Pianta del caffè

Quanto annaffiare la pianta del caffè

La pianta del caffè, conosciuta nella varietà Coffea Arabica, deve essere annaffiata con regolarità. Le annaffiature devono essere generose ma attenzione ai ristagni d'acqua: il metodo migliore consiste nel posizionare il vaso sotto un getto d'acqua, come quello del lavandino, e lasciare che tutta quella in eccesso vada smaltita prima di riporla sul suo sottovaso. Fra un'irrigazione e l'altra deve sempre passare il tempo necessario a far seccare leggermente il terreno in modo da non rischiare di creare ristagno sul fondo del vaso. La regola generale vuole che sia meglio annaffiarla meno di quello che necessita piuttosto che eccessivamente. La pianta del caffè predilige gli ambienti umidi perciò è necessario vaporizzarle ogni tanto un po' d'acqua sul fogliame, in particolare durante l'estate.
Coffea arabica

Room Plant Mix I Set of 3, 1x Dieffenbachia, 1x Areca Palm (Chrysalidorpus) 1x Zamio Palm (Zamioculcas), 10-12cm Pot

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Come coltivare la pianta del caffè

pianta del caffè coltivazione Per far crescere la pianta del caffè sana e forte bisogna procedere al rinvaso nel periodo della tarda primavera, a partire dal mese di Aprile e il terriccio ideale deve essere sempre miscelato ad un buon fertilizzante. Quando giunge il momento di rinvasare bisogna scegliere un vaso adeguato alle sue nuove dimensioni ma mai eccessivamente grande: le sue radici amano infatti rimanere piuttosto compresse e darle troppo spazio può compromettere seriamente la fisiologia della pianta. La posizione da prediligere è quella dove la pianta del caffè possa avere la massima esposizione ai raggi solari. Ama molto il caldo e una buona areazione: se vive in un ambiente con uno scarso ricambio d'aria può sviluppare delle malattie.

  • schefflera Le schefflere sono grandi arbusti o piccoli alberi di origine tropicale, appartenenti alla famiglia delle araliacee, molto utilizzati in Italia come piante da appartamento, a causa del loro fogliame m...
  • Cornycarpus laevigata Il Corynocarpus laevigata o corinocarpo è una pianta sempreverde originaria della Nuova Zelanda; in natura è un piccolo albero, che raggiunge i 7-8 metri di altezza, in contenitore si mantiene al di s...
  • ficus Il ficus ginseng è una varietà di ficus microcarpa, dalle dimensioni abbastanza contenute. La specie f. microcarpa è un albero, che raggiunge i 20-25 m di altezza, originario dell'Asia e dell'Australi...
  • orchidee Le orchidee sono piante affascinanti per la loro provenienza e per le bellissime infiorescenze. Fino a qualche decennio fa la loro coltivazione era riservata ad una élite: era infatti quasi sempre ne...

Pachira Aquatica Pianta Placcato con un fusto. Guiana Chestnut Tree

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,26€


Quando concimare la pianta del caffè

Piante adulte di caffè La concimazione della pianta del caffè dipende da alcuni fattori come lo stadio di maturazione e il suo stato di salute; deve avvenire durante le stagioni calde, primavera ed estate, ogni 20 giorni per quanto riguarda gli esemplari più giovani ed una volta alla settimana per le piante adulte. Il concime ideale deve contenere alcuni elementi necessari alla sua nutrizione quali azoto, fosforo e potassio, oltre a sali minerali come il ferro, il rame e lo zinco. Dopo aver proceduto al rinvaso è possibile procedere con la potatura. In questo caso si possono rimuovere le foglie e i rami secchi ma anche tutte le parti che si ritengano essere in eccesso. La pianta del caffè teme gli strumenti di lavoro che non siano stati accuratamente disinfettati.


Pianta del caffè: Esposizione alle malattie e possibili rimedi

Coffea giovani e adulte La pianta del caffè teme molto gli sbalzi di temperatura: quando è esposta a questo rischio comincia a perdere il fogliame. Quando viene annaffiata eccessivamente invece, le foglie tendono ad appassire e anche in questo caso a staccarsi dai rami, prive di forza. Macchie brune o gialle sulla superficie del fogliame possono essere dovute a dei parassiti come la cocciniglia o il ragnetto rosso: in ciascuno di questi due casi è importante agire al più presto possibile pulendo meticolosamente la pianta esponendola ad un getto d'acqua e passando un panno delicato sulla rima superiore ed inferiore per eliminare parassiti e uova. Un rimedio casalingo utile per debellare i parassiti e non aggressivo verso la pianta è la vaporizzazione di acqua e sapone neutro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO