonica Semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Cure in primavera-estate

Stella di Natale bianca Dopo le feste sarà necessario trasferire la pianta in un luogo che non sia riscaldato e secco come il soggiorno in cui è stata per qualche settimana. Le scale, o comunque un posto luminoso e fresco, andranno quindi bene. La temperatura ideale è tra 16 e 18 gradi e mai meno di 15. Quando, in primavera, le temperature saranno salite sufficientemente, si sposterà la pianta sul balcone o in veranda. Nell'attesa che la Poinsettia torni nella fase di crescita attiva, occorre annaffiarla soltanto una volta a settimana. Dopo che i fiori saranno secchi sarà anche opportuno accorciare i rami di metà della loro lunghezza, tagliando poco sopra l'attacco della foglia. All'inizio della stagione estiva la Poinsettia sarà spostata all'aperto e all'ombra e sarà concimata a settembre con un fertilizzante a base di fosforo e potassio. In autunno la pianta va riportata al coperto.


Cura stella di natale: Rinvaso e fioritura della Stella di Natale

Fiore della Stella di Natale Il rinvaso della pianta si effettua verso giugno, in un contenitore leggermente più grande dell'originario, sempre dopo la caduta delle foglie rosse. Sul fondo del vaso va posta dell'argilla espansa, per assicurarsi un adeguato drenaggio, ed un substrato a base di torba, evitando di pressare eccessivamente il terriccio. Queste indicazioni sono importanti per avere una buona quantità di fiori piuttosto che foglie. La fioritura della pianta non è sempre facile, comunque dovrebbe avvenire a fine settembre. Un buon sistema per favorirla è quello di porre la pianta al buio totale ogni giorno dalle 17 alle 7 di mattina, nel periodo da settembre a ottobre. Al contrario, durante la giornata bisogna metterla nel solito posto ben illuminato. Questo procedimento aumenterà le probabilità che la pianta produca degli splendidi fiori.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO