Parassita radici

Domanda: Parassita radicale

Buongiorno,

mi rivolgo a Voi perchè ad oggi non sono ancora riuscita a identificare un parassita che attacca le radici delle mie piante mangiandone le radici. Per cortesia, potreste aiutarmi ad identificarlo e a debellarlo? Allego una foto (macro) di questo parassita nel suo abitat (i miei vasi...). La sua dimensione reale (esemplare adulto) è mm. 2,00 di lunghezza x mm.

1,00 di larghezza. Il colore varia dal bianco al giallino. Prolifica "più di un coniglio...".

La Vostra rivista è molto interessante e mi chiedevo se è possibile una qualche forma di collaborazione (ovviamente non per la ricerca di questo parassita, poichè dopo un anno e mezzo di ricerche non l'ho ancora identificato).

Spero i ricevere presto una vostra risposta e colgo l'occasione per porgerVi

i miei più cordiali saluti.

Mirella

malattia

Elettrodecespugliatore Oleomac Tr61 E

Prezzo: in offerta su Amazon a: 99€


Parassita radici: Risposta: Parassita radicale

Gentilissima Mirella,

La ringraziamo per averci contattato in merito ai suoi quesiti sul parassita delle radici, tramite la rubrica dell'Esperto di "Giardinaggio.it". Dalla descrizione e dalla foto inviataci riteniamo che il parassita delle sue piante potrebbe essere Rhizoecus falcifer , la cocciniglia vive sulle

radici delle diverse piante ospiti, soprattutto su quelle allevate in serra e in vaso. Quando è presente con forti infestazioni provoca deperimenti vegetativi più o meno accentuati, che su talune piante si manifestano con l'ingiallimento e il disseccamento delle foglie. Si moltiplica

ininterrottamente con contemporanea presenza dei diversi stadi di sviluppo. Le femmine depongono alcune decine di uova in mezzo a un groviglio di filamenti cerosi, dalle quali nascono neanidi che estendono l'infestazione sull'apparato radicale della medesima pianta e a quelle circostanti, sul quale l'insetto può sviluppare consistenti popolazioni. Per evitare la

diffusione delle infestazioni è opportuno invasare le piante utilizzando terriccio nuovo o sterilizzato con vapore acqueo surriscaldato. Con attacchi in atto possono essere distribuiti, sul terriccio dei vasi, geodisinfestanti sistemici provvedendo poi ad una irrigazione per facilitare la penetrazione del preparato a livello delle ardici.

Cordiali saluti.

  • Dracena Salve, ho una dracena da 5 anni; è stata sempre perfetta, ma da un mese, o poco piu' cominciano a seccarsi le foglie, non capisco il perchè; Ciascuna foglia (sana)inizia ad avere degli aloni o delle z...
  • camelia Salve, ho un problema con una camelia in vaso e una in giardino. Entrambe fanno i boccioli, ma questi non si schiudono e cadono dopo essere diventati marroncino,come se fossero marci. Metto regol...
  • Patate Abbiamo seminato le patate in aprile ed i tuberi sono praticamente marciti tutti, abbiamo dato la colpa alla tanta pioggia ed al freddo, li abbiamo riseminati al mese di maggio e più della metà sono m...
  • Maculatura bruna del pero Lo Stemphylium vesicarium è un fungo parassita che colpisce le piante e che causa la maculatura bruna del pero. È un fungo insidioso che è in grado di rovinare interi raccolti. Il fungo è in grado di ...

TecTake Box per trasporto cane doppio (L/P/A: 89/69/50 cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 63,99€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO