Semi di lino

Diversi tipi di semi di lino

È possibile trovare i semi di lino nelle vesti più diverse: possiamo preferirli interi, in modo tale che si mantengano più a lungo, sempre a patto di una corretta conservazione, oppure sceglierli già macinati, ma consapevoli che andranno più facilmente incontro all'invecchiamento. Per quanto riguarda i semi di lino interi, è bene specificare che questi non verranno "rotti" durante la nostra digestione, per cui i vari nutrienti non saranno assorbiti nel modo più corretto. È pur vero, però, che i semi di lino che acquistiamo già macinati, possono perdere parte dei loro valori nutrizionali, poiché è proprio durante la fase della macinazione, che i semi secernono gran parte dei loro oli benefici. In commercio, poi, è possibile trovare direttamente l'olio di semi di lino, che però non dura quanto le prime due alternative e deve necessariamente essere conservato in frigo.

400pcs! Famiglia perenne piante da giardino, fiore di lino blu fiori, piante in vaso sospeso, fiore blu semi di lino Hanging

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Semi di lino nella dieta

Consumo semi lino I semi di lino, se assunti con regolarità, sono in grado di aiutare a depurare il nostro organismo, in quanto la loro assunzione, abbinata ad un bicchiere d'acqua, può risvegliare il nostro intestino e prevenire la stitichezza. La dose quotidiana di semi di lino consigliata è di circa 2 o 4 cucchiai, per una media di circa 40 o 50 grammi al giorno. Un buon consiglio è quello di introdurre i semi di lino nella nostra dieta in maniera graduale, in modo di dare tempo e modo al nostro corpo di abituarsi ad essi. Assumere i semi di lino è importante per bilanciare l'apporto di omega 3, spesso troppo trascurati nella nostra alimentazione: in questo senso, i semi di lino possono essere una valida alternativa ad alimenti come i grandi pesci, che sì, possono essere valide fonti di omega 3, ma che purtroppo possono anche presentare un livello di mercurio potenzialmente allarmante.

  • Phormium Il Phormium tenax o lino della Nuova Zelanda è un arbusto sempreverde originario della Nuova Zelanda. Costituisce ampi cespi di lunghe foglie nastriformi, lunghe anche 120-150 cm, che con il tempo sup...
  • Timo Oltre ad essere una aromatica molto conosciuta, utilizzata e coltivata, il vulgaris viene cresciuto in giardino anche come pianta ornamentale; produce piccoli cuscini tondeggianti, con fusti eretti, d...
  • Linum grandiflorum Il Linum grandiflorum è una pianta erbacea annuale appartenente allo stesso genere di L. usatissimus, utilizzato per la produzione della fibra tessile, originaria dell'area mediterranea. A questo gene...
  • Adulto di oziorrinco ho piantato moltissimi bulbi di tulipani:ma come spuntavano e iniziavano ad avere il bocciolo sembrava si essiccassero. Come li prendi in mano escono dalla terra e presentano gambi rosicchiati.Si sono...

Geo ZLN0160 Lino Semi da Germoglio, Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,44€


Semi di lino come rimedi naturali

I semi di lino si dimostrano validissimi non soltanto in cucina, ma anche come rimedi naturali o alternative a trattamenti di bellezza: sono infatti ottimi contro la stitichezza, e oltre a prevenirla, possono anche contrastarla. Come già detto, infatti, consumare i semi di lino migliora il transito intestinale. È sufficiente assumerne un paio di cucchiai al giorno, ma in casi di stitichezza persistente, i semi di lino possono essere utilizzati per preparare un infuso dal forte effetto lassativo; assunto a digiuno, sarà un grande aiuto per il nostro corpo. Per preparare l'infuso sarà sufficiente mettere in ammollo un cucchiaio di semi di lino in un bicchiere d'acqua e coprirlo con un coperchio. Dodici ore dopo circa, andremo a filtrare il contenuto del bicchiere e saremo pronti a berlo. Come accennato, i semi di lino sono utilissimi anche nei trattamenti di cura "estetica". In particolare, gli impacchi ai semi di lino si rivelano ottimi per nutrire in profondità i capelli sfibrati o danneggiati. Per prepararlo, basterà versare in una pentola contenente circa 250ml d'acqua, due cucchiai di semi di lino, far bollire il tutto e lasciar poi riposare. Dodici ore dopo circa, il tutto andrà filtrato e sarà pronto all'utilizzo.


Acquisto e conservazione

conservazione I semi di lino sono grandi antiossidanti naturali, contengono magnesio, ferro, calcio e svariate vitamine, oltre che i già citati Omega 3. Possono facilmente essere acquistati al supermercato: un ottimo consiglio è quello di prenderli interi per poi macinarli poco prima di essere ingeriti, in modo tale da massimizzare il loro effetto benefico. Naturalmente, è molto importante non soltanto assumerli con regolarità, ma anche essere in grado di conservarli nel modo più corretto: tieni i tuoi semi di lino in un contenitore ben sigillato, poiché l'umidità tende a farli marcire. Tienili in frigorifero, nel congelatore, oppure in un luogo a temperatura ambiente. Nel caso specifico di olio di semi di lino, accertati con ancora maggior attenzione che esso sia conservato in un buon contenitore e che si trovi in un luogo fresco.