Noleggio biotrituratore

Noleggio biotrituratore

Il noleggio biotrituratore permette di avere a disposizione questo macchinario anche solo per poche giornate all'anno. Questo macchinario si utilizza per triturare le ramaglie, i materiali di risulta ottenuti dallo sfalcio del prato e dai lavori di pulizia delle siepi, i piccoli rami e le foglie potate dalle siepi in primavera o fine inverno. Per questo motivo in molti casi questo attrezzo viene utilizzato solo per alcune giornate all'anno, tipicamente a fine inverno o in autunno, mentre nelle restanti giornate viene lasciato in una rimessa o in cantina. Visto che io biotrituratori sono macchinari costosi, che possono venire venduti a prezzi superiori ai 500 euro, il noleggio biotrituratore permette l'utilizzo di questa apparecchiatura anche a coloro che non se ne potrebbero permettere l'acquisto.
Biotrituratore usato

TACKLIFE Biotrituratore da Giardino, Cippatrice da Legno, Potenza 2800W, capacità di Taglio Max 45mm, Scatola da Raccolta da 60 L, Motore Silenzioso ad Induzione, PWS01A

Prezzo: in offerta su Amazon a: 205,79€
(Risparmi 144€)


Modelli

Biotrituratore In commercio troviamo parecchi modelli di biotrituratore; in genere quelli per utilizzo domestico hanno motore elettrico, in modo da produrre un rumore contenuto, per un utilizzo in giardini posizionati tra le abitazioni. I modelli più potenti ed efficienti hanno invece motore a scoppio, o possono venire collegati ad un trattore o ad un motocoltivatore. I biotrituratori elettrici in genere possono macinare solo ramaglie di piccole dimensioni, e fogliame; invece i modelli con motore a scoppio possono arrivare a triturare rami con diametro superiore ai 3-6 cm, in modo da poter trasformare in minuscoli pezzi anche tutte le potature delle siepi o degli alberi da frutto. Prendere a noleggio uno di questi attrezzi permette di utilizzare modelli molto efficaci, con motore a scoppio potente, in modo da poter triturare tutti gli scarti prodotti in giardino; per molte persone tali strumenti sono venduti a prezzi non accessibili, questa può essere una soluzione meno onerosa.

    TACKLIFE Biotrituratore da Giardino, Cippatrice da Legno, Potenza 2800W, capacità di Taglio Max 45mm, Scatola da Raccolta da 60 L, Motore Silenzioso ad Induzione, PWS01A

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 205,79€
    (Risparmi 144€)


    Noleggiare un macchinario da giardino

    Biotrituratore Moltissimi garden center o negozi di bricolage mettono a disposizione per la loro clientela una ampia gamma di macchinari a noleggio; si tratta in genere di apparecchiature costose, che possono venire vendute a prezzi superiori ai 1000 euro. Di solito è possibile noleggiare a giornata o a mezza giornata, e può costare anche intorno ai 50-60 euro per una intera giornata; chiaramente è necessario essere in grado di trasportare il macchinario fino al proprio domicilio, ma poi risulta possibile utilizzarlo a piacimento. In genere in un giardino di media grandezza l'utilizzo di un biotrituratore noleggiato per circa una giornata può essere sufficiente a triturare tutti gli scarti prodotti dalle potature. Quindi questa è una formula interessante per coloro che utilizzano i macchinari per brevi periodo e solo sporadicamente, visto che la spesa risulta decisamente contenuta.


    Utilizzare i biotrituratori a noleggio

    Biotrituratore Quando si noleggia una apparecchiatura si ha la certezza che questa sia stata sottoposta a tutti i controlli e le manutenzioni necessarie; una volta portato il biotrituratore a noleggio al nostro domicilio sarà sufficiente accendere il motore ed utilizzarlo per produrre cippato o scarti da compostare. Fondamentale risulta seguire tutte le norme di sicurezza, indossando occhiali e guanti, in modo da evitare incidenti causati dal fatto di maneggiare materiale verde di varia tipologia. Questo macchinario è una apparecchiatura di semplice utilizzo: presenta una tramoggia, entro cui si posizionano gli scarti da macinare; sotto la tramoggia è presente una serie di lame e martelli che tritano e sminuzzano quello che viene inserito nei biotrituratori. Se necessario, è bene rimuovere regolarmente il materiale di risulta da sotto la tramoggia, in modo da permettere al nuovo prodotto di ricadere comodamente. Evitate di riempire eccessivamente la tramoggia, o rischiate che le lame ed i martelli si incastrino a causa della grande quantità di materiale inserito.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO