Pianta carnivora dionea

vedi anche: Piante Carnivore

Descrizione della pianta carnivora dionea

Questa pianta è originaria del Nord America. È diffusa e conosciuta sia per la singolarità di mangiare insetti che per la facilità di coltivazione. Rappresenta un modello basilare per la coltivazione di piante carnivore e costituisce un ottimo esemplare per un botanico neofita.La pianta carnivora dionea ha l’aspetto di una pianta erbacea con le foglie disposte a forma di rosetta intorno a un punto centrale. Le foglie solitamente sono verticali e alte oppure sono distese sul suolo e sono più corte: alla loro estremità c’è l’apparato sofisticatissimo per la cattura, formato da 2 pagine fogliari che sono simmetricamente unite e munite di "denti" piccoli e morbidi sul bordo, i quali sono capaci di evitare che la preda fugga. All'interno ci sono sei sensori, piccoli e simili a dei peli trasparenti, che fanno chiudere la trappola di scatto solo se sono sfiorati o stimolati. La pianta si nutre assorbendo e digerendo le sostanze dell'insetto cioè solo le zone molli, lasciando l'esoscheletro intatto.
Piante di dionea

Vivai Le Georgiche Dionea Muscipula (Carnivora)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,3€


Coltivazione della dionea

Una dionea in vaso Per la pianta carnivora dionea è molto importante la posizione in cui va posta: deve stare alla luce, possibilmente del sole diretto, si deve proteggere da correnti d'aria e preferisce terreno umido. Se viene tenuta a casa, è consigliabile metterla sul davanzale della finestra che sia ben soleggiata e rivolta a sud. La dionea si può anche coltivare in terrario. Le dionee hanno bisogno di abbastanza spazio per le loro radici, altrimenti alla lunga potrebbero soffrire e morire. Conviene perciò rinvasarla in primavera in un vaso che sia alto 10 o 15 cm. Occorre farlo con estrema attenzione, perché le radici sono delicate.Anche il terreno è importante per la dionea: il composto deve essere costituito da buona torba di acidità elevata, mista a un terzo di sabbia non calcarea, per facilitare il drenaggio. Il vaso deve essere messo in una base d'acqua affinché il terreno sia ben bagnato sempre. Si deve annaffiare con acqua piovana oppure distillata, perché il calcare danneggia le radici e potrebbe far morire la pianta.

  • citronella La citronella è nota soprattutto per il particolare profumo delle sue foglie, che agisce come repellente naturale delle zanzare, ma è apprezzata anche per il suo utilizzo come pianta aromatica in cu...
  • Ficus Benjamina Il ficus benjamina appartiene alla famiglia delle Moraceae È originario dell’Asia sudorientale e dell’Oceania. È un albero che può raggiungere i 30 metri di altezza dove è endemico (o in zone con cli...
  • davallia canariensis Questo genere comprende circa 30-40 specie di felci semisempreverdi originarie dell'Asia, dell'Africa, della Nuova Zelanda e dell'Europa meridionale; D. canariensis è originaria della isole Canarie, c...
  • Codonanthe Le Codonanthe sono un gruppo di circa dieci specie di piante sempreverdi, epifite, originarie dell'America centro-meridionale. Hanno fusti sottili, scarsamente ramificati, lunghi fino a 40-50 cm, ramp...

OFFERTA 3 PIANTE CARNIVORE DIONEA MUSCIPULA VASO 9CM carnivora insetti mosche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


La propagazione della dionea

Il fiore della dionea La pianta carnivora dionea si può riprodurre in tre metodi differenti: per divisione, per talea e per semi. Il metodo più semplice è quello per divisione, ma bisogna aspettare che la dionea sia una pianta ben sviluppata e matura. Si estrae dal vaso la pianta sempre con attenzione e si mette della terra dentro una bacinella di acqua. Quando sono a nudo i rizomi si dividono e si possono rinvasare nel composto. La propagazione per talea si fa in primavera oppure all’inizio dell’estate. Si taglia una foglia, possibilmente vicina alla base e si priva della sua "trappola". Poi si posiziona su uno strato umido di torba e di sfagno. Si protegge con del cellophane per mantenere l'umidità. Entro un mese o poco più compaiono nuovi germogli che generano altrettante piante. Una foglia è quindi capace di creare più piante.