Tagliabordi a batteria

Tagliabordi a batteria

I tagliabordi a batteria sono particolarmente adatti in giardini di dimensioni contenute, perché l'accumulatore permette il funzionamento del motore elettrico in genere per solo 25-35 minuti; dopo di che, è necessario riporre l'attrezzo e attendere che si ricarichi. L'operazione di ricarica si svolge in circa 2-3 ore, e la durata dipende dal modello, dalla potenza del motore e dalla capienza della batteria. Questo tipo di attrezzo funziona grazie ad un filo in materiale plastico duro, che girando vorticosamente trancia di netto i fili d'erba; chiaramente è importante utilizzare un tagliabordi solo per accorciare la lunghezza dell'erba ed evitare di incontrare rocce, sassi o piante dai fusti eccessivamente rigidi e robusti, che potrebbero danneggiare il filo e anche l'apparecchio stesso. I modelli di questo tipo non possono venire utilizzati per molte ore di seguito, non sono quindi indicati in giardino.
Tagliabordi a batteria

Einhell GE-CT 18 Li Solo Tagliabordi a Batteria

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,95€


Perchè utilizzare un tagliabordi a batteria

Tagliabordi a batteria In commercio troviamo modelli di varie tipologie; in genere hanno motore e scoppio o elettrico, e quelli a batteria rappresentano una minima parte delle apparecchiature vendute ogni anno. Il difetto principale sta nella breve durata delle batterie, ma nel caso di un piccolo giardino, possono rappresentare la scelta ideale. Prima di tutto perché il motore elettrico è molto silenzioso, soprattutto se paragonato ad un motore a scoppio. Se vivete in città, o avete tempo per praticare giardinaggio solo durante il fine settimana, l'utilizzo di un attrezzo con motore elettrico vi consentirà di non disturbare i vostri vicini, lavorando comunque in modo impeccabile e poco faticoso. Ma i comuni modelli elettrici devono venire collegati alla rete elettrica di casa, tramite un lungo filo; il cavo elettrico è sicuramente di impaccio durante le operazioni di pulizia del giardino, e la batteria aiuta moltissimo in questo senso.

    Einhell GC-CG 3,6 Li Forbici/ Tagliasiepe a Batteria

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,12€
    (Risparmi 10,83€)


    Come utilizzare un tagliabordi a batteria

    Impugnatura tagliabordi Si tratta di un attrezzo di facile utilizzo; è bene comunque seguire qualche piccolo accorgimento, per evitare di fare dei danni in giardino, o di rovinare l'attrezzo. Considerate che il filo che trancia l'erba deve venire mantenuto sempre ad una altezza regolare, a circa 10-15 cm dal terreno e completamente parallelo rispetto al tappeto erboso: solo in questo modo otterrete dei bordi ben rifiniti, senza segni e senza causare strappi nell'erba, che a lungo andare possono causare il diffondersi di parassiti e malattie fungine. Evitate sempre di far colpire la terra al filo, perché potrebbe danneggiarsi, o causare dei veri e propri solchi nel terreno. Il movimento deve essere circolare e lento, per permettere al filo di colpire tutti i fili d'erba che deve accorciare. Questi strumenti sono progettati per tagliare l'erba, eventualmente delle piccole piante: evitate di utilizzarlo per erbacce dai fusti spessi e rigidi.


    Qualche suggerimento per la vostra sicurezza

    Tagliabordi Il filo del tagliabordi ruota molto velocemente, se colpisce le vostre gambe può causarvi un poco di dolore, ma non danni di grave entità; in ogni caso evitate di utilizzare questo attrezzo per "giocare": gli attrezzi da giardino vanno utilizzati con la dovuta cautela. Per evitare danni accidentali ricordatevi di indossare dei guanti spessi e un paio di scarpe pesanti, possibilmente di tipo antinfortunistico. Visto che l'apparecchio può muovere molto i residui del taglio, fino a farli schizzare attorno, sarebbe opportuno indossare degli occhiali protettivi, per evitare che piccoli sassi o residui d'erba penetrino nei vostri occhi. Ricordatevi dopo aver finito il lavoro in giardino, di porre la batteria nell'apposito caricabatterie: in questo modo troverete l'attrezzo pronto la prossima volta che ne avrete bisogno.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO